ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto ricerche

UN AMORE SEGNATO DALLA MORTE - La tragica fine di due giovani innamorati, uniti solo nella morte

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

UN AMORE SEGNATO DALLA MORTE

La tragica fine di due giovani innamorati, uniti solo nella morte


'Due casate, di pari nobiltà, in questa bella Verona - dove noi poniamo la nostra scena - per antichi rancori ora prorompono a nuove risse da cui mani fraterne escono sporche di sangue fraterno. Per i lombi fatali di quei due nemici, a morte discende una coppia di amanti nati a cattiva stella …

La vicenda terribile di questo amore segnato dalla morte (…) sarà l'oggetto del nostro armeggiare, oggi,  su queste scene…'

Recita così l'esordio della celebre tragedia di Shakespeare, 'Romeo e Giulietta', la cui storia sembra replicata, seppure con alcune differenze, nel grave fatto di sangue avvenuto recentemente. La scena delle vicende non è la bella Verona, ma Rimini, e non sono le lotte tra due casate rivali, ma la gelosia di un marito a portare alla morte violenta due giovani innamorati. Rimane però appunto il tragico omicidio: due vite stroncate nel fiore degli anni da una morte ingiusta, almeno in apparenza.

I due corpi, trovati inermi l'uno accanto all'altro, sono stati identificati come quelli di Francesca da Rimini e Paolo Malatesta, fratello del marito di questa.                                                                                             

Il castello di Gradara, è sera, proprio il momento ideale per dolci letture. Ed è proprio durante la lettura del romanzo cortese, 'Lancillotto e Ginevra'- trovato accanto ai due corpi senza vita - che deve essere avvenuta la rivelazione dell'amore reciproco. Quanti sospiri e sguardi hanno preceduto quel momento, ma questi permettevano la conservazione della segretezza dell'amore, mentre il marito li ha sorpresi nel momento della perdizione e, preso dalla gelosia, ha trafitto i due giovani con la sua spada. Più o meno in questo modo devono essersi succedute le vicende, secondo la ricostruzione della polizia. 

Il caso è già stato archiviato, ma a mio parere, sarebbe interessante ricostruire le motivazioni che hanno portato all'estremo gesto. La tragica morte è avvenuta sì per mano del geloso marito di Francesca, ma anche le due stesse vittime non sono esenti da una colpa personale. L'amore che li ha accomnati si delinea come una forza straordinaria ed istintiva, da cui si fanno prendere e alla quale è impossibile sottrarsi. Il sentimento che li lega sembra così conurarsi come una forma di attrazione e di perdizione, un amore adultero che non è proprio della cortesia.  D'altra parte è vero però che Francesca è imprigionata in un matrimonio senza amore, voluto dai suoi genitori per motivi economici. Risulta così evidentemente comprensibile la ricerca della ragazza di un uomo, che incarni l'ideale del vero amore, in contrapposizione al vecchio zoppo che è stata costretta a sposare. Non a caso per Francesca è Paolo che viene a rappresentare 'il principe azzurro', che probabilmente aveva sognato fin da bambina.

Un certo grado di colpa è da attribuirsi, inoltre, alla letteratura cortese e al modello di amore presentato da questa; la realtà viene, infatti, trasurata e quel sentimento presentato come una passione, che nella nuda vita si trasforma solamente in perdizione.

E' l'ennesima fine tragica di 'una coppia di amanti nati a cattiva stella' e che sono uniti solo nella morte; appunto per questo ricevono la nostra compassione e pietà, anche se queste non sono accomnate dalla comprensione.   


 

 

                                                                                       






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta