ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

IL MEDIOEVO - La città, La campagna, Dalla rinascita alla 'crisi' del Trecento, La religione

IL MEDIOEVO - La città, La campagna, Dalla rinascita alla 'crisi' del Trecento, La religione
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

IL  MEDIOEVO

La città

In un mondo che rimarrà per tutto il Medioevo fondamentalmente rurale, il nuovo millennio si apre sotto il segno dello sviluppo urbano.

Che si tratti della rinascita delle vecchie città romane - particolarmente numerose in Italia - o della formazione di nuovi agglomerati - più frequente nell'Europa centro-settentrionale - si impone con forza sempre maggiore una realtà inedita.

La città riprende tutta la sua funzione di centro politico; amplia il suo controllo sul territorio circostante, diviene il nodo di relazioni economiche in espansione.



All'interno delle sue mura, prende forma una società i cui personaggi principali sono gli uomini d'affari, ma anche i professionisti del diritto e gli intellettuali; una società che considera come valori la ricerca del profitto, il lavoro, il senso della bellezza, l'aspirazione all'ordine e al decoro.

L'età dell'espansione

Fra il X e il XIV secolo si verificò una forte espansione delle città.

Fu un fenomeno spettacolare e nuovo, che cambiò la fisionomia dell’Europa.

Fu anche un fenomeno complesso, dato che nella formazione delle città medievali nessun esempio sembra uguale all'altro.

Oltre a quelle mantenutesi tali nell'alto Medioevo, alcune città nacquero dall'evoluzione di centri di mercato o di castelli, altre da centri fortificati per motivi militari, altre ancora dallo sviluppo di località tappe di pellegrinaggi, o dalla programmata decisione di un signore.

Indubbiamente si trattò di un processo favorito dalla crescita economica: l'accresciuta produzione agricola permetteva di nutrire una popolazione in aumento, le attività artigianali occupavano un numero crescente di uomini e donne; lo slancio delle costruzioni attirava in città una più numerosa manodopera e le esigenze del commercio ne facevano un polo degli scambi. Il Comune

Fra la fine dell’XI secolo e l’inizio del XII, in quasi tutta l’Europa occidentale, gli abitanti della città si organizzarono per governarsi da soli giurando, a tal fine, di aiutarsi l’un l’altro: quest’associazione giurata, che non comprendeva soltanto mercanti e artigiani, ma anche nobili ed ecclesiastici, prese il nome di Comune.

A differenza di quello feudale, profondamente asimmetrico, questo giuramento fu di carattere egualitario, ma ciò non escluse l’esistenza di lotte e conflitti.

In effetti, nell’origine e nel successivo sviluppo del Comune, si bilanciarono due opposte tendenze: la coscienza dei cittadini di essere comunità e l’aspirazione egemonica delle grandi famiglie in lotta fra loro.

Il Comune nacque da un compromesso provvisorio fra le due tendenze e realizzatosi all’interno della classe dirigente - la cui concordia, infatti, era fondamentale presupposto nella creazione degli organi governativi - e poi fra i cittadini più eminenti e il resto della popolazione. Il commercio

Nella generale ripresa dell’economia europea registratasi intorno al Mille, lo sviluppo dei traffici rappresentò uno degli elementi più dinamici.

Pur continuando ad occupare direttamente soltanto una piccola minoranza della popolazione del Continente, infatti, tra X e XIV secolo, il commercio passò gradatamente dalla periferia al centro della vita economica.

Alla base di questa svolta vi furono la fine della tormentata stagione delle migrazioni, una ritrovata sicurezza sulle strade e sui mari, l'incremento della popolazione, ma soprattutto la crescita della produzione agricola, che rese disponibili prodotti in eccedenza da scambiare.

Messo in moto dalla trasformazione delle camne, il commercio trovò tuttavia il suo punto di forza nelle città e nei loro punti di scambio, e, inoltre, nell'affermarsi di un'economia più spiccatamente urbana, monetaria e mercantile.

 La produzione di beni

Nell'economia del basso Medioevo assunse un’importanza crescente la produzione di beni non agricoli.

Sebbene non fosse sconosciuta in ambiente rurale, dove operavano, per esempio, il fabbro di villaggio e il tessitore, è indubbio che essa venne progressivamente concentrandosi nelle città.

Le forme in cui tale attività si manifestò non furono, peraltro, sempre le stesse.

Secondo i luoghi e i momenti, si ebbero una produzione domestica e una imperniata sulla bottega, una produzione svolta da liberi artigiani ed una effettuata prevalentemente da manodopera salariata; una produzione promossa da privati ed una organizzata dallo Stato, una produzione su scala limitata ed una di grandi dimensioni.



E spesso i diversi sistemi di organizzazione del lavoro finirono per convivere e sovrapporsi. I Comuni, il Papato e l'Impero

Nella seconda metà del XII secolo e in tutto il XIII continuò l'espansione dei Comuni italiani, ma la loro affermazione giuridica, politica ed economica non fu certo lineare.

Al loro interno, infatti, si accesero ben presto contrasti profondi fra le famiglie, le fazioni e i ceti sociali.

All'esterno una nuova conflittualità, generata dalla costante ricerca di posizioni di egemonia, divise le città comunali in schieramenti che si scomponevano e ricomponevano senza sosta.

Queste vicende, in più, non avvenivano in uno scenario vuoto, ma si intrecciavano con quelle dei due maggiori poteri del tempo, il Papato e l'Impero, il cui antagonismo coinvolgeva in complesse strategie politiche e militari le nuove realtà cittadine.

La camna

Possiamo immaginare l’Occidente medievale dei secoli XI-XIV come una grande foresta, nella quale i campi lavorati e seminati aprivano progressivi vuoti.

Il 90% della popolazione viveva in camna e, anche in un paese estremamente urbanizzato come l’Italia, il mondo contadino, ancora alla fine del Medioevo, concentrava più di due terzi della popolazione totale.

Il duro lavoro dei campi, la vita regolata dal ritmo del sole, dal clima, dai cicli del suolo e della vegetazione hanno impresso tratti indelebili alle popolazioni occidentali legate, per la loro sopravvivenza, ai successi o agli insuccessi dell’agricoltura.

Il mondo medievale poggiava, dunque, su ampie basi rurali, e il lavoro del contadino costituiva il cardine di un’intera società.

Dalla rinascita alla 'crisi' del Trecento

Visto dalle camne, l'arco di secoli che va dalla fine del X secolo alla fine del XIV presenta fasi molto diverse.

Nella prima, prolungatasi fino agli ultimi decenni del Duecento, l'aumento graduale della popolazione europea, che attingeva a risorse disponibili in abbondanza, perché non ancora adeguatamente sfruttate, generò una prolungata espansione della produzione agricola.

Nella seconda, collocabile fra la fine del XIII e l'inizio del XIV secolo, il motore dello sviluppo si inceppò e il sistema economico mostrò di essere giunto al suo punto-limite.

Nella terza, che si aprì con la peste del 1348, la società rurale fu investita dalle conseguenze economiche e sociali di una brusca decongestione demografica.

Castelli e potere

I castelli sono uno dei simboli con i quali è più spesso rappresentato il Medioevo, eppure queste strutture fortificate divennero una presenza consueta nel paesaggio dell'Occidente non prima del X secolo.

La loro creazione segnò, comunque, l'inizio di una nuova fase della storia del potere.

In un'Europa minacciata dalle aggressioni dei Saraceni, degli Ungari e dei Vichinghi, e nella quale l'autorità dei sovrani appariva sempre più lontana e latitante, la proliferazione delle fortezze ebbe il risultato di rafforzare la dimensione locale del potere.

Assicurando la difesa delle popolazioni, ossia la prima funzione di ogni apparato pubblico, i signori dei castelli riuscirono a concentrare nelle loro mani quelle prerogative di comando, di giustizia e di prelievo fiscale fino ad allora appartenute ai re.

Tutti i rapporti sociali e l'intera società rurale ne furono profondamente toccati.




 La società signorile

Nei secoli XI-XIII attorno alla signoria, che può essere considerata come l'elemento caratterizzante della storia del potere nelle camne, si costituì un'intera società.

Il suo simbolo materiale più forte era il castello, residenza del signore, i suoi turbolenti guardiani i cavalieri, il suo fondamento più solido il lavoro dei contadini.

Era un mondo in cui i legami personali, e in particolare quelli che univano signori e vassalli, assumevano un'importanza crescente; un mondo permeato dai codici dell'onore e della fedeltà, attento al valore simbolico dei gesti, dove l'aristocrazia tendeva a costituirsi in casta chiusa.

Gli intellettuali lo dipingevano armonicamente composto di tre 'ordini' e scandito da una gerarchia di poteri discendenti dall'autorità regia.

In realtà era il trionfo di autonome forze locali, a lungo refrattarie a ogni inquadramento, dotate di una sufficiente base terriera, di clientele armate e della capacità di funzionare come poteri tendenzialmente pubblici. La pressione della città rispetto alla situazione delle camne europee l'Italia presenta una forte peculiarità.

Già a partire dal XII secolo nel gioco dei rapporti interni alla società rurale si inserirono sempre più frequentemente le città, via via più vivaci sotto il profilo economico e rese politicamente autonome dallo sviluppo delle istituzioni comunali.

Da un lato esse costituivano poli di immigrazione per i contadini che vi intravedevano la possibilità di nuove attività economiche e il miraggio della libertà personale, dall’altro avevano un interesse crescente a controllare le camne, da cui traevano il loro approvvigionamento agricolo.

In molti casi la penetrazione cittadina nei territori circostanti portò alla liberazione dei servi e al ridimensionamento dei poteri signorili sulla terra, ma la subordinazione politica ed economica dei contadini nei confronti dei proprietari terrieri si trasferì quasi per intero nelle mani della città. Scene di vita quotidiana

La ricostruzione dell'evoluzione economica delle camne, delle trasformazioni dei sistemi di lavoro o delle vicende del potere conserva talvolta un carattere astratto, e non riesce a trasmetterci il senso dell'esistenza quotidiana dei protagonisti, maggiori e minori, della storia.

Per ottenere delle immagini più vivide è allora necessario interrogare fonti peculiari, come lo sono le rappresentazioni iconografiche, le cronache, le opere letterarie.

Non ci si deve attendere, però, di leggervi testimonianze obiettive.

Nate in un ambiente colto e non di rado aristocratico, esse riflettono gli stereotipi con i quali i ceti superiori, cui appartengono buona parte degli ecclesiastici, guardano se stessi e gli altri.

La religione

Nel Medioevo la fede permeava ogni aspetto dell'esistenza.

Cristo, gli apostoli, i profeti ammonivano e consolavano gli uomini dai timpani delle cattedrali e dagli altari.

La croce e le immagini dei Santi, sistemate ai crocicchi delle strade e dei ponti, accomnavano il cammino dei viandanti; le campane delle chiese e dei conventi fornivano alla giornata la sua trama temporale.

In nome di Dio il papa governava la società cristiana, in nome di Dio regnavano i sovrani, unti con l'olio sacro.

Gli strumenti di lavoro, gli animali, il cibo, le stesse armi venivano solennemente benedette.

I patroni celesti erano invocati a ogni turbamento dell'ordinato corso della natura e le loro reliquie assumevano, per i luoghi che le custodivano, il valore di presenze rassicuranti.


Galleria di foto e immagini per: medioevo


imagine cu medioevoimagine cu medioevo immagini medioevoimmagini/poza medioevo





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta