ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

CHI SONO

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

CHI SONO

Poesia pubblicata nel 1909 da Palazzeschi e può essere considerata un manifesto della sua poetica, che inizialmente seguì la corrente dei crepuscolari per poi aderire a quella dei futuristi.

La coscienza della crisi che investe all’inizio del 900 l’identità del poeta e la sua collocazione sociale spinge Palazzeschi a rifiutare i ruoli istituzionali in cui viene racchiusa la poesia e a confrontarsi direttamente con la realtà massificata e con la mercificazione dell’arte.

La necessità di ridefinire il proprio ruolo di poeti è ben presene anche in Corazzini e Gozzano, che individua nella consapevolezza autoironica della finzione letteraria la soluzione della crisi in atto e dichiara la propria paradossale vergogna nell’essere poeta; Corazzini invece spinge la crisi alle estreme conseguenze, arrivando a negarsi come poeta in “desolazione del povero poeta sentimentale. Palazzeschi tenta una via diversa che è riconducibile all’ambito crepuscolare per il tema della malinconia, aprendosi però alle soluzioni vitalistiche del Futurismo. Palazzeschi propone per il poeta un ruolo di clown trasformando in ristata e capriola la propria crisi esistenziale. L’anticonformismo della proposta di questo poeta si fonda sul recupero della dimensione giocosa dell’arte e del suo potere trasgressivo, che viene recuperato in modo non aggressivo e non violento, Palazzeschi non punta a distruggere ma cerca solo un’alternativa possibile e valida.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta