ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto italiano

APPUNTI “La scrittura giornalistica”



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

APPUNTI   “La scrittura giornalistica”


Tipi di articolo di prima ina

• Articolo di apertura: articolo di cronaca dedicato alla principale notizia del giorno.

• Articolo di fondo, o editoriale: articolo d'opinione che contiene il commento del direttore o di alltro importante giornalista alla notizia del giorno.

• Articolo di spalla: a destra; di solito è un articolo di cronaca.

• Articoli di taglio medio o basso: dedicati a notizie di politica interna o estera o di costume; colloca

ti al centro o in basso; di solito sono articoli di cronaca.

• Finestra: riquadro con titolo di notizia pubblicata nelle ine interne.

• Richiamo: riquadro con sunto di un articolo pubblicato per esteso nelle ine interne.

• Corsivo: breve articolo d'opinione, spesso di tono satirico; scritto per lo più in caratteri corsivi.





Articolo di cronaca

L'articolo di cronaca è quello che descrive un avvenimento di attualità (la 'notizia'), in modo chiaro, preciso e sintetico, allo scopo di informarne obiettivamente il lettore.

Si distinguono articoli di:

• cronaca politica, che trattano di eventi, dibattiti, provvedimenti della politica interna e internazionale;

• cronaca nera, relativi a eventi delittuosi o vicende cruente;

• cronaca rosa, su eventi mondani o sentimentali;

• cronaca bianca, su vicende quotidiane della vita civile;

• cronaca giudiziaria, che si riferiscono a processi, indagini in corso, vicende giudiziarie in genere;

• cronaca sportiva, su avvenimenti delle singole specialità sportive;

• cronaca economica, su avvenimenti della vita economica;

• cronaca scientifica, su fatti rilevanti per la comunità scientifica.

Inoltre si distinguono articoli di cronaca locale e cittadina da quelli di interesse nazionale o internazionale.


La fonte di un articolo di cronaca è costituita da testimonianze dirette dell'evento narrato, da documenti e notizie raccolte dal cronista, oppure può essere una notizia d'agenzia


L'articolo di giornale

l            Il destinatario dell'articolo di cronaca, dal momento che questo 'pezzo' si trova solitamente nei quotidiani, è rappresentato da un lettore comune presumibilmente di vario livello culturale, interessato a vicende di attualità, cui si deve adattare un registro linguistico non troppo formale e di facile comprensione.

I' Obiettivo fondamentale dell'articolo di cronaca è, come si è detto, l'informazione, la cui completezza e obiettività  sono ottenute attraverso il rispetto della cosiddetta 'regola delle 5W' e della distinzione (operata dal giornalista in modo che sia riconoscibile da parte del lettore) dei .fatti narrati rispetto alle opinioni personali (del giornalista o di altri).

La struttura dell'articolo di cronaca, come in genere di tutti gli articoli giornalistici, è caratterizzata dalla successione nel testo di brevi paragrafi, ben distinti tra di loro, corrispondenti alle varie fasi e ai vari aspetti dell'episodio descritto. Particolare rilievo assumono il paragrafo iniziale, detto lead, il quale anticipa sinteticamente i dati essenziali del fatto (corrispondenti alle 5W), e l'ultimo, il quale li riassume o ne anticipa il seguito.

Il linguaggio è semplice e chiaro, privo di parole colte o difficili, ma in molti casi reso espressivo con termini gergali. Sono presenti ure retoriche, più o meno espressive a seconda del personale stile del giornalista.

L'articolo è preceduto da titolo, occhiello, sottotitolo è accomnato talvolta da fotografie con didascalia (negli ultimi tempi si è diffusa la pratica di fornire, a lato dell'articolo, schede, tabelle, disegni che schematizzano e 'visualizzano' i dati essenziali della notizia).


La regola delle 5W+1H

La regola fondamentale del giornalismo di informazione di impronta anglosassone viene tradizionallnente identificata con le 5W, che rappresentano le iniziali delle parole inglesi:

Vho: 'Chi',

Vhat: 'Che cosa',

Where: 'Dove',

When: 'Quando',

Why: 'Perché',



How: 'Come”.

Ciò significa che un articolo di cronaca deve correttamente indicare il fatto, fulcro della notizia ('che cosa.'), il protagonista ('chi'), il tempo e la durata dell'azione ('quando'), il luogo dove essa si svolge ('dove'), i motivi ('perché') e anche le modalità di svolgimento ('come').

In genere tutti questi elementi si trovano condensati nel paragrafo iniziale dell'articolo, il lead (in inglee'guida', cioè attacco, incipit), per venire poi sviluppati nei paragrafi successivi (detti 'blocco'). Le 5W si trovano anche nei comunicati d'agenzia, senza ulteriore sviluppo.

Anche il titolo dell'articolo, con il suo occhiello e sottotitolo, riassume solitamente tali informazioni fondamentali

Altre informazioni di dettaglio possono essere aggiunte nel corso dell'articolo, in particolare quelle relative allo 'sfondo' (in inglese background), cioè a fatti o dati precedenti, utili alla comprensione dell'evento descritto.

Tutti questi elementi, per il loro carattere di obiettività, garantiscono allettare un'informazione complete sulla quale egli può, almeno teoricamente, formulare un proprio autonomo giudizio.

Alcuni consigli per cimentarti nella scrittura di un articolo di cronaca


Fasi di stesura di articolo di cronaca

• Lettura e analisi dell'argomento e della consegna (in situazione scolastica)

• Ricerca (o analisi) e utilizzo della documentazione

• Identificazione della notizia

• Individuazione delle 5W (+ 1H)

• Amplificazione della informazione

• Elaborazione della scaletta

• 'Montaggio' dell'articolo

• Assegnazione del titolo


Agenzie di stampa e comunicati d'agenzia 

Le agenzie di stampa sono strutture organizzate, il cui compito è raccogliere informazioni e distribuirrle ai propri abbonati. Questi, giornali o singoli giornalisti (jree lance), le utilizzano per comporre i propri articoli o per trarne spunto per la raccolta di ulteriori informazioni. Tra le principali agenzie di stampa nel mondo ricordiamo l'americana AP (Associated Press), la francese FP (France Press) e l'inglese Reuters. In Itaalia le maggiori agenzie sono ANSA (www.ansa.it) e ADN KRONOS (www.adnkronos.com).

I testi prodotti dalle agenzie di stampa prendono il nome di comunicati d'agenzia, oppure 'notizie' o 'note d'agenzia'. Contengono in forma molto sintetica i dati essenziali della notizia, corrispondenti alle 5W + lH. In genere non superano le 20-25 righe ciascuna.

Introduciamo a questo punto una parentesi su altri testi a carattere giornaliistico, assimilabili per il loro carattere di brevità 9i comunicati d'agenzia: i coomunicati stampa, i comunicati televideo, i richiami.


Come scrivere un comunicato d'agenzia

Il comunicato d'agenzia deve essere

• esauriente

Il comunicato deve fornire con precisione tutte le informazioni indispensabili, rispettando la regola delle 5W . Non deve dare per scontata nessuna informazione necessaria a comprendere l'avvenimento, ma deve evitare di dare informazioni non pertinenti .

breve

• Il giornalista dell'agenzia di stampa deve avere la capacità di ridurre all'essenziale una notizia, che spetterà poi al cronista ampliare con altre informazioni o commenti. Detto in altri termini, il giornaalista dell'agenzia di stampa compie un'operazione di sintesi (c:> so 13) rispetto alle informazioni preecedentemente raccolte, mentre il cronista compie un'operazione di espansione rispetto alle informazioni contenute nel comunicato.

ben strutturato

o In genere un comunicato d'agenzia è costituito da un unico paragrafo, ma può anche articolarsi in due o più paragrafi, se la notizia contiene più informazioni. In tal caso i paragrafi devono essere ben distinti tra di loro, anche lasciando una riga vuota tra l'uno e l'altro per rendere più leggibile il testo.

o È preferibile una struttura del periodo a prevalenza para tattica, evitando il più possibile la subordinazione. Le proposizioni devono seguire una sintassi elementare (soggetto - predicato - complementi).

o È bene prestare molta attenzione alla punteggiatura: utilizzare molto le virgole, il punto e virgola, il punto fermo, per scandire il discorso; i due punti in sostituzione di un 'perché' causale o di un 'infatti'; parentesi e lineette in sostituzione di subordinate.

chiaro

o Il lessico deve evitare termini troppo tecnici e privilegiare quelli del linguaggio comune, anche del parlato. Può utilizzare forme composte, per esigenze di brevità, eliminando articoli, preposizioni, verbi.


Schema di comunicato stampa

o Luogo.. . .

o Data .



o Durata . .

o Titolo dell' evento .

o Ente organizzatore. . .

o Modalità di partecipazione .

o Protagonisti dell'evento . . .

o Scopi dell'iniziativa . . .

o Attualità dell'iniziativa e suo collegamento con avvenimenti in corso .


Abbiamo detto in precedenza che l'elemento fondamentale di un articolo di cronaca è la notizia. E infatti il cronista, prima di scrivere l'articolo, deve conoscerla almeno nei suoi dati essenziali perché è andato a ricercarl6 sul posto o ne è stato informato da una sua fonte o l'ha letta su un comunicato d'agenzia. Anche lo studente che si appresta a scrivere un articolo di cronaca in situazione scolastica deve partire dalla notizia. Ma quale tipo di notizia? E come reperirla?


Come scegliere la notizia per un articolo di cronaca

o Puoi decidere di ambientare il tuo articolo nel presente oppure 'retrodatarlo' nel passato.

o Puoi fare riferimento a fatti realmente accaduti, oppure 'inventarti' la notizia.

o Puoi dare all'avvenimento una dimensione locale oppure nazionale o internazionale.

o Se l'avvenimento è in corso nella tua città, presta attenzione alle voci, raccogli indiscrezioni, recati sul posto, osserva e raccogli testimonianze.

o Se l'avvenimento è in corso a livello nazionale o internazionale, consulta le agenzie di stampa, leggi quanto è già stato scritto sui giornali su quell'avvenimento, fa' una ricerca in internet o in biblioteca o in emeroteca per approfondire l'argomento o per informarti sui precedenti.

o Se collochi un avvenimento reale nel passato, documentati su libri (manuali, testimonianze storiche ecc.) per ricostruire correttamente il contesto.

o Se inventi un avvenimento, consulta giornali per ispirarti a eventi analoghi e costruire una notizia plausibile. Anche se decidi di inventarti una notizia molto fantasiosa, mantieni il carattere di plausibilità del contesto.


L'Amplificazione della informazione

Ciascuna delle 5W+1H e degli altri elementi caratteristici del giornalismo di informazione può essere amplificato con le seguenti operazioni.

• Costruisci per ciascun elemento (indicato nella seguente tabella) un breve testo a carattere prevalentemente descrittivo.

•Descrivi le caratteristiche fisiche e psicologiche, il ruolo sociale del/dei protagonista/i della vicenda.

•Evidenzia se vi sono aiutanti del protagonista e antagonisti.

•Riassumi l'evento.

•Descrivi con precisione il luogo. Danne le coordinate fondamentali. Individua elementi caratteristici, di 'colore', di un qualche interesse.

•Sii preciso nella definizione del momento in cui si è svolto l'avvenimento (data, ora, durata).

•Evidenzia possibili cause.

•Descrivi le modalità di svolgimento dell'avvenimento.

•Evidenzia lo sfondo sociale, politico, familiare ecc., il contesto cittadino ecc.


Come elaborare una scaletta di articolo di cronaca

Rileggi tutti gli appunti/documenti/comunicato.utili per la stesura dell'articolo

•elimina glielementi della notizia che ti paiono superflui

• accorpa (con segni grafici) elementi della notizia affini o molto strettamente collegati;

• evidenzia (con segni grafici) gli elementi più importanti secondo una gerarchia da te stabilita. Poni in successione verticale i punti della scaletta numerandoli.

Al primo punto della scaletta poni illead che condensa gli elementi fondamentali della notizia (5W ). Per quanto riguarda l'ordine dei punti successivi (che andranno a costituire il 'blocco', cioè il corpo dell'articolo) segui un ordine basato, per esempio, su:

• un punto di vista (quello del protagonista, quello dei testimoni, degli antagonisti ecc.);

• la successione cronologica;

• il rapporto di causa-effetto degli eventi accaduti.

•verifica che vi sia coerenza logica nella successione dei punti della scaletta. Amplia, eventualmente, i singoli punti della scaletta con 'sottopunti'.


Una volta elaborata lo scaletta, passa alle operazioni di scrittura, cioè di stesura dell'articolo.

Supponiamo che tra le richieste della consegna vi siano quelle relative alla destinazione editoriale In tal caso indica    esplicitamente:



• il tipo di giornale cui è destinato il tuo articolo (cittadino, nazionale, giornali no studentesco ecc.);

• il tipo di lettore a cui ti rivolgi. Per un articolo di cronaca, sarà di solito un lettore generico, di media cultura, non specialistico. Se credi, puoi aggiungere ulteriori specificazioni, come l'età (per esempio, se intendi rivolgerti a un pubblico giovanile), la collocazione sociale (per esempio, studenti, oppure giovani impegnati nel sociale, oppure sportivi tifosi di una certa squadra di calcio ecc.), l'area geografica ecc. Anche se non fornisci esplicitamente queste indicazioni in apertura di articolo, è opportuno che comunque tu le chiarisca a te stesso per calibrare di conseguenza il taglio espositivo, il contenuto, il registro linguistico dell'articolo;

• in quale ina (prima ina, ine interne, nazionali, locali ecc.) intendi, eventualmente, colloocare l'articolo .

• Ricorda che il contenuto dell'articolo dovrà essere coerente con le indicazioni fornite.

Riserva alla fine della stesura la intitolazione del 'pezzo' .

• Impegnati a rispettare la lunghezza massima assegnata.


Il montaggio dell'articolo di cronaca

• Prima di tutto scrivi il lead, cioè l'attacco, l'incipit dell'articolo. Condensa nel lead le informazioni essenziali, corrispondenti alle 5W+1H L'esposizione deve essere rapida ed essenziale, ma anche, eventualmente, retoricamente costruita, 'a effetto' per catturare l'attenzione del lettore.

• Scrivi poi il 'blocco', cioè il corpo dell'articolo, nel quale la notizia è analiticamente ripresa e sviluppata, in paragrafi distinti.

• Ogni paragrafo deve contenere separatamente i singoli punti della scaletta. Fa' attenzione a non mescolare più elementi all'interno di un singolo paragrafo. Evidenzia bene ciascun paragrafo, andando a capo, con un rientro. Ciascun paragrafo deve essere relativamente breve.

• Ogni paragrafo deve essere ben coeso al proprio interno e coerente con il paragrafo precedente e con quello successivo

• Descrivi l'episodio, l'ambiente, i personaggi, in modo che il lettore possa 'vederli' attraverso le tue parole. Evidenzia anche particolari che rimangano impressi nella mente.

• Non parlare mai di te stesso.

• Struttura il periodo con frasi brevi, a prevalenza paratattica.

• Struttura le proposizioni in modo sintatticamente semplice, con un costante ordine di posizione di soggetto, predicato, complementi.

• Usa prevalentemente il verbo all'indicativo presente.

• Fa' uso abbondante della ellissi del verbo.

• Nel lessico da' la preferenza a termini oggettivi e concreti, usa anche termini espressivi, tecnici, gergali ed espressioni particolari. Evita tuttavia le parole e le espressioni abusate dal linguaggio giornalistico, divenute convenzionali, oppure parole o espressioni stravaganti o di tono eccessivamente colloquiale.

• Usa con abbondanza le ure retoriche, per esempio metafore.

• Distingui i fatti dalle opinioni.

• Scrivi il paragrafo conclusivo, rimodulando i fatti principali, oppure fornendo qualche spunto per lo sviluppo futuro della vicenda.

• Rispetta la lunghezza assegnata: in genere per un articolo di cronaca è compresa tra le 250 e le 500 parole, corrispondenti a 1500- 3000 caratteri (spazi inclusi) e a 25- 50 righe di foglio protocollo.

A conclusione della stesura dell'articolo scrivi il titolo


Come scrivere il titolo di articolo giornalistico

• Titolo: a caratteri più grandi, contiene l'elemento fondamentale della notizia.

• Occhiello: collocato sopra il titolo, in caratteri più piccoli e talvolta diversi, approfondisce il contenuto della notizia principale

• Sottotitolo: o sommario o catenaccio, collocato sotto il titolo, anch'esso scritto in caratteri diversi più piccoli rispetto al titolo, aggiunge un ulteriore livello di informazione.

•Occhiello e catenaccio possono anche non ire a corredo del titolo.

•Titolo, occhiello e sottotitolo devono contenere complessivamente gli elementi fondamentali della noti· zia, corrispondenti alle 5W.

•Titolo, occhiello e sottotitolo devono corrispondere perfettamente al contenuto dell'articolo.

Poiché i titoli hanno lo scopo di attirare l'attenzione del lettore, spesso utilizzano le tecniche pubblicitarie: frasi a effetto, ellittiche, nominali, citazioni tra virgolette, ure retoriche (prevalentemente metafore), neologismi, sigle ecc.








Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta