ePerTutti

Categoria
Arte
Biologia
Chimica
Diritto
Economia
Elettronica
Fisica
Geografia
Informatica
Inglese
Italiano
Latino
Letteratura
Lingue
Management marketing
Matematica
Psicologia
Ricerche
Sociologia
Storia
Storia dell arte
Tecnica
Tecnologia meccanica
Tedesco
Varie



Appunti, Tesina di, appunto MATEMATICA

Gli asintoti - Asintoti verticali, Asintoti orizzontali

Scrivere la parola
Seleziona una categoria


Gli asintoti

Una retta y= m x +q è un asintoto per la funzione y= f(x) se al tendere di P all’infinito la distanza  PH  tende a zero, cioè se

Gli asintoti possono essere : Verticali, Orizzontali ed obliqui.


Asintoti verticali

                                     

 

allora  “x= a”  è un asintoto verticale.

Infatti la distanza del punto “P” della curva  dalla retta x=a, per x®a  tende a zero; cioè         

                                     

Asintoti orizzontali

 

 


Se              allora “y= b” è l’asintoto orizzontale

Infatti la distanza del punto “Pº[x, f(x)]” della curva dalla retta “y= b” tende a zero per x® ±µ ; cioè:

        

                                      Nel caso delle funzioni razionali fratte i limiti per x®±µ danno risultati eguali e quindi esiste un unico asintoto orizzontale, mentre bisogna fare attenzione alle funzioni trascendenti (irrazionali, esponenziali e goniometriche), in quanto, con esse, i due limiti per x®-µ ed x® +µ potrebbero dare risultati diversi ed, in tali casi, esistono due asintoti orizzontali, oppure potrebbero esistere un asintoto orizzontale ed  uno obliquo.

                                     

                                      c) A s i n t o t i    o b l i q u i

Se invece  il   , allora non esiste un asintoto orizzontale, ma potrebbe esistere un asintoto obliquo del tipo   y= m x + q    dove:    

Logicamente l’asintoto esiste solo se esistono e sono finiti entrambi i limiti

Nel caso delle funzioni razionali fratte i limiti per x®±µ danno risultati eguali e quindi esiste un solo asintoto obliquo,  ma, nelle funzioni trascendenti tali limiti potrebbero essere diversi e quindi esisterebbero due asintoti obliqui.


Dimostrazione: La retta  y= m x + q è l’asintoto obliquo se al tendere di x all’infinito, la distanza PH tende a zero.

E’ preferibile fare il ragionamento sull’ipotenusa PC del triangolo rettangolo (AHC), tanto se, per x®µ,  tende a zero l’ipotenusa “PC”, a maggior ragione tenderà a zero il cateto “PH”.  In conclusione sostituiamo

Dividendo primo e secondo membro della precedente equazione per “x”, a secondo che “f(x)-(mx+q)” sia positivo o negativo, avremo:

     

Dalla (1), sempre nell’ipotesi che “f(x)-(mx+q)” sia positivo o negativo, avremo:

                            

 

 

 

 

Funzione razionale fratta:

 

Metodo pratico per la determinazione degli asintoti o delle funzioni asintotiche

Se la funzione è del tipo       eseguiamo la divisione fra numeratore e denominatore; avremo un quoziente Q(x) ed un resto R(x).®   A(X)          B(x)

                                                                                                 R(x)         Q(x)

In tal caso avremo:  

Se       allora    y= Q(x) è l’asintoto richiesto.

In pratica:

·                             se A(x) è di grado inferiore a B(x) allora esiste l’asintoto orizzontale e tale asintoto coincide con l’asse delle x.

·                             se A(x) è di grado eguale a B(x) allora esiste l’asintoto orizzontale la cui equazione è  

·                             se A(x) è di un solo grado superiore a B(x) allora esisterà un asintoto obliquo del tipo y = m x + q

·                             se A(x) è di almeno due gradi superiore a B(x) allora esisterà una funzione asintotica.



© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati ::::: Condizioni Generali - Invia - Contatta