ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto diritto

I DIRITTI POLITICI (Elezioni e sistemi elettorali)



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

I DIRITTI POLITICI (Elezioni e sistemi elettorali).

1) Rappresentanza politica e elezioni.

Tradizionalmente, la democrazia diretta si contrappone alla democrazia RAPPRESENTATIVA. Attraverso gli istituti di democrazia diretta, il corpo sociale esercita in prima persona alcune funzioni sovrane, partecipando a procedimenti che terminano con decisioni politiche. Nella democrazia rappresentativa, al contrario, partecipa a un procedimento di scelta dei componenti degli organi che debbono assumere decisioni politiche.

Negli ordinamenti costituzionali contemporanei è praticamente impossibile l’esercizio diretto di funzioni sovrane. In Italia esistono ben tre tipi di referendum. La struttura istituzionale della Costituzione italiana si fonda sul principio della DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA; e presuppone l’esistenza di un rapporto fiduciario tra il popolo ( o, meglio, il corpo elettorale) e i componenti le assemblee elettive.

I nostri costituenti hanno dimostrato scarso favore per i tradizionali, strumenti di partecipazione diretta: il REFERNDUM ABROGATIVO solo nel caso di mera abrogazione di norme di legge già vigenti; l’INIZIATIVA LEGISLATIVA POPOLARE (art. 71 della Costituzione ) ha avuto una disciplina restrittiva, perché è solo il Parlamento che, discrezionalmente, la può trasformare in legge.




Però alcune disposizioni costituzionali temperano il principio della rappresentanza, riconoscendo alla PARTECIPAZIONE un ruolo non secondario nei procedimenti per la formazione della volontà politica. (art. 3, secondo comma, art. 49, art. 102 terzo comma della Costituzione).

PRINCIPIO DELLA RAPPRESENTANZA POLITICA. Il principio rappresentativo è collegato al principio del divieto di mandato imperativo. L’art. 67 lega la rappresentanza alla elettività dell’organo, escludendo rappresentanti che non siano eletti.

Il DIVIETO DI MANDATO IMPERATIVO vuole impedire che l’eletto persegua interessi di parte, settoriali, invece di concorrere all’interesse generale della comunità rappresentata. ( L’eletto è, comunque, vincolato alle direttive del gruppo politico di appartenenza).

Il rappresentante ha l’obbligo di esercitare al meglio le funzioni connesse al proprio mandato.








Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta