ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto latino

LE STAGIONI NELLE ODI

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LE STAGIONI NELLE ODI

PRIMAVERAàA SESTIO

IL PAESAGGIO PRIMAVERILE E’ DESCRITTO NELLE PRIME STROFE.

L’ IMMAGINE FRESCA DELL’ ARRIVO DELLA PRIMAVERA SUSCITA IN ORAZIO  UNA MEDITAZIONE SULL’ ENEVITABILE TRASCORRERE DEL TEMPO.

LA DESCRIZIONE E’ CARATTERIZZATA DA UN CONTRASTO FRA IL GRADITO PASSAGGIO DA UN TEMPO PIU’ MITE ED ALL RITORNO DELL’ ATTIITA PRODUTTIVA SIA NEL MONDO UMANO(SI RI METTONO NE BARCHE IN MARE)SIA NEL MONDO DIVINO(LE OFFICINE DEI CICLOPI).

AUTUNNOàAL COPPIERE

IN QUEST’ ODE RITORNA IL MOTIVO DELLA BREVITA’ DELLA VITA.SUL PAESAGGIO AUTUNNALE IL POETA PROIETTA LA SUA MEDITAZIONE SULLA FUGACITA’ DELLA VITA.

L’ UOMO E’ DESTINATO A SFIORIRE COME LA ROSA TARDIVA.

ROSA TARDIVAàAUTUNNO

IL POETA DESIDERA BANCHETTI SEMPLICI( VEDI ARIOSTO)CHE RICHIAMINO UN ESISTENZA TRANQUILLA E SOLITARIA(MEDIOCRITAS,AUTARCHIA)GODENDO DEL PRESENTE.

INVERNOàA TALIARCO

IN QUEST’ ODE E’ DESCRITTA UNA GIORNATA D’ INVERNO MOLTO FREDDA:IL MONTE SORATTO CANDIDO PER L’ ALTA NEVE SI INNALZA  SU UN PAESAGGIO

DI SELVE  CON ALBERI DAI RAMI CARICHI DI NEVE E RUSCELLI GELATI PER IL TROPPO FREDDO.

ANCHE NELL’ ANIMO DEL POETA C’E’ FREDDO ED UNA MALINCONIA CHE LO INDUCE A MEDITARE:SI PROFILA L’ AVVCENDARSI DELLE STAGIONI DELLA VITA UMANA ,COLTA NELLE VICENDE SIA DI GIOE CHE DI DOLORI QUINDI E ANCORA UNA VOLTA L’ INVITO A GODERE DEL PRESENTE ”CARPE DIEM”:BISOGNA  DIVERTIRSI  E COLTIVARE GLI AMORI E LE DANZE FINCHE’ LA VECCHIAIA BRONTOLONA E’ DISTANTE.

IL POETA ALLONTANA QUINDI IL RIGORE INVERNALE METTENDO LEGNA SUL FUOCO E BEVENDO VINO.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta