ePerTutti

Categoria
Arte
Biologia
Chimica
Diritto
Economia
Elettronica
Fisica
Geografia
Informatica
Inglese
Italiano
Latino
Letteratura
Lingue
Management marketing
Matematica
Psicologia
Ricerche
Sociologia
Storia
Storia dell arte
Tecnica
Tecnologia meccanica
Tedesco
Varie
Appunti, Tesina di, appunto LATINO

Eroico sacrificio del centurione Marco Petronio - Cesare

Eroico sacrificio del centurione Marco Petronio - Cesare
Scrivere la parola
Seleziona una categoria


Eroico sacrificio del centurione Marco Petronio - Cesare

eodem tempore L. Fabius centurio quique una

murum ascenderant, circumventi atque interfecti

 de muro praecipitabantur. M. Petronius, eiusdem

 legionis centurio, cum portas excidere conatus

esset, a multitudine oppressus ac sibi desperans

 multis iam vulneribus acceptis, manipularibus suis,

 qui illum erant secuti, “Quoniam” inquit “me una

 vobiscum servare non possum, vestrae quidam

 certe vitae prospiciam, quos cupiditate gloriae

adductus in periculum deduxi. vos data facultate

 vobis consulite.” Simul in medios hostes inrupit

 duobusque interfectis reliquos a porta paulum

submovit. conantibus auxiliari suis, “Frustra”

inquit “meae vitae subvenire conamini, quem

iam sanguis viresque deficiunt. proinde abite,

 dum est facultas, vosque ad legionem recipite.”

 Ita pugnans post paulo concidit ac suis saluti fuit.

Traduzione :

 Nello stesso tempo il centurione L. Fabio e quelli che con lui avevano scalato il muro,

 circondati e uccisi, venivano buttati giù dal muro. Marco Petronio,

 centurione della medesima legione, dopo aver tentato di sfondare le porte,

oppresso dal numero e disperando per la sua vita1, poiché aveva già ricevuto molte ferite,

disse ai suoi  manipolari, che lo avevano seguito: “Dal momento che non

 posso salvarmi insieme a voi, provvederò almeno alla vostra vita: io infatti,

spinto dalla brama di gloria, vi ho condotto2 in pericolo.

 Voi, (appena ve ne sarà) offerta la possibilità, provvedete a voi stessi”.

Nello stesso tempo si slanciò in mezzo

ai nemici e, dopo aver(ne) uccisi due, allontanò gli altri un po’ dalla porta.

Mentre i suoi tentavano di aiutarlo, disse: “Invano tentate d

i portare soccorso alla mia vita: infatti3 il sangue e le forze mi abbandonano.

Perciò andate, finché potete4, e tornate alla (vostra) legione.”

Così, combattendo, dopo poco cadde, e fu di salvezza ai suoi.

 



© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati ::::: Condizioni Generali - Invia - Contatta