ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto economia

Segue . La privatizzazione e il tramonto dell'intervento pubblico

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Segue . La privatizzazione e il tramonto dell'intervento pubblico.


Sino ad anni recenti non si è seriamente dubitato dalla maggioranza degli autori che le forme dell'art. 1 della legge bancaria' la raccolta del risparmio e l'esercizio del credito sono funzioni di interesse pubblico' e dell'art. 47, primo comma, della costituzione 'la Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l'esercizio del credito', aprissero la porta ad interventi di controllo e di direzione del sistema creditizio volti al perseguimento di fini di politica economica generale.

Dagli anni ottanta novanta vi fu il ripudio sul piano ideologico dell'interventismo anni sessanta settanta e della possibile finalizzazione dell'impresa pubblica al perseguimento di interessi altri da quello al buono e corretto funzionamento del mercato e ulteriori rispetto ad essi: ma anche ad una progressiva demolizione, e demonizzazione, dell'idea stessa di impresa pubblica, della sua utilità, del suo ruolo, di sue funzioni distinte da quelle dell'impresa privata.



La banca è un impresa , pubblica o privata, e come tale soggetta  allo statuto dell'imprenditore ma non per questo sottratta , ieri come oggi, ad eventuali interferenze e vincoli di fine generale e programmatorio.

Ora , secondo la tesi cui la legge bancaria può dare risposte positive ad obiettivi di programmazione e di governo del credito non è di marca corporativa né un'eredità del passato regime.

È stata il frutto della cultura programmatoria degli anni sessanta.

Fu elaborata sulla base della costituzione, da un raggurdevole gruppo di giuristi ed economisti.

Se è stata progressivamente abbandonata nell'ultimo decennio. Puntando sulla libertà anziché sui vincoli e sul rispetto delle regole del gioco sul piano della trasparenza, della correttezza e della concorrenzialità anziché su quello della subordinazione, sia pure indiretta, delle imprese maggiori o operanti in settori strategici, a obiettivi di politica economica, finalizzando il controllo al perseguimento del primo ordine di scopi.



La legislazione varata nel 1990 sembra voltare definitivamente le spalle a qualsiasi ipotesi di governo del credito.

È senza dubbio che un più ampio  ricorso alla formula agile ed elastica della società per azioni può essere utile sul piano strumentale e dell'efficacia operativa.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta