ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

IL 1944: L’ASSALTO ALLA GERMANIA IL 1944: L’ASSALTO ALLA GERMANIA

IL 1944: L’ASSALTO ALLA GERMANIA IL 1944: L’ASSALTO ALLA GERMANIA
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

IL 1944: L’ASSALTO ALLA GERMANIA IL 1944: L’ASSALTO ALLA GERMANIA

Il sesto anno di guerra fu quello in cui gli Alleati riuscirono a prendere decisamente il sopravvento sia in Europa che nel Pacifico, e a vibrare alla Germania e al Giappone colpi decisivi.

 

Il fronte orientale

Fu il primo a mettersi in moto. L’esercito sovietico anche durante l’inverno non aveva dato respiro alla Wehrmacht (l’esercito tedesco) e fin dai primissimi giorni del 1944 riprese la sua vigorosa offensiva, con forze ormai superiori. Nonostante la disperata resistenza tedesca, fu liberata Stalingrado dall’assedio, ed entro maggio, a sud, fu ripresa tutta la Crimea.

L’esercito tedesco cominciò a vacillare, indebolito da perdite paurose (6 milioni di uomini fra morti e prigionieri dal principio della guerra). Nel giugno, contemporaneamente (come vedremo) con lo sbarco alleato sulle coste della Francia, l’esercito sovietico operò un nuovo sforzo che diede grandi risultati. I primi di luglio venne oltrepassato il confine polacco ed entro il mese venivano invase Finlandia, Estonia, Lettonia e Lituania.

Sul fronte italiano

Nel mese di maggio gli Alleati ripresero l’offensiva appoggiati da truppe del nuovo esercito italiano. Il 4 giugno entrarono a Roma, poi riuscirono a respingere i Tedeschi ancora per 250 chilometri, fino alla cosiddetta “linea gotica”, una fascia difensiva che i Tedeschi avevano creato attraverso l’Appennino Tosco-Emiliano per sbarrare agli Alleati l’accesso alla valle del Po. Nell’Italia settentrionale, intanto, era in pieno sviluppo la lotta partigiana, che si svolgeva con attentati, sabotaggi, scontri sanguinosi fra i patrioti e le truppe nazifascista.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta