ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto italiano

Giuseppe Ungaretti



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Giuseppe Ungaretti

Alessandria d'Egitto 1888-Milano 1970. Poeta italiano. Fece le prime esperienze nei circoli anarchici alessandrini, per poi trasferirsi a Parigi nel 1913. Qui incontrò i massimi esponenti letterari e artistici, tra cui P. Picasso e G. Apollinaire. L'esperienza simbolista si avverte nelle sue prime opere, caratterizzate da frasi semplici e immediate, dall'uso di immagini improvvise e, dal punto di vista formale, da frasi brevi e irregolari, allo scopo di recuperare l'essenza della poesia. Di questo primo periodo poetico, pervaso da un senso profondo di solitudine, sono Il porto sepolto (1916) e Allegria di naufragi (1919), che risente dell'esperienza passata in trincea durante la guerra del 1915-l918, nella quale si arruolò volontario. Un andamento più disteso e meditativo hanno le opere successive, dopo lo studio di Petrarca e Leopardi e la traduzione di poeti stranieri (Sentimento del tempo, 1933). Dopo un periodo passato in Brasile molto fertile dal punto di vista letterario (1936-l942), la raccolta Il dolore (1947), dopo la morte del lio, segnò l'inizio di un nuovo periodo poetico, imperniato su motivi autobiografici e sulla meditazione sui temi umani più profondi. Di questo periodo sono La Terra promessa (1950), Un grido e paesaggi (1952), Il taccuino del vecchio (1960) e Dialogo d'amore (1968). La sua poesia, facente parte del filone dell'ermetismo, è stata raccolta dal poeta stesso in Vita di un uomo (1969).









Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta