ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto latino

ERUDIZIONE E DISCIPLINE TECNICHE IN ETA’ AUGUSTEA

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

ERUDIZIONE E DISCIPLINE TECNICHE IN ETA’ AUGUSTEA


La fondazione a Roma di tre biblioteche indica l’aumentata domanda di lettura. Una di queste biblioteche, la Palatina, è diretta da Igino. Questi però cadde in disgrazia e morì in miseria. Il fatto che un personaggio di origine servile fosse direttore di una biblioteca stava a significare che ora la strada dell’ascesa sociale poteva passare anche attraverso le attività culturali e non più solo economiche. Le opere di Igino andarono tutte perdute.

Per quanto riguarda la cultura scientifica, la letteratura latina precedente all’età imperiale ne è molto carente, perché difficilmente si rinunciava alla prosa oratoria per adottare la terminologia precisa necessaria a scrivere le opere scientifiche.

Durante l’età imperiale, invece, la produzione di testi scientifici è molto maggiore. Ad esempio, in architettura, troviamo le opere di Vitruvio. Negli anni in cui Augusto si dedicò ad un programma di rinnovamento dell’edilizia pubblica, Vitruvio pubblicò il trattato De architectura, in 10 libri, dedicato ad Augusto. Purtroppo ci sono rimaste solo le opere scritte e non i disegni che correlavano l’opera.




Vitruvio vede l’architettura come l’imitazione dell’ordine provvidenziale della natura, per cui l’architetto deve conoscere bene tutte le scienze, deve avere veramente una cultura enciclopedica.

In realtà Vitruvio esagera: la conoscenza di tutte queste scienze (es. filosofia) serve più che altro ad aumentare il prestigio sociale e culturale dell’architetto.

TESTI

-   L’architetto

In questo brano Vitruvio illustra le doti che ogni architetto, se vuole essere veramente tale, deve possedere. Oltre alle normali doti che deve possedere per essere un semplice architetto, deve:

-         deve avere una istruzione letteraria per trasformare in appunti le idee;

-         conoscere la storia per conoscere il significato simbolico delle ure ornamentali (ad esempio le cariatidi derivano dalle donne di Caria, città greca schieratasi con i persiani; al termine della guerra i Greci la occuparono, uccisero tutti gli uomini e fecero subire alle donne l’oppressione della vergogna lasciando lo loro le stole e gli ornamenti matronali ma riducendole in schiavitù: Gli architetti del tempo rappresentarono le donne sotto pesanti carichi per ricordare ai posteri la loro colpa e il loro castigo);

-         conoscere la filosofia per essere libero dalla presunzione, non avido e avere gentilezza d’animo. La filosofia, inoltre, spiega la natura delle cose e insegna a conoscere i problemi posti dalla natura (basti pensare al problemi delle condotte idrauliche);



-         studiare la musica (l’architetto progettava anche le macchine da guerra) perché le baliste, le catapulte e gli scorpioni vengono registrate per lanciare diritto con delle corde che devono vibrare ad un determinato tono;

-         conoscere la medicina per sapere ciò che può essere utile o dannoso agli uomini (influssi del clima, caratteristiche dell’aria, dei luoghi o delle acque);

-         deve avere cognizioni giuridiche per stipulare gli atti e per altri problemi che potrebbero sorgere dalla vicinanza degli edifici;

-         conoscere l’astronomia per la costruzione delle meridiane.

La conoscenza di un architetto deve essere tanto vasta che la sua preparazione deve cominciare fin da giovane.

-   Il patrimonio più sicuro

Il brano tratta di un naufragio del filosofo presocratico Aristippo nell’isola di Rodi. Egli temeva per la sua vita ma si salvò e ricevette grandi doni, recandosi al ginnasio e disputando di filosofia. Ciò vuol dire che l’uomo sapiente è cittadino di ogni città e può affrontare impavido ogni avversità della sorte; chi si basa sulla ricchezza, invece, affronta una vita incerta e malsicura.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta