ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto ricerche

Gli organismi preparatori del Giubileo

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Gli organismi preparatori del Giubileo

Con la lettera apostolica Tertio millennio adveniente, Papa Giovanni Paolo II, oltre a tracciare le linee dottrinali e il cammino spirituale in vista del Giubileo, ha ritenuto opportuno istituire appositi organismi che curino la preparazione dell’Anno Santo.  L’Ufficio del Grande Giubileo del 2000 è composto da tre organismi: il Consiglio di Presidenza, con cinque cardinali, che ha potere decisionale; il Comitato Centrale, composto da ventidue membri, che ha potere propositivo; la Segreteria Generale, che è l’organo esecutivo. In questi organismi è espressa tutta l’universalità della Chiesa, poiché i loro membri provengono da tutti i continenti. Il Comitato Centrale si articola in otto commissioni e quattro comitati, che stanno lavorando fin dai giorni successivi alla pubblicazione della Tertio millennio adveniente. La Commissione Storico-Teologica è incaricata di preparare i sussidi per la catechesi, da utilizzarsi in questi anni preparatori (1997 su Cristo, 1998 sullo Spirito Santo, 1999 su Dio Padre), e per la presentazione del significato del “grande Giubileo”. Inoltre, deve curare la preparazione di due Congressi Internazionali sull’antisemitismo e sull’inquisizione, e questo in risposta all’invito di Giovanni Paolo II a rivedere con senso critico anche i moduli più dolorosi della storia della Chiesa in questo secondo millennio. La Commissione curerà anche una ricerca che verifichi come il Concilio Vaticano II e le sue riforme siano state recepite e applicate in questi ultimi anni. La Commissione Pastorale-Missionaria s’incarica di offrire sussidi per preparare il Giubileo nelle singole chiese locali. Suo compito è di rafforzare la fede e promuovere la “nuova evangelizzazione” a fronte dell’indifferenza religiosa, del secolarismo e del relativismo etico. La preoccupazione è quella di rendere ancora più comunicativo, con il linguaggio moderno, il messaggio della fede. L’ecumenismo, oltre che una chiara scelta del Concilio Vaticano II, è anche un tratto forte che deve caratterizzare il prossimo Giubileo. L’unità della Chiesa è un problema cruciale per la testimonianza cristiana nel mondo attuale e le divisioni tra i Cristiani sono, come ha affermato il Papa, una colpa gravissima. La Commissione Liturgica segue gli aspetti celebrativi, preparando i testi liturgici e fornendo gli orientamenti generali al  riguardo. Curerà anche la pastorale sacramentaria, di questi anni preparatori, focalizzati sulla Vi è poi un’apposita Commissione per il Martirologio, che, su espresso invito del Papa, deve raccogliere materiale e informazione, perché non vada persa la memoria di tanti cristiani che, nel nostro secolo, hanno testimoniato eroicamente la propria fede cristiana. Non è compito però di questa Commissione avviare processi di beatificazione.





© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta