ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto latino

LELIUS DE AMICITIA

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LELIUS DE AMICITIA

 

L'augure Quinto Mucio era solito narrare molti aneddoti del suo suocero C. Lelio  con fedeltà e con diletto, senza esitare a chiamarlo 'sapiente', in ogni occasione in cui ne parlava: e io, indossata la toga virile, ero stato condotto da mio padre presso Scevola, con la raccomandazione che, finché potessi e mi fosse permesso, non mi sarei allontato mai dai fianchi del vecchio. Perciò, mi imprimevo nella mente molti suoi savi ragionamenti e brevi e belle sentenze, e così desideravo diventare più saggio con la sua esperienza. Morto questi, mi recai dallo Scevola che fu pontefice, che oso definire di gran lunga il più ragguardevole della nostra città sia per ingegno sia per rettitudine. Ma di lui (parlerò) un'altra volta: ora torno all'augure. Tra i molti argomenti in cui spesso entrava, mi ricordo che una volta a casa sua, mentre egli era seduto come al suo solito sul sedile semicircolare, ed eravamo insieme a lui io e solo pochi amici, venne incidentalmente a toccare dei discorsi, che allora erano appunto sulla bocca di molti. Certamente ricordi, infatti, o Attico, tanto più che ti trovavi in grande intimità con P. Sulpicio, quanta dolorosa sorpresa o vivo rammarico era in tutti, quando quello, essendo tribuno della plebe, era in contrasto, odiandolo a morte, con Q. Pompeio, che allora era console, con il quale era vissuto nei più stretti e più affettuosi rapporti. Orbene, Scevola, allora, essendo venuto casualmente a parlare proprio di quell’argomento, ci espose la conversazione di Lelio sull’amicizia, avuta da quest’ultimo con sé e con l’altro genero.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta