ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto italiano

ALESSANDRO MANZONI

ALESSANDRO MANZONI


Scrivere la parola
Seleziona una categoria

ALESSANDRO MANZONI


VITA

il suo livello filosofico, è uno dei più alti in italia; parte da un’educazione illuminista, ma arriva poi a conoscerne i limiti che comincia così a rinnegare. La morale religiosa è il perfezionamento di una morale razionale e il cattolicesimo è la salvezza di ciò che è morale e razionale. Quando manzoni si trasferisce a parigi, cerca di unire  il classicismo ai modelli civili(come Parini). Fa fatica ad accettare i dogmi cristiani, ma capisce che l’obbiettività è fondamentale: si deve riconoscere una sanzione oggettiva che sia discriminante tra verità e visioni soggettive/funzione del magistero). La sua visione è salda, coerente e i P.S. (promessi sposi, per chi non dovesse arrivarci!=)) ne sono la rappresentazione. Per quanto riguarda le opere,nel romanticismo, vede l’arte nuova che stava cercando, sentimentale, che indaga l’animo umano, che cerca la verità. È insoddisfatto dei miti ani e classicisti, vuole trattare di opere più vicine alla vita umana. Ora non contano le singole idee, ma la relazione tra esse. È un cattolico liberale nel senso che è aperto alle novità, per il resto resta conservatore. Per lui il cattolicesimo è opera, azione e razionalismo; coincide con libertà e democrazia e purifica il romanticismo dai suoi aspetti limitati.



OSSERVAZIONI SULLA MORALE CATTOLICA

quest’opera è la chiave di lettura dei p.s. qui esprime il suo pensiero in modo chiaro : la religione è la continuazione della filosofia e la verità si salva solo con la conquista, per questo le opere sono importanti. Manzoni crede che la decadenza degli uomini sia causata dalle libere scelte e dall’ignoranza dei singoli, perché il cattolicesimo è responsabile solo delle conseguenze intrinseche degli errori umani, poiché esso  vuole solo che l’uomo segua il bene. Riguardo quest’opera, c’è chi dice che è pessimistica e realistica, chi invece la vede totalmente cattolica, ma entrambi non tengono conto di ciò che dice manzoni. Egli sostiene che la grande opera, vale nella misura in cui è valida la visione dell’autore; non può essere solo bella, ma anche morale e vera.

TRAGEDIE

negli “inni sacri” vuole presentare obbiettivamente un contenuto di verità indiscutibili. la poesia è fredda, non è commossa, sono un umile atto di devozione impersonale. Scrive poi le riflessioni sull’arte, esaltando Shakespeare, dove cerca di dare unità al bello e al vero. La tragedia è il genere in assoluto più adatto al realismo morale, perché consente di presentare l’innocente di fronte ad un’ingiustizia. Manzoni chiama la tragedia “sistema storico” in quanto rappresenta l’uomo com’è realmente, senza falsità. Esalta Shakespeare perché lo ritiene in grado di individuare i limiti dell’uomo e di portarli in alto, e quindi è profondamente morale.

PROMESSI SPOSI:

dopo una serie di fallimenti, capisce il bisogno di un nuovo genere letterario, riscoprendo un grande interesse per la storia arrivando anche ad una scoperta: la storia ufficiale, ignora il popolo e mette in evidenza gli illustri; la fantasia, può integrare la scienza storica e servire alla ricostruzione migliore di un’epoca. Manzoni si rende conto che il pericolo più grande è la confusione tra arte e storia. Gli elementi che danno forza al romanzo sono: la verosimiglianza, possibilità di usare un linguaggio popolare, naturalezza. Prima di lui il romanzo era puro intrattenimento, oppure didascalico. L’oggetto dell’interpretazione di manzoni, è l’anima e le sue vicende. I p.s. sono un’opera d’arte autonoma, che trae spunto dalla realtà. L’interesse di manzoni riguarda a come reagisce l’animo di fronte a determinate situazioni che caratterizzavano il seicento, un secolo anarchico e violento. La poesia diventa contemplazione disinteressata delle scelte umane. L’ambientazione storica dà credibilità alla situazione.



LA FORMA

Manzoni è molto soddisfatto della lingua poetica del suo tempo e vuole una lingua meno artificiosa e più adatta ai contenuti elevati. Manzoni si chiede come narrare la storia, lui che che è situato tra un dialetto familiare e uno francese, con cui parla ai colti. Inventa così una lingua che sia adatta, contenente anche elementi toscanici. L’opera è ancora priva di unitarietà artistica e manzoni capisce che la lingua è regolata dall’uso e non può essere creata arbitrariamente. Non vuole creare un romanzo in lingua parlata e nemmeno i n un “nuovo” italiano. L’intento di dare unitarietà allo stile, ha solo un fine artistico.manzoni non crede nel dialetto, è interessato ad una lingua naturale e riduce così la distanza tra parlato, ma rimanendone comunque distaccato. I suoi modelli sono sicuramente Shakespeare e virgilio. Il romanzo sostituisce “epos” e tragedia.

TECNICA NARRATIVA

utilizza una tecnica familiare ai lettori dell’800: finge di aver trovato un manoscritto dell’800 e decide di riscriverlo perché ne era stato colpito. La teoria moderna del romanzo prevede regole estranee a manzoni: punto di vista interno, l’autore che è esterno alla storia, cioè non ne fa parte, e non dà giudizi, deve stare dentro e non sopra la storia, e deve eliminare gli elementi novellistici artificiosi. La tecnica narratica aiuta a capire bene, ma non è sufficiente a creare un capolavoro. L’assenza delle tecniche moderne non ha importanza, ciò che conta è la coerenza e la visione organica; anche le digressioni sono parte della poesia e manzoni le affronta con la stessa cura e la stessa finezza con la quale affronta la trama. Per quanto riguarda il personaggio non importa che sia coerente con se stesso, ma che acquisti credibilità nell’economia dell’opera, nell’organicità. REALISMO: il realismo di manzoni è un realismo totale, è convinto infatti che la realtà non si riduca alla mera effettività dei fatti. Il suo punto di vista è saldo e chiaro. Non descrive moralisticamente i personaggi, ma obbiettivamente. Sono tutti autonomi e coerenti e manzoni li contempla serenamente. Lo stile è adeguato al genere, la narrazione molto piena. L’interesse del romanzo, non deriva dalla trama appassionata, ma dall’emozione che è più efficace in quanto emozione della vita reale.


Galleria di foto e immagini per: manzoni


imagine cu manzoniimagine cu manzoni immagini manzoniimmagini/poza manzoni






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta