ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto arte

LUIGI PIRANDELLO

LUIGI PIRANDELLO


Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LUIGI PIRANDELLO


Scrittore siciliano

Nasce nel 1867 ad Agrigento

Si trasferisce a Roma e si sposa

La moglie è psicologicamente debole

Lei si ammala e Pirandello la cura finché non peggiora e la mette in clinica




La sua malattia si manifestava con OSSESSIONI

Una sua ossessione è ke Pirandello la tradiva

L’ossessione fa riflettere Pirandello sul RELATIVISMO

RELATIVISMO = ognuno ha una sua realtà

Nel 1924 s’iscrive al partito fascista perché ne vedeva un movimento rivoluzionario e perché Mussolini finanziava le sue opere


POETICA


INFLUENZATO: dal VARISMO (ke lui supera cn una prospettiva OGGETTIVA)

da VERGA e la PSICOANALESI


Si basa sull’UMORISMO

1908 scrive “ L’UMORISMO “ dove sintetizza la sua poetica

L’umorismo serve a mettere in evidenza la FALSITA’ delle CONVENZIONI SOCIALI e le CERTEZZE che gli uomini costruiscono

Secondo Pirandello l’uomo ha dovuto costruirsi delle certezze

Il bisogno è nato nel 600 quando è caduta la teoria del sistema aristotelico e tolemaico

Nel 900 nasce l’UMORISMO che le smaschera

UMORISMO = tutto si può mettere in discussione e tutti hanno un parere soggettivo

Secondo Pirandello l’INDIVIDUO è diviso in due parti: FORMA e VITA

FORMA: è quello che appare all’esterno, il ruolo in cui uno vive ma dietro c’è la VITA

VITA: è l’insieme d’ISTINTI., IMPULSI, IMPULSI PRIMITIVI che la FORMA tiene sotto controllo ma ogni tanto emerge nei sogni

MASCHERA = è una persona che non si accorge ke è diversa da com’è

MASCHERA NUDA = è quando una persona si accorge com’è veramente; ed è il momento in cui soffre di più, non vive più, si guarda viver xkè recita una parte ke non vorrebbe recitare.Le maschere nude si sentono SOFFOCARE dll’AFA della VITA. In queste situazioni Pirandello RIDE ma ha anche COMPASSIONE

PERCHE RIDE = perché l’umorismo non è comicità ma è il sentimento del contrario

Secondo Pascoli la vita è una grande PUPAZZATA. UNA RECITA e NON ha Ne’ UN INZIO Ne’ UNA FINE


I ROMANZI


L’ESCLUSA 1901


Prima è pubblicato a puntate poi in volumi

Racconta la storia di MARTA AJALA

Marta è accusata di tradimento dal marito ma non è vero e viene allontanata da casa

Si trasferisce a Palermo dove diventa indipendente

Inizia anche una relazione con l’uomo con cui era stata accusata di aver tradito il marito

Nel frattempo suo padre muore così si riavvicina a casa e al marito che capendo di aver sbagliato la riaccoglie in casa


STRUTTURA E STILE


Pubblicata per la prima volta sul coriere della sera

Prevalentemente dialogata

Il dialogo serve a convincere i personaggi tra di loro che il proprio punto di vista è più giusto

Ogni tanto emerge un punto di vista più irrazionale e per trovarlo, scoprirlo usa una tecnica investigativa

No narrazione cronologica ma salti temporali e flash back

Focalizzazione interna o multipla


IL FU MATTIA PASCAL


I primi due e gli ultimi due raccontano la storia al presente



Quelli centrali sono al passato perché si racconta la vita passata del protagonista


LA STORIA


La storia comincia dalla fine.Negli ultimi due moduli si narra la trasformazione del protagonista nel “fu” Mattia Pascal che, ormai estraneo alla vita, racconta in prima persona la propria storia.

Pascal, improvvisamente arricchitosi alla roulette, aproffitta di una falsa notizia della sua morte: si fa passare per morto e decide di farsi una nuova identità abbandonando l’inferno fam in cui viveva

Pascal assume il nome d’Adriano Meis, cerca di costruirsi un nuovo io e di vivere in completa libertà.

Dopo un soggiorno a Milano, Meis si trasferisce a Roma. Qui sperimenta l’impossibilità di vivere una vita normale privo com’è di uno stato civile.

A questo punto Meis-Pascal decide di fingere un suicidio nel Tevere.

Tornato al proprio paese scopre che la moglie si è risposata con un amico. Rinuncia allora a rientrare nel ruolo di marito legittimo; decide di restare nel suo paese “come fuori dalla vita”, bibliotecario di una biblioteca che nessuno frequenta, in una condizione di estranierà e di distacco da ogni meccanismo sociale.


TEMI


Il padre con cui si scontra

La burocrazia (l’uomo è un numero)

L’irrazionale e la casualità



QUADERNI DI SERAFINO GUBBIO OPERATORE


Si racconta sotto forma di diario la storia di Gubbio

Lavora per una casa discografica

Gubbio non parla è afasico xkè ha avuto uno shock molto forte sul lavoro

La vita di Gubbio è un vero fallimento non riesce mai a raggiungere i suoi obiettivi

In più lui non può vivere nel sottosuolo con gli altri falliti perkè la vita è in contrasto con la forma


UNO NESSUNO CENTOMILA 1925


Il protagonista è Vittangelo Mostarda

È in conflitto con il padre che possiede una banca

Lui è un inetto

I suoi beni sono affidati ad un amministratore

Lui però a un certo punto cambia vita perkè si accorge ke è diverso da quello ke è e se ne accorge quando la moglie gli fa notare un neo che non ha mai visto


NOVELLE


NOVELLE PER UN ANNO


Raccolte dal 1922

Le novelle che pubblica sn 225 più 26 pubblicate dopo la sua morte

Non si riescie a capire che criterio usi per suddividere le novelle ma apparentemente puo sembrere che segua un criterio numerico perkè secondo lui la persona nella società sono considerati solo dei numeri


I PERSONAGGI


Sono in continua ricerca della propria identità si scontrano tra loro cercando di convincere gli altri della loro verità


I TEMI


Presenza della vita e della forma

La società che impone limiti e leggi che soffoca l’individuo

La sofferenza degli individui


STRUTTURA E STILE


Prevalentemente dialogata

Presenza salti temporali e flash back

Focalizzazione sempre interna o multipla


IL TRENO HA FISCHIATO


Presenta salti temporali e flash back

Fabula e intreccio non coincidono mai

La focalizzazione è multipla



Il paesaggio è in disarmonia con i personaggi

Ci sono due tipi di spazzi: chiuso e aperto

CHIUSO: casa, ufficio, ospedale, luoghi ke rappresentano un limite

APERTO: la sua immaginazione rappresentata da simboli

PAROLA CHIAVE: CASO NATURALISSIMO


LESSICO


Linguaggio burocratico, poco letterario, semplice quotidiano ma tecnico in campo medico


STORIA


Parla di un impiegato modello Bellica

Lui un giorno si ribella al capo ufficio perkè scopre di avere un'altra vita un'altra personalità

Lui lo scopre sentendo il fischio del treno


LE OPERE TEATRALI


Inizia nel 1915

S’intensifica nel 21 e da qui in poi si occupa solo di teatro

Nel 1921 scrive “sei xsonaggi in cerca d’autore”

Mette in piedi una comnia qua, una a Roma e una all’estero

Il teatro è innovativo

Scrive delle novelle spiegandole

NOVITA’: autonomia dei personaggi (è più importante il loro carattere della trama; sono         autonomi anche dall’autore e dagli attori che gli rappresentano)

Caduta delle barie re sceniche



TEATRO NEL TEATRO


Si divide in tre opere:

Ciascun e suo modo

Questa sera si recita a sogg

Sei personaggi in cerca d’autore


SIE PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE


Trama drammatica

Importante è il rapporto trai sei xersonaggi, il capo conico e l’autore

I personaggi si muovono liberamente

No barie re sceniche

STORIA

Dramma dei sei xsonaggi abbandonati dal loro autore

Si sentono soli senza punti di riferimento

Ogni xsonaggio racconta una storia diversa

Così si scontrano tra di loro con l’autore e con gli attori che non riescono ad interpretarli

Utilizzo di dialoghi x mettere a confronto i personaggi ma non si arriva ad una conclusione xkè c’è una situazione d’incompatibilità



Galleria di foto e immagini per: pirandello


imagine cu pirandelloimagine cu pirandello immagini pirandelloimmagini/poza pirandello






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta