ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

Intervista Immaginaria a Cristoforo Colombo

Intervista Immaginaria a Cristoforo Colombo
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Intervista Immaginaria a Cristoforo Colombo

 

Sna:1496

Ci troviamo in Sna, stiamo per incontrare Cristoforo Colombo; ha dapoco scoperto delle nuove terre, è un grande onore parlare con l’ammiraglio.

  • Buongiorno signor Colombo; siamo onorati di incontrarvi, possiamo farvi alcune domande?
  • Buongiorno visitatore, grazie… certo, chiedi pure.
  • Cominciamo dall’inizio… come avete convinto il re e la regina a farvi dare il loro permesso per compiere l’impresa?
  • All’inizio devo dire ho incontrato molti ostacoli, per molto tempo sono stato fermo poi ho proposto al re e alla regina un contratto con delle condizioni precise.
  • Cosa diceva questo contratto?
  • Io davo loro l’esclusiva delle scoperte ma l’oro da me scoperto mi apparteneva e in più chiedevo i titolo di Don per tutti i miei discendenti.
  • Sappiamo che l’impresa ha avuto inizio dal porto di Palos, con voi chi si è imbarcato?
  • C’erano persone che non avevano nulla da perdere, non eravamo sicuri di tornare sani e salvi. Inoltre ho promesso ad alcuni uomini che erano in carcere, uno sconto della pena.
  • Quindi non c’erano molte persone che volevano imbarcarsi…voi siete stato davvero molto coraggioso. Oltre il coraggio, quali sono gli aspetti del vostro carattere?
  • Sono una persona sincera, forse un po’ testarda. Ho un profonda fede religiosa e credo di essere anche abbastanza convincente.
  • Bene, ora torniamo al viaggio… con quali imbarcazioni lo avete affrontato?
  • Sono partito con tre caravelle, sono delle nuove imbarcazioni…hanno due vele a bordo e sono molto veloci perché sfruttano il vento. Erano la Pinta, la Nina e la Santa Maria.
  • Voi dove alloggiavate?
  • Io stavo nella Santa Maria, quella più grande ed ero l’unico ad avere un letto.
  • Il resto dell’equigio com’era disposto?
  • Eravamo divisi equamente sulle tre caravelle, c’erano con noi anche un chirurgo e un notaio per annotare le nuove scoperte.
  • Cosa provaste quando sbarcaste sulle nuove terre? Com’era il paesaggio davanti a voi?
  • Beh, fu una grande emozione, c’era una sabbia bianchissima e davanti a me una folta vegetazione.
  • C’era qualche forma di vita?
  • Si,c’era una popolazione…
  • Ce la potete descrivere?
  • Erano di bell’aspetto, giovani…si coloravano di rosso. Era una popolazione primitiva, ingenua.
  • C’era oro sull’isola?
  • Devo dire che non era tantissimo ma riuscimmo ad avere delle cose di valore dando in cambio specchietti  e campanelli.
  • Come proseguì l’avventura?
  • Due caravelle andarono perse, rimanemmo con la più piccola. Non potevamo tornare tutti in Sna con una sola imbarcazione così feci costruire un forzino dove rimase il resto dell’equigio.
  • Come fu il viaggio di ritorno?
  • Molto burrascoso, c’era una tempesta… le vele si lacerarono. Fu davvero una tragedia.
  • Quando tornaste qui cosa successe?
  • Fui festeggiato dall’intero paese; finalmente capirono tutti che c’erano davvero delle nuove terre.
  • E quando tornaste all’isola?
  • Ho trovato scheletri ed era tutto bruciato…
  • Cosa era successo?
  • Un attacco delle popolazioni straniere, davvero un brutto colpo.
  • Credete di aver avuto la giusta ricompensa per la sua grande impresa?
  • Non mi lamento.
  • Vi ringraziamo per la disponibilità… è stato davvero un grande onore parlare con voi.
  • Prego, anche a me ha fatto piacere parlare con voi.
  • Arrivederci ammiraglio
  • Arrivederci.





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta