ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

TOMMASO PINCIO UN AMORE DELL’ALTRO MONDO

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

TOMMASO PINCIO

UN AMORE DELL’ALTRO MONDO



  • Homer B. Alieson ebbe un’infanzia felice fino ai sette anni. Aveva una forte passione per gli alieni e tutto quello che riguardava lo spazio, infatti ogni regalo che poteva scegliere chiedeva sempre i soliti giocattoli spaziali, anche se li possedeva già,non ci giocava però e li metteva sotto il letto come dei tesori. Un giorno però la madre si stufò di comperargli sempre le stesse cose e non vederle neanche utilizzate,decise quindi di sfidarlo regalandogli un pezzo di carbone.
  • Homer la prese male e cominciò a pensare che la madre lo odiasse, i genitori di Homer si stavano separando, e a lui non sembravano più i suoi genitori, li vedeva diversi come tutti gli altri adulti.
  • Un giorno Homer vide alla TV un programma televisivo sugli alieni. Facevano vedere delle persone normali, che si addormentavano, e al loro risveglio si svegliavano cambiati, perché gli alieni li avevano trasformati durante il sonno, decise quella sera che non avrebbe dormito per tutto il resto della sua vita per paura che durante il sonno si trasformasse anche lui in un diverso, un alieno.
  • Homer infatti smise di dormire per diciotto anni, abitava da solo, per vivere faceva il guardiano notturno alla biblioteca pubblica di Aberdeen la città dove viveva, inoltre vendeva i suoi giocattoli ai collezionisti disposti a sborsare parecchi quattrini per poter avere quelle rarità che Homer custodiva in perfette condizioni da parecchi anni.
  • Faceva lunghe passeggiate Homer nei boschi di Aberdeen, e una sera sotto un ponte vicino a un fiume incontrò un ragazzo, si chiamava Kurt, lui non era come gli altri, non era diverso insomma, Homer si fidò di lui e gli parlò dei diversi e del fatto che non dormiva da diciotto anni, Kurt gli chiese se non era stanco di stare sveglio e se non aveva mai avuto voglia di dormire, lui disse di si, ma ormai non ne era più capace,ma Kurt gli propose un sistema per dormire, un sistema che Homer non avrebbe più smesso di usare per tutto il resto della sua vita.
  • Da quella notte la vita di Homer cambiò radicalmente, cominciò a usare questo sistema, che altro non è che eroina, non si rese conto di essere diventato tossicodipendente e giustificava l’assunzione di eroina come sistema per dormire, come faceva il suo nuovo amico Kurt che la usava per calmare i dolori di stomaco, gli stessi dolori che aveva poi anche Homer o Boda che era il suo secondo nome, e come lo chiamava Kurt.
  • La storia di Homer si intreccia continuamente con le storia di Kurt, le amicizie le abitudini, anche fisicamente si assomigliavano e Homer veniva spesso scambiato con lui.
  • Ma un giorno Homer decise che nella sua vita mancava qualcosa, mancava l’amore, e così salutò il suo amico Kurt che stava avendo ormai un grosso successo con il suo gruppo e aveva già trovato l’amore. Homer partì quindi per un lungo viaggio in cerca di un amore speciale, un amore appunto dell’altro mondo.. non sapendo però a quello che andava in contro.


Questo libro è pieno di emozioni e tiene il lettore sempre con un filo di suspance. Dietro la storia di Homer c’è la storia di migliaia di giovani degli anni novanta, è un romanzo che accomuna emozioni, paure, sbagli, desideri, speranze e insegna soprattutto il valore dell’amicizia, della fiducia e dell’amore.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta