ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

MARTIN LUTERO - LA CONTROROFORMA, GIOVANNI CALVINO

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

MARTIN LUTERO

La famiglia di Lutero, come tutti i contadini dell’epoca, vive la religiosità in modo cupo poiché oltre alla paura di Dio si mischia un po’ del anesimo che rimane dal periodo della caccia alle streghe e dalla credenza dei demoni, di cui Lutero si servì.

Lutero, rischiando la morte per via di una tempesta, promise a sant’Anna che si sarebbe fatto monaco in cambio della vita; e così fece.

Durante la sua prima messa da sacerdote degli agostiniani riformati pensò: chi sono io, uomo pieno di peccato, per parlare a Dio?

Nel 1510 viene mandato a Roma dove rimane molto provato dal malcostume del clero italiano. Ma questo non gli fa perdere la fiducia nella Chiesa. Lutero vedeva più un Dio dell’antico testamento, giudice.

Nel 1511 Lutero incontra Staupitz, capo dell’ordine agostiniano, che lo invita a lasciarsi andare tra le braccia di Dio. Solo che per Lutero tutto è già scritto, anche i nomi di chi sarà salvato e chi non lo sarà, quindi ha un conflitto interno.



Per Lutero la giustizia di Dio era “quella giustizia per mezzo della quale Dio, per Sua grazia e misericordia, ci giustifica”. Ovviamente questa era un’idea rivoluzionaria in questo periodo di vendita delle indulgenze.

Lutero si ispirò oltre che alla Bibbia agli scritti di Sant’Agistino, per lutero il giusto è colui che si salva per mezzo della fede in Dio.

Lutero si scandalizzò quando Leone X vendette la carica di arcivescovo ad Alberto di Brandeburgo, che aveva solo 23 anni. Inoltre Leone X diede anche il suo consenso per la vendita di indulgenze nei territori sotto la competenza di Alberto.

Il frate domenicano Tetzel doveva andare a denunciare a Wittenberg la non validità delle indulgenze, ma questo avrebbe tolto molti soldi alla Sassonia, così Federico il Savio non lo fece mai arrivare.

Lutero fece girare, in una stretta cerchia di amici, le 95 tesi, scritte in latino, contro il papa: il papa stava edificando la chiesa di Sa Pietro con i soldi tedeschi.

Parlando di soldi Lutero rende il suo messaggio popolare, in modo che i contadini tedeschi sappiano contro chi alterarsi per la loro povertà: il papa e la Curia italiana. In più Lutero riteneva che le indulgenze non potessero alleviare le colpe.

In realtà Lutero aveva lanciato la sfida ai dotti, ma poi le sue tesi furono lette ovunque. Per Lutero solo la Sacra Scrittura era giusta, e il singolo individuo ne è il legittimo interprete.

Con “La cattività babilonese della Chiesa” Lutero diceva che solo il battesimo e l’eucaristia erano veri sacramenti, diceva che non c’era differenza tra il clero e i laici. Dopo tre anni dalle 95 tesi si delineava già la nuova Chiesa tedesca.

Il 1° gennaio 1521 Lutero venne scomunicato e neanche la Dieta di Worms gli fece cambiare idea.

Nel 1522 Lutero non accetta l’aiuto dei cavalieri Sickingen e Hutten.

Muntzer, un prete, vuole portare alla ribalta, nel 1520, il cristianesimo primitivo, dicendo che l’ordine che c’è ora è opera dell’Anticristo.

Nel 1524 i contadini tedeschi fanno una rivolta per diminuire le tasse: si dichiarano gli eletti di Dio. Lutero reagì molto duramente. Il 15 maggio 1525 i principi tedeschi soggiogarono la rivolta. Ma per Lutero divenne difficile predicare.

In Erasmo da Rotterdam si vede l’unico mediatore tra cattolici e protestanti.

Melantone, allievo preferito da Lutero, si stacca da quest’ultimo perché pensa che Dio salva chi vuole essere salvato.

GIOVANNI CALVINO




Aveva una formazione umanistica. Farel convince Calvino a rimanere a Ginevra. Calvino aveva una personalità  eccezionale. Calvino con Farel fece delle leggi che erano troppo strette ai ginevrini, così nel 1538 furono costretti a lasciare la città. Ma nel 1541 tornò a Ginevra e reinstaurò il suo potere. Calvino istituì il Concistoro, organo che controllava tutti i cittadini.

Calvino non lo riassumerò tutto, alcune parti non sono neanche state spiegate in classe, l’unica cosa che aggiungo è che nel 1534 Enrico VIII fece l’Atto di Supremazia e nacque la Chiesa Anglicana.

LA CONTROROFORMA

Il concilio sta al di sopra del papa.

Non è storicamente esatto definire tutta la Chiesa corrotta e mondana prima della riforma di Lutero. Infatti molto vescovi erano dei modelli, come ad esempio il vescovo Giberti di Verona.

Nessuno anche dopo il 1535 pensava che l’unità cristiana si sarebbe rotta. Oltre a Carlo V anceh Francesco I vuole l’unità religiosa, ma siccome i due regni non anno d’accordo Francesco I si alle con gli eretici.

Paolo III convoca un concilio nel 1537 a Mantova, ma gli stati protestanti non vi parteciparono. Ma il concilio sarà rinviato a tempo indeterminato per via della disputa tra Carlo v e Francesco I e per via dello scisma con la Chiesa anglicana. Inutili furono i tentativi di sanare le fratture che ormai sarebbero diventate definitive tra le varie Chiese. La chiesa che uscirà dal concilio di Trento sarà quella attuale.

Ormai la Chiesa cattolica non voleva più conciliarsi, voleva una Controriforma.

Princìpi della comnia di Gesù: 1. proazione della fede con la parola; 2. gli esercizi spirituali; 3. la carità; 4. il catechismo; 5. obbedienza piena al papa; 6. obbedienza al preposto dell’ordine; 7. voto di perpetua povertà; 8. obbligo della recita dell’ufficio divino. Ai gesuiti vennero affidati i giovani che poi sarebbero diventati la classe dirigente.

Per il concilio fu scelta Trento, in modo che anche i rappresentati tedeschi potessero partecipare. 13 dicembre 1545. ma per via di una pestilenza si trasferì il tutto a Bologna. Morto Paolo III arriva Giulio III e il concilio torna a Trento. I tedeschi però non tornano, non potendo accettare alcune cose già decise dai vescovi. Furono ribaditi il peccato originale, il battesimo, il libero arbitrio e l’eucaristia. Dal 1517 al 1563, 46 anni, l’Europa cambiò notevolmente: non c’era più l’unità cristiana.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta