ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto chimica

CROMATOGRAFIA SU STRATO SOTTILE

CROMATOGRAFIA SU STRATO SOTTILE
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

CROMATOGRAFIA SU STRATO SOTTILE

  • Titolo: Cromatografia su strato sottile
  • Scopo: Separare le sostanze che compongono l’inchiostro con la tecnica della cromatografia su strato sottile, utilizzando una lastrina di gel di silice.
  • Teoria: La cromatografia è una tecnica di separazione dei miscugli omogenei basata sulla diversità dei colori, ed è formata da una fase fissa e una mobile. Sfrutta la capacità di una sostanza porosa di trattenere e assorbire i vari componenti di una soluzione, che un solvente o una miscela di solventi (eulente) trascina con velocità diversa, provocandone la separazione. La cromatografia su strato sottile utilizza un procedimento analogo a quello della cromatografia su carta, solo che al posto della striscia di carta abbiamo una lastra di vetro ricoperta da un sottile strato di silice, alluminia, o altre sostanze porose.
  • Attrezzature:

Ø      Carta da filtro



Ø      Penna biro nera

Ø      Provetta

Ø      Lastrina di gel di silice (fase fissa)

Ø      2 becker (port. 250 mg/sens. 50 mg)

Ø      Pipetta Pasteaur

Ø      Vetrino da orologio

Ø      Cilindro graduato (port. 10 ml +/- 0.1) (sens. 0.1)

Ø      Pennellino

Ø      Imbuto

·         Materiali:

Ø     Acetone

Ø     Alcol etilico

Ø     Miscuglio omogeneo di inchiostro

·         Procedimento:

ü      Si è ritagliato un quadratino di carta da filtro di lato 1 cm e con la penna biro nera si sono colorate le sue facce.

ü      Si sono misurati con il cilindro graduato 2 ml di acetone, che è stato poi versato in una provetta.

ü      Si è messo il quadratino nero nella provetta, e si è notato che, mentre l’acetone acquisiva un colore viola intenso, l’inchiostro nero sul quadratino di carta scoloriva.

ü      Successivamente si è versato dell’acetone nel primo becker fino a circa 1 cm dal suo fondo.

ü      Si è bagnato leggermente il pennello con la soluzione nella provetta, e con essa si è tracciata una riga sottile a circa 2 cm dal bordo della lastrina di gel di silice. Si è osservato che la linea era viola, ma si vedeva del giallino ai bordi.

ü      Si è introdotta la lastrina nel becker contenente acetone in posizione verticale, con la riga nella sua parte inferiore, e si è coperto il tutto con il vetrino d’orologio con la concavità verso il basso.




ü      A questo punto il solvente è salito lungo la lastrina, e con esso è salita anche la riga gialla, mentre la viola stava ferma. A contatto con l’acetone, sopra la linea gialla si è formata anche una linea verde. Le due linee si distinguevano molto bene. La linea viola invece si è sfuocata, pur distinguendosi comunque bene. Mano a mano che saliva, la linea verde diventava sempre più scura, fino diventare di color oliva. Sotto la linea viola si è formata in seguito una linea gialla molto sottile.

ü      Quando il solvente è arrivato a 1 cm dal bordo della latrina, essa è stata tolta dal becker e fatta asciugare all’aria.

ü      Poi essa è stata messa nel secondo becker, dove è stato versato dell’alcol etilico.

ü      Anche questo solvente è salito, e durante la sua risalita ci sono stati dei cambiamenti nei colori. Alla fine da sopra a sotto i colori erano questi: blu, viola chiaro, giallino nella parte inferiore della lastrina, giallo e verde nella sua parte superiore.

  • Analisi dei dati:

 

SOLVENTE

COLORI OTTENUTI (dal basso in alto)

Acetone

                 Giallo (sottile)     

                 Viola sfuocato   

                 Giallo          

                 Verde oliva

Etanolo

                   Blu

                    Viola chiaro

                   Giallino

                   Giallo

                    Verde oliva

 

  • Conclusioni: Sono state separate le sostanze che compongono l’inchiostro mediante la tecnica della cromatografia su strato sottile. Si è inoltre osservato che l’etanolo è il solvente più affine ad esso. L’esperimento è riuscito.





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta