ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

MSN CHIUDE LA CHAT - MA LA PEDOFILIA IN INTERNET NON FINIRA'

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

MSN CHIUDE LA CHAT
MA LA PEDOFILIA IN INTERNET NON FINIRA'


Dal 14 Ottobre 2003, in ben 28 paesi, verrà chiuso il servizio gratuito di chat online nel portale della Microsoft, MSN.

Questa drastica decisione è stata adottata per evitare che l’eccessiva diffusione di siti a sfondo pornografico, inseriti nella rete soprattutto tramite banner di pubblicità, indirizzi scritti nelle chat pubbliche e messaggi di posta, arrivino alla portata dei minorenni.

Secondo Microsoft, le chat si sono trasformate in “un covo di predatori sessuali“ in cui si sono insinuati numerosi pedofili che abusano apertamente e liberamente dei giovani che si connettono per chiacchierare e trovare nuovi amici.

Infatti, gli utenti più a rischio sono bambini e ragazzi che navigano spesso nella rete e frequentano soprattutto luoghi di incontro, come le chat. Per i più piccoli sarebbe necessario un controllo maggiore da parte dei genitori che saprebbero meglio cosa fare in situazioni particolari.

Sul portale di MSN è stato trasmesso un annuncio in cui vengono spiegati i motivi di questa scelta. Microsoft vuole proteggere i suoi utenti e dargli un ambiente di comunicazione gratuito e libero ma più sicuro di quello che sono diventate ora le chat che diffondono illegalmente spam e altri contenuti inappropriati.



Per questo motivo i dirigenti di MSN hanno deciso di concentrare la loro attenzione in nuovi metodi di comunicazione, come MSN Messenger, un servizio che permette agli utenti di comunicare con persone che si conoscono già, inserendo il loro indirizzo di posta elettronica, e dà la possibilità di ignorare e proibire l’accesso a persone indesiderate. L’ambiente in cui ci si muove è decisamente più sicuro, inoltre dà la possibilità di chattare e contemporaneamente navigare sulla rete. Messenger infatti invia un messaggio acustico e luminoso ogni volta che si riceve un messaggio e ti avverte quando si connette qualche altro contatto.

Oltre a questo, restano aperte e gratuite molte comunità tematiche come i forum. Per accedere ai servizi non sarà necessario are un abbonamento come è stato deciso negli Stati Uniti, in Canada e in Giappone, ma il capo di MSN ha garantito che tutti i servizi sul portale rimarranno gratuiti.

Il comunicato di Microsoft sulla chiusura delle chat ha sorpreso tutta la comunità di Internet e ha sollevato una grande discussione sui blog, i forum e i gruppi di discussione che restano accessibili.

C’è chi pensa che sia giusto lasciare aperto un portale in cui le persone possono parlare senza essere controllate e che questa libertà sia importante.  Ma c’è anche il male che fa parte del mondo, che può essere considerato “libero” e si può trovare ovunque. Forse in un mondo senza male non si riuscirebbe a vedere il bene come qualcosa di speciale.

Queste considerazioni però sono piuttosto esagerate, anche se, in tutti i casi, il male resta; invece è molto positivo il fatto che ci sia qualcuno che, anche a proprio rischio, cerca di diminuirlo. La chiusura di MSN chat costerà molto alla Microsoft che gia prevede uno spostamento di massa dei propri clienti su altri portali di chat che rimangono aperti.

Un dubbio molto ricorrente riguarda il fatto che pedofili e spammer avranno altri canali per continuare a molestare i ragazzi.



A queste obbiezioni la Microsoft risponde che, anche se non crede che questa decisione molto sofferta risolverà i problemi, potrà essere da esempio per le altre multinazionali di internet e magari, col tempo, si potrà riuscire a trovare un modo sicuro e tranquillo per incontrarsi in rete.

Un sistema per diminuire questi abusi potrebbe essere anche quello di cancellare una buona parte dei 260 milioni di ine pornografiche che si possono trovare sulla rete.

Un’altra soluzione piuttosto intelligente, anche se sicuramente non risolve tutto il problema, è quella che hanno adottato alcune chat di altri portali: una censura le parole non autorizzate comunicando al loro posto degli asterischi, altre in cui, se qualcuno scrive frasi volgari, viene buttato fuori dalla chat e non gli viene permesso l’ingresso per un determinato arco di tempo.

Anche se MSN chat chiude, finché la decisione non verrà presa anche da altri portali, i molestatori avranno ancora via libera.

L’unico modo, per ora, sarebbe quello di sensibilizzare i bambini e i ragazzi incitandoli a chiudere le conversazioni che prendono una brutta piega, ma anche i genitori che dovrebbero seguire più attentamente i propri li.

Però non bisogna considerare la chat come l’unico modo per socializzare, per i giovani è importante anche uscire e svagarsi costruendo rapporti più reali.

Ma per ora continuiamo a chattare, perché è importante anche conoscere gente nuova di tutte le età e trovarsi per affrontare conversazioni su qualsiasi tipo idi tematiche.

Se utilizzate nel modo giusto, le chat possono dimostrarsi interessanti, divertenti e nello stesso tempo possono far crescere.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta