ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

Valerio Massimo Manfredi - LO SCUDO DI TALOS

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Valerio Massimo Manfredi

LO SCUDO DI TALOS


AUTORE

Valerio massimo Manfredi è nato a Modena nel 1943, è archeologo oltre che grande scrittore. Ha pubblicato molti articoli e saggi, scritto romanzi ed opere di narrativa tradotte in tutto il mondo (sono circa sei i milioni di copie vendute nel mondo delle sue opere).

ROMANZO

GENERE LETTERARIO: romanzo storico in cui si nota l’intreccio tra storia e mito.


SPAZIO E TEMPO: La vicenda è ambientata nell’antica Grecia precisamente a Sparte e sulle montagne che la circondano durante le guerre persiane contro i greci.




NARRATORE: Il narratore è esterno e nascosto, si ha quindi una narrazione esterna


TRAMA:

-ESPOSIZIONE- Kleidemos è il secondo genito di una delle più nobili famiglie di Sparta, lui è storpio, così i suoi genitori, non potendo sottrarsi alla dura legge che vige sulla loro città, sono costretti, a malincuore, ad abbandonarlo sul monte Taigeto.

-ESORDIO- Qui lo trova Kritolaos un vecchio pastore ilota che Talos, è questo il nuovo nome con cui lo schiavo lo ha battezzato, imparerà a chiamare nonno, così come chiamerà madre la lia del vecchio che lo alleverà.

Da quel giorno Talos imparerà ,grazie anche all’aiuto del vecchio pastore, a muoversi con destrezza nonostante il suo piede rattrappito, e sarà sempre Kritolaos a mostrargli delle vecchie armi possedute un tempo al suo popolo e a donargli un grande arco che in seguito gli insegnerà ad usare alla perfezione. Il ragazzo si sottopose ad affaticanti prove per compensare la disgrazia con cui gli dei lo avevano colpito.

Intanto a sparta suo fratello Brithos cresce velocemente tra la casa e il ginnasio dove viene allenato per essere un valoroso combattente. Un giorno Brithos e i suoi comni circondano Antinea, una giovane e graziosa contadina amica di Talos, per aggredirla.

–PERIPEZIE- Talos accorre subito in aiuto della ragazza difendendola combattendo valorosamente contro quei giovani spartani, non sa però che si sta battendo contro suo fratello, il quale una volta bloccato il pastore zoppo con l’aiuto dei suoi comni esita e non lo uccide.

Passano i mesi e in Grecia giungono i Persiani, Sparte deve mandare Trecento combattenti alle Termopili. Gli Iloti furono condotti nella città per essere scelti come attendenti per i guerrieri e Talos fu scelto proprio da suo fratello.

Al massacro delle Termopili furono sottratti dal re Leonidas Brithos e un suo comno poiché il re aveva ordinato loro di portare un messaggio di vitale importanza a Sparta, un compito al quale non potevano disobbedire;Talos accomno i due durante il viaggio. A metà tragitto però il messaggio venne rubato e sostituito con uno vuoto. Arrivati a Sparta i due vennero giudicati come codardi: “coloro-che-avevano-tremato” e questo non riuscivano a sopportarlo: uno s’impicco e Brithos tentò di togliersi la vita con un pugnale ma venne fermato da Talos che lo aiutò a trovare una nuova ragione di vita, quella di dimostrare a tutti il suo vero valore. Divennero così insieme l’oplita solitario e l’abile arciere che combattevano uniti i Persiani. Brithos ebbe il suo riscatto, andando incontro alla morte da eroe.

-SPANNUNG- Talos scoperta la sua vera identità si trova davanti ad un bivio: stare dalla parte degli spartiati  o combattere per gli iloti.

Dopo varie ricerche ed enigmi, Talos, aiutato da karas trovò il vero messaggio del re Leonidas.

-SCIOGLIMENTO- Ciò che conteneva il messaggio segreto spinse Talos a guidare gli Iloti verso la libertà. Morì nella guerra contro gli spartiati, ma gli iloti si liberarono dalla schiavitù.


I PERSONAGGI

-Protagonista         Talos (o Kleidemos) nato come guerriero ma cresciuto da schiavo. E’ zoppo ma nonostante questo è molto forte e agile. Impara a combattere con il suo bastone e il suo prezioso arco, ragazzo semplice ma ambizioso, che non si scoraggia davanti alle difficoltà o le sconfitte.




-Personaggio secondario           Brithos, fratello di Talos, forte e temibile in guerra,

allevato per combattere, dapprima nemico pi comno

e amico del fratello.


-Altri personaggi   Kritolaos, il vecchio pastore ilota che ha trovato e accudito

Talos a lungo insegnandoli a usare l’arco ma soprattutto a

vivere. E’ un oumo molto legato alla gloria passata del suo

popolo.

Karas, un ilota enigmatico che accomna e aiuta Talos nella vita una volta morto Kritolaos. Combatte al fianco dal giovane zoppo contro gli spartiati

Antinea, è il primo e unico amore di Talos, costretta ad abbandonarlo per seguire il padre si rincontreranno in seguito e daranno vita a un bambino. Lei è una semplice contadina ilota molto bella.


COMMENTO PERSONALE


L’autore in questo romanzo esprime idee valide e condivisibili: non contano differenze

sociali ma bensì il valore e la dignità di ogni persona. La storia è avvincente e la lettura solo a tratti meno scorrevole. Romanzo che coniuga abilmente un’intricata storia famigliare con l’affascinante sfondo storico









Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta