ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto economia

POLITICA DEI DIVIDENDI(principi di base) - Fabb fin. NETTO

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

POLITICA DEI DIVIDENDI(principi di base)

 Ha 2 valenze:

1)punto di vista ragioneristico(il div. e’ la remunerazione delle azioni)

 2)punto di vista fin.: 

a)      dividendo come variabile residuale( esiste se/quando i R hanno spesato tutti i C e resta 1 quid destinabile alle risorse e ai div.)

b)      l’I massimizza il V di M(V azionario) se reinveste gli utili in inves. con redditivita’ superiore al saggio di capitalizzazione del M e distribuisce agli investitori solo gli utili non reinvestibili.

SAGGIO DI CAPITALIZZAZIONE DEL Màsi intende l’incremento %di V:

1)del nostro titolo azionario.

2) dell’insieme dei titoli azionari quotati in1 certo M omogeneo.

L’I dal punto di vista dei dividendi:

1)      lo distribuisce

2)lo reinveste/(principi informatori)àPer decidere la politica dei dividendi,l’I:

1)      deve stabilire se il div. che vuole distruibuire e’ compatibile con il fabbisogno finanz.(valu. dei flussi di cassa)

2)deve considerare le alternative x rimborsare i D(autof.x ridurre il tasso di onerosita’ fin.)

3)deve tener presente la situazione di liquidita’

4) deve tener presente l’andamento propsettico dell’inflazione

5) deve considerare l’impatto che dei div. sul V delle azioni

FABB. FINANZIARIO TOT àsomma di tutti i fabb. monetari all’interno dell’I; tot dei mezzi monetari di cui ha bisogno l’I. E’ originato dall’evolversi della gest. dell’I.Va riferito ad 1 preciso periodo temporale.Perche’ l’I ha bisogno di soldi? Fabbisogni=inves(al netto di eventuali alienazione cespiti pre-esistenti/rimborso di quote K di mutui in scadenza/variaz. magazzino/K d’es.(connesso alla contrapposizione di Cr e D, suppongo Cr>D). Ipotizzando una Impresa sana (C/E positivo) e’ meglio avere +D.Il vantaggio finanziarionon e’ detto che avvenga subito.

Fabb fin. NETTOàammontare totale dei finanziamenti esterni.

In ottica ragionieristica e’ la necessita’ di fondi esterni.

In ottica direzionale indica la necessita’ x l’I di :

-necessita’ di fondi esterni

-          correlare in modo ottimale i finanziam. esterni(di Cr,di K) con i fabbisogni di investimento dell’I.E’ 1strumento fondam. di politica eco-finanz. xche’ serve:

1)alla direzione xconoscere in anticipo l’ammontare dei finanz. esterni necessari x far fronte ai propri investimenti

2)all’I in 1ottica di struttura finanz. x correlare in modo adeguato l’entita’ di questi finanziamenti(mutui..)in relazione alla struttura delK investito(se i finanz. mi servono x implementare le Imm. sarebbe opportuno ricorrere a finanz. di M/L termine o ad aumento diK; se i finanz.servono x ilKcircolantedovremo ricorrere a 1finanz. a Btermine.L’aumento diK viene effettuato a tit. gratuito;i mutui generano oneri finanz].

Metodologia di calcolo:

1)diretto= prospetto fabb. coperture di fondo

2)analitico=predisporre nell’ambito del sist. di programm. eco-fin. 1budget finanz. di cassa/Serve come base di: -politica finanz/ -pol. dei dividendi/

VANTAGGIà1)di conoscenza a preventivo della necessita’ di fondi esterni

 2)semplicita’ di calcolo in entrambi i metodi

 3)oggettivita’ nella valutazione

SVANTAGGIà 1)difficolta nella determinazione dei singoli dati analitici di incasso di amento e della previsione dei tempi

 2)collocazione nella struttura aziendale di questa fz

 3)complessita’ di calcolo a livello di individuazione analitica di queste voci






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta