ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

LA RELIGIONE NELL’ANTICO EGITTO

LA RELIGIONE NELL’ANTICO EGITTO
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LA RELIGIONE NELL’ANTICO EGITTO

Non si può parlare di un’unica forma di religione per l’antico Egitto: si dovrebbero sempre distinguere le epoche, le zone e le divinità infatti lo stesso culto della stessa divinità conosce spesso grandi cambiamenti.

La prima forma di religione nell’antico Egitto è detta ENOTEISMO (= ogni villaggio adorava la divinità con nomi, forme, culti, simboli diversi ma si trattava di una sola divinità).

I villaggi si uniscono a formare il regno e quindi si passa all’idea che esistano tanti dei quanti siano i villaggi (= POLITEISMO) queste divinità vengono rafurate con esseri zoomorfi.

Templi

Sacerdoti

Culti

Testi

Dei

TEMPIO

Piccolo e povero nella fase antica e fatto di pietra (3000/2600 a.C.). Intorno potevano esserci varie strutture: un recinto, un muro, delle colonne o addirittura degli edifici.


SACERDOTI

Qualsiasi persona lavorasse nel tempio o per il tempio era un sacerdote. Esistevano tre classi di sacerdoti:

1.         Scribi (dai quali si sceglieva il sacerdote supremo

Fissare le feste

Stabilire le forme di culto

Scrivere le leggende, i miti

Tenere la contabilità

Stabilire le tecniche di costruzione

Studio astronomico

2.           Sacrificatori

Architetti

Medici

Ragionieri

3.           Servi del dio

CULTI

I culti si suddividevano in: culti sacrificali, culti non sacrificali

CULTI SACRIFICALI

I culti sacrificali si suddividono a loro volta in sacrifici cruenti e incruenti.

>Cruento: uccisione di esseri viventi

>Incruento: senza uccisione

+Profumo

+Offerta del cibo

-Bruciato

-Lasciato per un -certo tempo

+Libazione

sacrificare vuol dire rendere sacro, uccidere perché l’essere entri nel mondo degli dei; riservare qualcosa agli dei sottraendolo dall’uso comune; darsi una pena, un castigo in onore del dio.

CULTI NON SACRIFICALI (rito)

>preghiera (deve sempre passare dal sacerdote)

+di domanda (propiziatorio)

+di ringraziamento

>processioni

+nel cortile

+in città (tra due templi)

>toilette del dio (riservata a pochissimi)

TESTI

L’uomo ha tre part

-        il corpo fisico (BA)

-        il corpo non fisico (il doppio) (KA)

-        l’entità forse immortale (AKH)

l’aldilà vale solo per l’AKH ma a 3 condizioni:

1 conservare il corpo

2 la tomba dove si trovava il KA doveva rimanere intatta

3 l’AKH doveva superare il giudizio degli dei tramite:

-        lo scarabeo sacro

-        il libro dei morti che aiutava a superare il giudizio con:

Ø elenco degli dei protettori

Ø lodi alle divinità

Ø confessione positiva

Ø richiesta di giudizio favorevole

Ø ringraziamento per la grazia ricevuta

ogni villaggio aveva la casa di Mo’ot dove veniva il sacerdote di Mo’ot a giudicare il diritto.

DEI

1 fase arcaica

ENOTEISMO NATURALISTICO :c’è un essere indefinibile, che però si inconta, si manifesta in ogni realtà naturale

2 fase 1 solo dio e molti simboli

ogni villaggio assume un elemento della natura (uomo escluso) che considera simbolo della divinità (i più diffusi sono: Sole, Nilo, sciacallo, ibis, falco)


Galleria di foto e immagini per: egitto


imagine cu egittoimagine cu egitto immagini egittoimmagini/poza egitto





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta