ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

Consolatio ad matrem



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Consolatio ad matrem


Saepe iam, mater optima, impetum cepi consolandi te, saepe continui. Ut auderem multa me impellebant: primum videbar depositurus omnia icommoda, cum lacrimas tuas, etiam si sopprimere non potuissem, interim certe abstersissem; deinde plus habiturum me auctoritatis non dubitabam ad excitandam te, si prior ipse consurrexissem; praeterea timebam ne a me victa fortuna aliquem meorum vinceret. Itaque utcumque conabar manu super plagam meam inposita ad obbligando vulnera vestra reptare. Hoc propositum meum erant rursus quae retardarent: dolori tuo, dum recens saeviret, sciebam occurrendum non esse ne illum ipsa solacia inritarent et accenderent; nam in morbis quoque nihil est perniciosius quam inmatura medicina; expectabam itaque dum ipse vires suas frageret et ad sustinenda rimedia mora mitigatus tangi se ac tractari pateretur.





TRADUZIONE:


consolazione alla madre – seneca


spesso ormai, o madre buonissima, ho sentito il forte desiderio di consolarti, spesso l’ho trattenuto. Molte vicende mi spingevano ad osare: innanzitutto sembrava che mi sarei liberato di tutte le cose scomode, se avessi potuto porre fine alle tue lacrime, almeno asciugarle per un momento; poi capivo che con più efficacia ti avrei rincuorato, se mi fossi risollevato io per primo; infine temevo che la sorte, da me sconfitta si riversasse su qualcuno dei miei. Perciò mi sforzavo in tutti i modi, tenendo una mano sulla mia piaga, di trascinarmi fino a voi per curare le vostre ferite. Di nuovi c’erano nuove ragioni per ritardare questo mio proposito: sapevo che non si poteva accorrere al tuo dolore, nella sua iniziale intensità sen<za il rischio che le mie parole di conforto lo irritassero ulteriormente e lo riaccendessero; infatti anche nelle malattie non c’è nulla di più dannoso di una medicina data prima del tempo; così aspettavo che esso si calmasse da sé e, disposto a ricevere le cure, si lasciasse toccare e trattato mitigato dall’indugia.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta