ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

L’ ATTACCO DI CICERONE IN SENATO

L’ ATTACCO DI CICERONE IN SENATO
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

L’ ATTACCO DI CICERONE IN SENATO

LA CITTADINANZA ERA TURBATA DA QUESTE COSE E L’ ASPETTO DELLA CITTA’ ERA MUTATO . DALLA GRANDE GIOIA E ALLEGRIA CHE AVEVA PROCURATO LA LUNGA PACE , IMPROVVISAMENTE LA TRISTEZZA INVASE TUTTI : TUTTI SI AFFRETTAVANO , TREPIDAVANO , NON SI FIDAVANO , NE DI ALCUN LUOGO , NE DI ALCUNA PERSONA , NON CONDUCEVANO GUERRE , NE FACEVANO LA PACE , MISURAVANO I PERICOLI OGNUNO COM LA PROPRIA PAURA . INOLTRE LE DONNE , NELLE QUALI SI ERA INSINUATO UN INSOLITO TIMORE DELLA GUERRA A CAUSA DELLA GRANDEZZA DELL STATO , SI AFFLIGGEVANO , TENDEVANO LE MANI SUPPLICHEVOLI AL CIELO , AVEVANO COMPASSIONE DEI LI PICCOLI , CHIEDEVANO CON INSISTENZA QUALUNQUE COSA , ERANO SPAVENTATE , ABBANDONATA LA SUPERBIA E LA DELIZIA , NON AVEVANO FIDUCIA IN SE E NELLA PATRIA . MA CATILINA,  D’ ANIMO CRUDELE , CONTINUAVA AD INTRAPRENDERE LE MEDESIME COSE , ANCHE SE VENIVANO PREPARATI PRESIDI E LUI STESSO ERA STATO ACCUSATO DA LUCIO PAOLO AI SENSI DELLA LEGGE PLAUZIA. INFINE PER DISSIMULARE O GIUSTIFICARE I SUOI INTENTI , COME SE FOSSE STATO PROVOCATO DA UN INSULTO , VENNE IN SENATO . ALLORA IL CONSOLE MARCO TULLIO , SIA TEMENDO LA SUA PRESENZA, SIA SPINTO DALL’ IRA , PRONUNCIO’ UN DISCORSO SPLENDIDO E UTILE ALLO STATO , CHE IN SEGUITO DOPO AVERLO SCRITTO , PUBBLICO’ . MA QUANDO QUELLO SI SEDETTE , CATILINA PREPARATO COM’ ERA A DISSIMULARE OGNI COSA , CON IL VOLTO ABBASSATO E LA VOCE SUPLICANTE , COMINCIO’ A CHIEDERE AI SENATORI , DI NON RITENERE AVVENTATAMENTE VERA OGNI COSA PROCLAMATA CONTRO DI LUI ; DISSE CHE NATO DA UNA TALE FAMIGLIA , AVEVA EDUCATO LA SUA VITA FIN DALL’ ADOLESCENZA IN MODO TALE CHE SI POTEVA SPERARE OGNI BENE ; NON PENSASSERO CHE  LUI UOMO PATRIZIO , CHE AVEVA SPESSO BENEFICATO LA PLEBE ROMANA COME I SUOI ANTENATI  , AVESSE BISOGNO DELLA ROVINA DELLO STATO , MENTRE IL CONSOLE MARCO TULLIO , INQUILINO DELLA CITTA ‘ DI ROMA , LO SALVAVA. POICHE ‘ AVEVA AGGIUNTO A QUESTE PAROLE , FRASI INGIURIOSE , TUTTI PROTESTARONO , CHIAMANDOLO ASSASSINO E NEMICO DELLA PATRIA . ALLORA QUELLO FURIBONDO DISSE : “ POICHE’ CERTAMENTE , CIRCONDATO DA NEMICI , SONO CONDOTTO ALLA ROVINA , SPEGNERO’ IL MIO INCENDIO CON LA ROVINA .

 


Galleria di foto e immagini per: cicerone


imagine cu ciceroneimagine cu cicerone immagini ciceroneimmagini/poza cicerone





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta