ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

CITAZIONE BIBLIOGRAFICA - Franz Kafka, La metamorfosi

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

CITAZIONE BIBLIOGRAFICA

Franz Kafka, La metamorfosi,



CENNI SULL’AUTORE

Franz Kafka nasce il 3 luglio 1883 a Praga. Lo scrittore ceco, di lingua tedesca, è una delle ure di maggiore spicco della letteratura moderna. Era lio di Hermann Kafka, commerciante in mercerie, e di Julie Lowy, che proveniva da una famiglia di agiati commercianti. Nel 1906 si laureò in diritto all’ università di Praga. Nel 1907 iniziò a lavorare in una società di assicurazioni.

Nel 1902 conobbe Max Brod, che sarebbe diventato il suo più caro amico, e proprio a casa di Brod, nel 1912, conobbe Felice Bauer, con la quale si fidanzò per due volte e per due volte ruppe il fidanzamento: la tormentata relazione è documentata nelle Lettere a Felice, raccolte nel 1967.

Nel 1910 iniziò a scrivere i Diari, e al 1911 risale il primo ricovero nel sanatorio di Erlenbach presso Zurigo, ma la diagnosi definitiva di tubercolosi fu formulata nel 1917. Da quel momento i ricoveri in vari sanatori diventarono sempre più frequenti e lunghi: Kafka morì in uno di questi, in Austria a Kierling nel 1924.




COLLOCAZIONE SPAZIO-TEMPORALE

Il racconto dura all'incirca qualche settimana. La scena non si sposta mai, rimane sempre all'interno della casa e per la maggior parte nella stanza di Gregor. La storia si svolge interamente in uno spazio chiuso senza uscire mai all'esterno.


ANALISI DEI PERSONAGGI :


GREGOR SAMSA : Il protagonista della Metamorfosi è Gregor Samsa un commesso viaggiatore e anche unico sostegno economico della famiglia. Il padre lo obbliga ad andare a lavorare per saldare il debito generato con il fallimento della ditta del padre. Gregor occupava molto spazio in casa e tutti avevano paura di lui e non si fidavano a lasciare la casa libera o uno dei componenti della famiglia in casa solo con l’insetto, la sua morte è per tutti una liberazione lo si nota in fondo perché dopo la sua morte tutta la famiglia va a fuori a fare una passeggiata e torna il sole.


IL PADRE : All’inizio Gregor lo descrive come un fannullone che sta sempre a leggere il giornale seduto sulla sua poltrona ma dopo la metamorfosi di Gregor anche lui porterà a casa dei soldi però alla sera sarà sempre il solito fannullone. Lui tira la mela che ucciderà Gregor,da questo e da come parlava di lui si capisce che all’ interno della famiglia era lui quello che odiava di più Gregor.


LA SORELLA:Giovane diciassettenne molto brava a suonare il violino, dopo la metamorfosi del fratello è lei quella che verso l’inizio si preoccupa di più di Gregor ma verso la fine del libro anche lei lo abbandona. Come tutti i membri della famiglia si trova un lavoro però non riesce a coronare il suo sogno:andare in conservatorio.


LA MADRE:Un po’ troppo emotiva, sviene alla vista del lio trasformato. Lei trova lavoro come sarta e cuce tutte le sere. Nella famiglia ha un ruolo marginale rispetto agli altri.


LE CAMERIERE:La prima appena può chiede di essere licenziata mentre l’ultima era l’unica a non provare disgusto nel vedere lo scarafaggio infatti lei lo osserverà tutte le mattine e sarà lei a scoprirlo morto e a gettarlo nella spazzatura.



GENERE

“La metamorfosi” è un romanzo d’ analisi.


ANALISI DEL LINGUAGGIO


Non vi sono termini difficili o tecnici ed è un racconto di facile lettura. L’autore si esprime in modo           realistico.




TRAMA



Una mattina Gregor Samsa si sveglia con una strana sensazione addosso. Guarda l’ora e vede che è in ritardo: in quel momento doveva già essere al lavoro. Prova ad alzarsi ma non ci riesce, allora nota che qualcosa è cambiato: guardandosi vede un sacco di piccole zampe invece delle braccia. Dopo un po’ lo chiamano i genitori e la sorella, chiedendogli perché non si era ancora alzato, ricordandogli anche che il principale si sarebbe arrabbiato per il ritardo. Lui risponde che era tutto a posto, ma sente che anche la sua voce è cambiata. In quel momento arriva il procuratore, mandato dal principale per controllare come mai Gregor non si era ancora presentato al lavoro. Sentendo la voce del procuratore vuole andare a giustificare il suo ritardo, ma quando riesce ad aprire la porta vede che sia i familiari sia il procuratore sono spaventati: vedono infatti che Gregor  è un orrendo scarafaggio. Dopo un attimo di panico ci furono diverse reazioni: il procuratore se ne andò di corsa, la madre svenne e il padre serrò il pugno come per allontanarlo e lo fece ritornare nella sua stanza. Gregor si addormentò e si risvegliò solo a tardo pomeriggio. Andando verso la porta sentì odore di cibo e vedendo una scodella di latte si accorse che la sorella gli aveva portato da mangiare. La mattina dopo, sentendo che qualcuno stava per entrare nella sua stanza, Gregor si nascose sotto il divano: la sorella, vedendo che non aveva mangiato il latte, gli portò una grande varietà di cibi, per vedere cosa egli potesse mangiare. Così andò avanti per diversi giorni. Un giorno, origliando alla porta, Gregor venne a sapere che i genitori avevano dovuto mandare via la serva e che si erano messi a lavorare perché la loro situazione patrimoniale, senza le entrate di Gregor, era molto grave. Dopo 2 settimane dopo la trasformazione la madre volle entrare per aiutare Grete a portare via i mobili, poiché avevano appreso che Gregor poteva arrampicarsi sui muri e per questo pensavano che la scrivania e la cassettiera fossero d’impiccio, me. Dopo che le due donne avevano portato via il primo mobile, Gregor si arrampicò su un quadro per far capire alla sorella che quello non voleva lasciarlo, ma lo vide anche la madre che si spaventò e svenne. Grete, allora, andò nell’altra stanza a prendere delle medicine e Gregor la seguì pensando di darle una mano, ma spaventò anche la ragazza che, involontariamente, lo colpì con delle boccette di vetro: Gregor rimase a terra ferito. Dopo un po’ di tempo tornò a casa il padre che, venuto a sapere ciò che era successo e vedendo il ragazzo a terra, rincorrendolo e tirandogli contro delle mele, lo colpì alla schiena provocandogli una ferita molto grave. Gregor si ritirò nella sua stanza e svenne. Passò circa un mese. Poiché neanche la sorella, molto impegnata nel suo lavoro, volle più occuparsi di Gregor, decisero di prendere una nuova serva, che facesse le pulizie anche nella stanza di Gregor. Passarono ancora dei giorni quando Gregor si accorse che una stanza era stata affittata a tre uomini, che volevano che tutta la casa fosse in ordine (per questo tutto ciò che non serviva veniva buttato nella stanza di Gregor) e che venivano serviti e riveriti dall’intera famiglia. Quando essi cenavano nel soggiorno la porta di quella stanza veniva chiusa, ma una sera la serva la dimenticò socchiusa, cosicché Gregor si sporse per vederli. Quella sera stessa risentì, dopo molto tempo, il violino di sua sorella, che fu invitata dai pensionanti a suonare per loro. Quando Gregor la vide vicino alla porta, decise di andare da lei e di rivelarle che avrebbe voluto mandarla al Conservatorio. Ma dopo un po’ che strisciava nella sua direzione uno dei tre si accorse di lui e urlò, dicendo poi che avrebbe disdetto la sua camera e invitando gli altri due a fare lo stesso. I familiari di Gregor erano disperati e dopo una breve discussione decisero che era meglio liberarsi di lui. Avvilito tornò lentamente nella sua stanza, dove morì lentamente per la ferita provocata mesi prima dal padre. La mattina dopo la serva lo vide fermo a terra e andò ad avvertire la famiglia. Più tardi si risvegliarono anche i tre pensionanti, che pretesero la colazione nonostante il dolore della famiglia: prontamente il padre li sbatté fuori di casa. I familiari decisero di non andare a lavorare quel giorno, per dedicarlo alle passeggiate e al riposo, per cercare una nuova casa, più piccola, dove ricominciare senza Gregor.




FINE O SCOPO DELL’ AUTORE


L’ autore vuole farci capire come cambiano i comportamenti delle persone infatti quando  una persona è di aiuto viene trattata con ogni riguardo, quando essa non serve più viene disprezzata ed emarginata.


COMMENTO PERSONALE


E’ una storia originale e raccontata in modo semplice. L’ opera mi è piaciuta abbastanza perché interessante e facile da leggere inoltre mostra come è difficile vivere se non si è accettati dagli altri.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta