ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

La nascita del Dolce Stil Novo

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

La nascita del Dolce Stil Novo



Dante usa “ Dolce Stil Novo” per definire un modo di poetare diverso rispetto la poesia occitana (del mezzogiorno della Francia) e siciliana.


DOLCE:

al tempo di Dante c’erano tre modi di poetare:

ric: (ricco) gli elementi affabulativi erano complessi. Era ricco di ure retoriche e di descrizioni che rappresentavano in modo coinvolgente il prodotto affabulativo.  È chiaro e d’immediata fruizione

leu: (leggero) semplice ma non elementare, che non si perde in ridondanze.

cluz/clus: (chiuso) ermetico e di difficile comprensione


In Toscana era diffuso lo stile cluz di Guittone d’Arezzo. Dante si mette in contrasto con lo stile guittoniano. Questa posizione lo spinge a fare una scelta che tiene conto degli elementi “ric” e “leu”.

L’Alighieri sostiene che la ricchezza dell’eloquio deve essere in funzione della natura dell’argomento. Dà inizio al romanzo borghese (ric+leu). Poiché la poesia è trasmissione educativa, è necessario che sia fruibile ad un uditorio sempre più vasto.(la poesia guittoniana è invece solo per pochi).  In sintesi, i fini della poesia dantesca sono l’utilità e il dilettare.

Il dilettare è espressione d’amore della voce autoriale nei confronti del fruitore (da diligo).



STIL:

al tempo di Dante c’erano tre stili:


tragico: attiene ad argomenti teologici e filosofici (la filosofia era ancella della teologia).

mediano o comico: attiene ad argomenti sociali o etici.

umile o elegiaco: attiene ad argomenti prettamente terreni, alla poesia del pianto e della commiserazione (elegiaco dal greco eleison: pietà)

Lo stile del poeta coniuga il tragico e il comico insieme (argomenti teologici e filosofici).



NOVO:

Il termine novo esprime la capacità con cui l’autore ha saputo prendere le distanze dal “trobar cluz”

Novus:straordinario.








Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta