ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto biologia

SISTEMA ENDOCRINO, IL SISTEMA IMMUNITARIO, SISTEMA CIRCOLATORIO, SISTEMA RESPIRATORIO, SISTEMA DIGERENTE

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

SISTEMA ENDOCRINO

coopera con il sistema nervoso nel coordinamento e controllo dell'organismo. Esso è formato da ghiandole endocrine che secernono ormoni. Gli ormoni sono aminoacidici quando sono di natura proteica, sono steroidei quando sono di natura lipidica e vengono liberati nel sangue con il quale raggiungono le loro cellule bersaglio  Il controllo della secrezione ormonale può avvenire: per feedback negativo, la risposta smorza lo stimolo che l'ha generata. Esso è il meccanismo più comune di regolazione ormonale. E per feedback positivo, la risposta amplifica lo stimolo che l'ha generata, non è un meccanismo molto comune. Esso inizia dall'ipotalamo e quando viene a mancare provoca gravi squilibri all'organismo (ne sono esempi il nanismo ipofisario, il gigantismo ipofisario, il gozzo endemico, il diabete insipido). L'ipofisi è una piccola ghiandola sospesa all'ipotalamo da un peduncolo, è formata da una parte anteriore e da una parte posteriore. L'ipofisi anteriore o adenoipofisi secerne: l'ormone tireostimolante (TSH) che stimola la liberazione di ormoni tiroidei da parte della tiroide; l'ormone adrenocorticotropo (ACTH) che stimola la produzione di ormoni steroidei da parte della corticale delle ghiandole surrenali; l'ormone follicolostimolante (FSH) che promuove lo sviluppo della cellula uovo nella donna e stimola la secrezione di estrogeni; l'ormone luteinizzante (LH) che induce l'ovulazione nelle donne e stimola la produzione di progestinici; la prolattina che stimola lo sviluppo delle ghiandole mammarie e la produzione di latte; l'ormone della crescita o somatotropo (STH) che stimola lo sviluppo generale dell'organismo. L'ipofisi posteriore o neuroipofisi secerne: l'ormone antidiuretico (ADH) che riduce la quantità di acqua eliminata dai reni; l'ossitocina che stimola la muscolatura liscia uterina.



IL SISTEMA IMMUNITARIO

Esso è deputato alla difesa dell'organismo da parte dei patogeni, agisce con difese aspecifiche e specifiche. Tali difese danno luogo all'immunità, per svolgere la propria funzione utilizza diversi tipi di cellule (globuli bianchi) e di proteine. Le difese immunitarie possono essere aspecifiche  e specifiche. La aspecifiche sono: le barriere fisiche cioè la cute e gli epiteli che rivestono le superfici interne del corpo; i fagociti che ingeriscono altre cellule o loro frammenti; gli interferoni che inducono in cellule normali la produzione di sostanze ad azione antivirale; il complemento che è un gruppo di proteine che supplementa l'azione degli anticorpi; l'infiammazione che è una risposta tissutale localizzata alle lesioni, essa è scatenata dalla liberazione di istamina e eparina da parte delle mastcellule; la febbre che è un prolungato rialzo della temperatura corporea. Le specifiche conferiscono all'organismo l'immunità. Essa può essere: acquisita, è passiva quando è prodotta con la somministrazione di anticorpi prodotti da un altro organismo è attiva quando è prodotta da anticorpi sintetizzati dall'organismo in risposta a ntigeni; innata che viene ereditata alla nascita.

SISTEMA CIRCOLATORIO

Esso trasporta ossigeno, anidride carbonica e varie sostanze verso e da i tessuti ed è costituito dal sangue, dal cuore e dai vasi sanguigni. Il sangue è presente nella donna nella misura di 4-5 litri, nell'uomo di 5-6 litri, ha una temperatura di circa 38 °C, ha un pH di circa 7,4, è formato da elementi urati e plasma. Gli elementi urati sono: i globuli rossi o eritrociti che trasportano l'ossigeno a tutti i distretti dell'organismo e prelevano da questi l'anidride carbonica e   contengono l'emoglobina a cui si lega l'ossigeno; i globuli bianchi o leucociti che sono coinvolti nella difesa dell'organismo; le piastrine o trombociti che sono sacchetti contenenti enzimi e sono coinvolte nella coagulazione del sangue. Il plasma è formato da: acqua per circa il 92%, proteine plasmatiche, albumine, coinvolte nel trasporto di ormoni e acidi grassi, globuline, che sono anticorpi e proteine di trasporto, fibrinogeno, coinvolto nella coagulazione del sangue e ioni, nutrienti, scorie metaboliche, ormoni.

Le trasfusioni di sangue sono possibili solo tra un donatore e un ricevente che abbiano gruppi sanguigni compatibili. L'incompatibilità materno-fetale è legata al fattore Rh.

I vasi sanguigni trasportano il sangue in tutte le parti del corpo essi sono le arterie, le vene e i capillari. Le arterie trasportano il sangue in uscita dal cuore; le vene trasportano il sangue in entrata al cuore; i capillari connettono le arterie alle vene e permettono gli scambi di gas, nutrienti e prodotti di rifiuto tra il sangue e i tessuti.

La circolazione negli animali può essere: aperta quando le arterie riversano il sangue in spazi aperti chiamati seni, è presente in molti invertebrati. Chiusa quando il sangue circola sempre nei vasi sanguigni, può essere semplice o doppia, che a sua volta, può essere incompleta o completa.

Il cuore umano è situato nella gabbia toracica, ha le dimensioni circa di un pugno chiuso, è costituito da quattro camere muscolari, due atri e due ventricoli. L'atrio è in comunicazione con il sottostante ventricolo per mezzo di una valvola atrioventricolare, pompa il sangue in tutti i vasi. La contrazione del cuore inizia a livello del nodo senoatriale e si trasmette alla muscolatura dell'atrio e al nodo atrioventricolare. La circolazione sanguigna porta ossigeno a tutti i tessuti del corpo, è suddivisa, nei vertebrati, in: circolazione polmonare o piccolo circolo, che porta il sangue dal cuore ai polmoni e da questi al cuore e circolazione sistemica o grande circolo, che porta il sangue dal cuore al resto del corpo e da questo al cuore. La pressione sanguigna è un parametro fondamentale per stabilire lo stato di salute del sistema circolatorio di un individuo è detta: sistolica (la cosiddetta pressione massima) quella esercitata dal sangue sui vasi arteriosi quando si contrae il ventricolo sinistro e diastolica (la cosiddetta pressione minima) quella del sangue arterioso nell'intervallo tra due sistole. Le arterie coronarie irrorano il cuore e quando si ostruiscono si verifica l'infarto miocardico. Gli scambi tra il sangue e le cellule avvengono a livello dei letti capillari:  all'estremo arterioso la pressione ematica tende a spingere i materiali fuori dai capillari; all'estremo venoso la pressione osmotica tende a muovere i materiali verso l'interno del capillare.




SISTEMA RESPIRATORIO

introduce ossigeno nell'organismo e ne elimina l'anidride carbonica, difende l'organismo dalla penetrazione di microrganismi, produce suoni per il linguaggio, regola il volume e la pressione del sangue, controlla il pH dei fluidi corporei, è formato dai polmoni e dalle vie respiratorie. La respirazione avviene in più tappe: ventilazione polmonare, è fatta dall'alternarsi regolare di inspirazioni e espirazioni;  respirazione esterna, è lo scambio dei gas tra gli alveoli e il sangue; respirazione interna, è lo scambio di gas tra il sangue dei capillari e il liquido interstiziale circostante. L'ossigeno è trasportato dal sangue legato all'emoglobina, l'anidride carbonica è trasportata sotto forma di ione bicarbonato.

SISTEMA DIGERENTE

rifornisce l'organismo di nutrienti ricavati dagli alimenti introdotti nel corpo. I passaggi che portano alla digestione degli alimenti nel sistema digerente sono: ingestione, è l'introduzione del cibo attraverso la bocca; elaborazione meccanica, è la manipolazione fisica dei cibi solidi; digestione, è la scissione chimica del cibo in  piccole molecole; secrezione, è la liberazione di acqua, acidi, enzimi e sostanze tampone da parte del rivestimento del canale alimentare e da parte delle ghiandole accessorie per rendere possibile la digestione; assorbimento, è il movimento verso i capillari o i vasi linfatici delle piccole molecole organiche, degli ioni e delle vitamine attraverso l'epitelio di rivestimento dell'intestino; escrezione, è l'eliminazione dei prodotti di rifiuto dell'organismo.

Il sistema digerente è formato da: il canale alimentare o tubo digerente e le ghiandole accessorie che sono il fegato e il pancreas. che attraversa tutto il corpo, dalla bocca all'ano e comprende la cavità orale, la faringe, l'esofago, lo stomaco, l'intestino tenue, l'intestino crasso, il retto e l'ano. A livello microscopico, procedendo dall'esterno verso l'interno, il canale alimentare è formato da: la sierosa costituita da tessuto connettivo; la tonaca muscolare esterna formata da due strati di tessuto muscolare liscio; la sottomucosa formata da uno strato di tessuto connettivo lasso; la mucosa che è un epitelio ricoperto di muco da lui stesso prodotto, è sollevata in pieghe che aumentano molto la superficie assorbente del canale alimentare, in ciascuna piega è ulteriormente sollevata in estroflessioni digitiformi dette villi, in ciascun villo forma, a sua volta, microvilli. La digestione inizia nella cavità orale: il cibo viene frammentato dai denti e impastato con la saliva, gli enzimi presenti nella saliva cominciano a digerire i carboidrati, la poltiglia di cibo passa attraverso la faringe e l'esofago per raggiungere lo stomaco, prosegue nello stomaco, il cibo viene rimescolato con i succhi gastrici , il chimo così prodotto passa nell'intestino tenue, si completa nell'intestino tenue, è formato da duodeno, digiuno e ileo. Le ghiandole accessorie (fegato e pancreas) producono secreti necessari per la digestione: il pancreas produce enzimi digestivi (lipasi, amilasi, proteasi) e sostanze tampone; il fegato produce la bile, che si raccoglie nella colecisti o cistifellea, favorisce la digestione dei grassi. L'intestino crasso è formato da cieco, colon e retto. Contiene i materiali non digeriti che vengono compattati e eliminati come scorie solide (feci) attraverso l'ano, riassorbe dai materiali indigeriti l'acqua e le vitamine prodotte dalla flora batterica che qui vive.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta