ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

Tanto gentile e tanto onesta pare- la vita nuova – analisi del testo

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Tanto gentile e tanto onesta pare- la vita nuova – analisi del testo


Sonetto

Rima quartine incrociata ABBA ABBA

Rima terzine ripetute inverse CDE EDC


Verso 1: Tanto gentile e tanto onesta pare


“gentile”: da gens , si riferisce alla divisione clanica della società e alla nobiltà interiore della donna.

“tanto tanto”: iterazione, sineddoche indeterminato per determinato. La ura retorica dà valore qualitativo e non quantitativo all’idea di gentile (val. sociologico) e di onesta (val. etico).

“pare”: indica il valore qualitativo dell’atto. Appare si riferisce all’essere che va valutato mediante l’anima razionale nei riguardi di dio.

È presente un’inarcatura che rallenta il ritmo.


Verso 2: la donna mia quand’ella altrui saluta


“altrui”: posizione iperbatica che sottolinea il diretto contatto tra “ella” e “altrui”

“saluta”: da salus, si riferisce alla salvazione dell’anima.


Verso 3: ch’ogne lingua deven tremando muta


“lingua”: da logos, proiezione del lio nel nostro intelletto. Si esprime la limitatezza dell’uomo infatti chi non è capace di “entrare”nell’apparizione viene posto in condizione di disagio.

“deven”: apocope che sottolinea l’azione


Verso 4: e li occhi no l’ardiscono di guardare


“occhi”: il guardare non attiene allo sguardo ma alla capacità di penetrare nell’anima razionale e all’ordinare in maniera qualitativa l’esperienza.


Verso 5: ella si va, sentendosi laudare


“Ella si va”: atto con cui invita gli altri a elevarsi verso la potenza


Verso 6: benignamente d’umiltà vestuta


“benignamente”: benevolenza+umiltà : elementi fondamentali per poter entrare nel regno di dio.


Verso 7: e par che sia una cosa venuta


“par”: indica il valore qualitativo dell’atto. Appare si riferisce all’essere che va valutato mediante l’anima razionale nei riguardi di dio.


Verso 8 : da cielo in terra a miracol mostare


“miracol” : forza rigeneratrice dell’anima razionale

La rigenerazione consiste nel portare dall’atto alla potenza l’anima razionale.



Verso 9: mostrasi si piacente a chi la mira


“mostrasi”: paragoge , il passaggio traduce il coro dei beati proprio dei movimenti celesti

“mirare”: guardare attento e intenso, pieno di meraviglia (sforzo dell’anima razionale di penetrare in lei)



Verso 10: che dà per li occhi una dolcezza in core


“occhi”: metonimia, concreto per astratto, indicano la capacità e la volontà di conoscere.

“dolcezza”: amore perché elemento didascalico ma anche dichiarazione del dolce stil novo



Verso 11: che ‘ntender non la può chi non la prova


“prova”: si trova in posizione iperbatica

“non . non”: doppia litote.

Ci si riferisce al pensiero scolastico tramite la conoscenza.

“prova”: sema criptico perché nasconde il rinvio del metodo scolastico. Il problema risiede nella capacità razionale di intendere ciò che è da ciò che non è.

L’intendimento è una funzione complessiva dell’anima razionale. L’intendere implica attività logica.


Verso 12: e par che dalle sue labbia si mova


“si mova”: indica l’azione del movimento, emana



Verso 13: uno spirito soave pien d’amore


“amore”: ritorna l’idea dell’amore, proiezione dello spirito soave


Verso 14: che va dicendo all’anima:sospira


“sospiro”: invito a riflettere e a ragionare, sforzo di tensione verso l’incontro con dio.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta