ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

DATAMES



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

DATAMES

DATAME

1. De Datamis opera in bello.

1. Impegno di Datame in guerra.

Datames, patre Camisare, natione Care, matre Scythissa natus, primum militum in numero fuit apud Artaxerxen eorum, qui regiam tuebantur. Pater eius Camisares, quod et manu fortis et bello strenuus et regi multis locis fidelis erat repertus, habuit provinciam partem Ciliciae iuxta Cappadociam, quam incolunt Leucosyri. 2 Datames, militare munus fungens, primum,




qualis esset, aperuit in bello, quod rex adversus Cadusios gessit. Namque hic multis milibus

regiorum interfectis magni fuit eius opera. Quo factum est, cum in eo bello cecidisset Camisares, ut paterna ei traderetur provincia.

Datame, nato dal padre Camisare, di stirpe caria, dalla madre scita, dapprima fu presso Artaserse nel numero di quei soldati, che custodivano la reggia. Suo padre Camisare, poiché era stato trovato sia forte di mano e valoroso in guerra e fedele al re in molti momenti, ebbe come provincia la parte della Cilicia vicino alla Cappadocia, che abitano i Leucosiri.

Datame, adempiendo il servizio militare, dapprima manifestò quale fosse nella guerra, che il re fece contro i Cadusi. Infatti  qui, essendo state uccise molte migliaia di (soldati) regi, la sua opera fu di grande importanza. Perciò accadde, essendo caduto Camisare in quella guerra, che gli fosse concessa la provincia paterna.






2. De Datamis virtute contra Thuyn.

2. Valore di Datame contro Tuis.

Pari se virtute postea praebuit, cum Autophrodates iussu regis bello persequeretur eos, qui

defecerant. Namque huius opera hostes, cum castra iam intrassent, profligati sunt exercitusque

reliquus conservatus regis est. Qua ex re maioribus rebus praeesse coepit. 2 Erat eo tempore Thuys, dynastes Paphlagoniae antiquo genere, ortus a Pylaemene illo, quem Homerus Troico bello a Patroclo interfectum ait. 3 Is regi dicto audiens non erat. Quam ob causam bello eum persequi constituit eique rei praefecit Datamen, propinquum Paphlagonis: namque ex fratre et sorore erant nati. Quam ob causam Datames primum experiri voluit, ut sine armis propinquum ad officium reduceret. Ad quem cum venisset sine praesidio, quod ab amico nullas vereretur insidias, paene interiit: nam Thuys eum clam interficere voluit. 4 Erat mater cum Datame, amita Paphlagonis: ea, quid ageretur, resciit filiumque monuit. 5 Ille fuga periculum evitavit bellumque indixit Thuyni. In quo cum ab Ariobarzane, praefecto Lydiae et Ioniae totiusque Phrygiae, desertus esset, nihilo segnius perseveravit vivumque Thuym cepit cum uxore et liberis.

Si dimostrò poi di pari valore, quando Autofrodate per ordine del re perseguiva coloro, che si erano ribellati.
 Infatti per sua opera i nemici, essendo ormai entrati negli accampamenti, furono sconfitti ed il rimanente esercito del re fu salvato. Per tale cosa comincio ad essere a capo di maggiori realtà. C’era in quel tempo, Tuis, principe della Paflagonia di antica famiglia, nato da quel famoso Palamede, che Omero dice ucciso da Patroclo nella guerra troiana. Egli non era obbediente all’ordine del re. Per tale motivo decise di perseguirlo con una guerra ed a quella mise a capo Datame, parente di Paflagone: infatti erano nati da fratello e sorella. Per tale motivo Datame dapprima volle tentare, di indurre al dovere il parente senza armi. E giunto da lui senza scorta, perché da un amico non temeva nessuna insidia, quasi perì: infatti Tuis volle ucciderlo di nascosto. C’era con Datame la madre, zia di Paflagone: ella venne a sapere, cosa si tramasse, ed avvertì il lio.
Egli con la fuga evitò il pericolo e dichiarò guerra a Tuis. Ma in questa essendo stato abbandonato da Ariobazane, comandante della Lidia, della Ionia e di tutta la Frigia, per nulla perseverò più pigramente e catturò vivo Tuis con moglie e li.



3. De Datame magnifice donato.

3. Datame riccamente premiato.

Cuius facti ne prius fama ad regem quam ipse perveniret, dedit operam. Itaque omnibus

insciis eo, ubi erat rex, venit posteroque die Thuyn, hominem maximi corporis terribilique facie, quod et niger et capillo longo barbaque erat promissa, optima veste texit, quam satrapae regii

gerere consuerant, ornavit etiam torque atque armillis aureis ceteroque regio cultu; 2 ipse agresti

duplici amiculo circumdatus hirtaque tunica, gerens in capite galeam venatoriam, dextra manu

clavam, sinistra copulam, qua vinctum ante se Thuynem agebat, ut si feram bestiam captam

duceret. 3 Quem cum omnes conspicerent propter novitatem ornatus ignotamque formam ob

eamque rem magnus esset concursus, fuit nonnemo, qui agnosceret Thuym regique nuntiaret. 4 Primo non accredidit: itaque Pharnabazum misit exploratum. A quo ut rem gestam comperit, statim admitti iussit, magnopere delectatus cum facto tum ornatu, in primis quod nobilis rex in potestatem inopinanti venerat. 5 Itaque magnifice Datamen donatum ad exercitum misit, qui tum contrahebatur duce Pharnabazo et Tithrauste ad bellum Aegyptium, parique eum atque illos imperio esse iussit. Postea vero quam Pharnabazum rex revocavit, illi summa imperii

tradita est.

Ma di questo fatto fece in modo che la fama non giungesse al re prima di lui. E così, mentre tutti erano ignari, giunse là dove c’era il re ed il giorno dopo ricoprì Tuis, personaggio di grandissima corporatura e di terribile aspetto, poiché era nero, con capigliatura lunga e barba fluente, con una bellissima veste, che i satrapi regi erano soliti portare, lo adornò pure di una collana e braccialetti d’oro ed altro abbigliamento regale; egli rivestito di doppio mantello e di ispida tunica, portando sul capo un casco da cacciatore, nella mano destra la clava, nella sinistra un guinzaglio, con cui guidava davanti a sé Tuis, come se conducesse una bestia feroce catturata. Poiché tutti lo guardavano per la stranezza dell’abbigliamento e per l’aspetto insolito e per tale cosa essendoci un grande accorrere, ci fu qualcuno che conosceva Tuis e lo raccontava al re. Dapprima non credette: e così mandò Farnabazo ad esplorare. Ma come seppe da questi la cosa compiuta, subito ordino che fosse ammesso, compiaciuto molto sia del fatto sia dell’abbigliamento, soprattutto perché un famoso re era giunto sotto il potere ad uno che non se l’aspettava. E  così mandò Datame sontuosamente premiato presso l’esercito che allora veniva arruolato sotto il comando di Farnabazo e Titrauste per la guerra egiziana e ordinò che lui e quelli fossero di pari potere. Ma dopo che il re richiamò Farnabazo, a lui fu affidato i complesso del comando.



4. De Aspi a Datame capto.

4. Aspi catturato da Datame.

Hic cum maximo studio aret exercitum Aegyptumque proficisci pararet, subito a

rege litterae sunt ei missae, ut Aspim aggrederetur, qui Cataoniam tenebat; quae gens iacet supra Ciliciam, confinis Cappadociae. 2 Namque Aspis, saltuosam regionem castellisque

munitam incolens, non solum imperio regis non parebat, sed etiam finitimas regiones vexabat

et, quae regi portarentur, abripiebat. 3 Datames etsi longe aberat ab his regionibus et a maiore re

abstrahebatur, tamen regis voluntati morem gerendum putavit. Itaque cum paucis, sed viris



fortibus navem conscendit, existimans, quod accidit, facilius se imprudentem parva manu

oppressurum quam paratum quamvis magno exercitu. 4 Hac delatus in Ciliciam, egressus inde,

dies noctesque iter faciens Taurum transiit eoque, quo studuerat, venit. Quaerit, quibus locis sit

Aspis; cognoscit haud longe abesse profectumque eum venatum. Quae dum speculatur, adventus eius causa cognoscitur. Pisidas cum eis, quos secum habebat, ad resistendum Aspis at. 5 Id Datames ubi audivit, arma sumit, suos sequi iubet; ipse equo concitato ad hostem vehitur. Quem procul Aspis conspiciens ad se ferentem pertimescit atque a conatu resistendi deterritus sese dedidit. Hunc Datames vinctum ad regem ducendum tradit Mithridati.

Costui mentre col massimo impegno preparava l’esercito e si organizzava per partire per l’Egitto, improvvisamente gli furono inviate da parte del re delle lettere, perché assalisse Aspi, che deteneva la Catatonia; questa popolazione si trova sopra la Cilicia, confinante della Cappadocia. Infatti Aspi, abitando una regione boscosa e munita di fortezze, non solo non obbediva al comando del re, ma anche vessava le regioni vicine e sottraeva, le cose che erano portate al re. Datame anche se era lontano a queste regioni ed era distratto da una cosa maggiore, tuttavia ritenne di tenere un comportamento secondo (per) la volontà del re. E così con pochi, ma forti uomini salì sulla nave, pensando, cosa che accadde, che più facilmente con un piccolo manipolo avrebbe vinto uno che non se l’aspettava che, con un grande esercito, uno preparato. Da questa portato in Cilicia, uscito di lì, marciando giorni e notti, attraversò il Tauro e giunse là, dove aveva voluto. Chiede in quali luoghi sia Aspi; viene a sapere che non è lontano e che era partito per cacciare. Mentre scruta queste cose, viene conosciuta la causa del suo arrivo. Aspi prepara i Pissidi con quelli che aveva con sé a resistere. Quando Datame udì ciò, prende le armi, ordina che i suoi lo seguano; egli stesso spronato il cavallo si porta contro il nemico. Ma Aspi vedendolo da lontano che si recava contro di lui s’impaurisce e distolto dal tentativo di resistere si consegnò. Datame consegna A Mitridate costui legato da consegnare al re.



5. De Datamis periculis.

5. I rischi di Datame.

Haec dum geruntur, Artaxerxes reminiscens, a quanto bello  ad quam parvam rem principem ducum misisset, se ipse reprehendit et nuntium ad exercitum Acen misit, quod nondum Datamen profectum putabat, qui diceret, ne ab exercitu discederet. Hic priusquam perveniret, quo erat profectus, in itinere convenit, qui Aspim ducebant. 2 Qua celeritate cum magnam benevolentiam regis Datames consecutus esset, non minorem invidiam aulicorum excepit, quod illum unum pluris quam se omnes fieri videbant. 3 Quo facto cuncti ad eum opprimendum consenserunt. Haec Pandantes, gazae custos regiae, amicus Datami, perscripta ei

mittit, in quibus docet eum in magno fore periculo, si quid illo imperante adversi in Aegypto

accidisset. 4 Namque eam esse consuetudinem regiam, ut casus adversos hominibus tribuant,

secundos fortunae suae; quo fieri, ut facile impellantur ad eorum perniciem, quorum ductu res male gestae nuntientur. Illum hoc maiore fore in discrimine, quod, quibus rex maxime oboediat,

eos habeat inimicissimos. 5 Talibus ille litteris cognitis, cum iam ad exercitum Acen venisset,

quod non ignorabat ea vere scripta, desciscere a rege constituit. Neque tamen quicquam fecit,

quod fide sua esset indignum. 6 Nam Mandroclen Magnetem exercitui praefecit; ipse cum suis

in Cappadociam discedit coniunctamque huic Paphlagoniam occupat, celans, qua voluntate

esset in regem. Clam cum Ariobarzane facit amicitiam, manum at, urbes munitas suis

tuendas tradit.

Mentre si fanno queste cose, Artaserse ricordandosi da quale grande guerra avesse mandato ad una piccola cosa il principe dei condottieri, si dispiace lui stesso e manda un messaggero presso l’esercito ad Ace, perché pensava che Datamen non fosse ancora partito, e riferisse di non allontanarsi dall’esercito. Costui prima di giungere, per dove era partito, nel viaggio incontra coloro che conducevano Aspi. Con una tale velocità avendo Datame ottenuto il grande favore del re, ricevette non minore invidia dei cortigiani, poiché vedevano che lui da solo era stimato più di tutti loro. Per tale fatto tutti si accordarono a sopprimerlo. Pandante, custode del tesoro regio, amico di Datame, gli manda questi scritti, in cui rivela che lui era in grande pericolo, se gli fosse capitato qualcosa di contrario in Egitto, lui comandante.
Infatti quella era la consuetudine regia, di attribuire i casi avversi agli uomini, i prosperi alla propria fortuna; perciò accadeva che facilmente erano indotti alla rovina di coloro, per il cui comando le imprese sono annunciate negativamente. Lui per questo era in un pericolo maggiore, perché, aveva inimicissimi quelli a cui il re prestava orecchio. Egli conosciute tali lettere, essendo ormai giunto ad Ace presso l’esercito, poiché non ignorava che gli scritti (dicevano) veramente quelle cose, decise di separarsi dal re. Infatti mai aveva fatto qualcosa che fosse indegno della sua fedeltà. Infatti mise a capo dell’esercito Mandrocle di Magnesia; lui con i  suoi se ne andò in Capapdocia ed occupa la Paflagonia congiunta a questa, celando, di quale intenzione fosse verso il re. Nascostamente fece amicizia con Ariobazane, prepara un manipolo, consegna ai suoi le città fortificate da difendere.



6. De Datamis acutiore facto.

6. Azione piùttosto astuta di Datame.

Sed haec propter hiemale tempus minus prospere procedebant. Audit Pisidas quasdam copias adversus se parare. Filium eo Arsidaeum cum exercitu mittit: cadit in proelio adulescens.

Proficiscitur eo pater non ita cum magna manu, celans, quantum vulnus accepisset, quod prius

ad hostem pervenire cupiebat quam de male re gesta fama ad suos perveniret, ne cognita filii

morte animi debilitarentur militum. 2 Quo contenderat, pervenit iisque locis castra ponit, ut

neque circumiri multitudine adversariorum posset neque impediri, quo minus ipse ad dimicandum manum haberet expeditam. 3 Erat cum eo Mithrobarzanes, socer eius, praefectus equitum. Is desperatis generi rebus ad hostes transfugit. Id Datames ut audivit, sensit, si in turbam exisset ab homine tam necessario se relictum, futurum, ut ceteri consilium sequerentur. 4 In vulgus edit: suo iussu Mithrobarzanem profectum pro perfuga, quo facilius receptus interficeret hostes. Quare relinqui eum par non esse et omnes confestim sequi. Quod si animo strenuo fecissent, futurum, ut adversarii non possent resistere, cum et intra vallum et foris

caederentur.

5 Hac re probata exercitum educit Mithrobarzanem persequitur tantum; qui cum

ad hostes pervenerat, Datames signa inferri iubet. 6 Pisidae nova re commoti in opinionem

adducuntur perfugas mala fide compositoque fecisse, ut recepti maiori essent calamitati.

Primum eos adoriuntur.

Illi cum, quid ageretur aut quare fieret, ignorarent, coacti sunt cum eis pugnare, ad quos transierant, ab iisque stare, quos reliquerant; quibus cum neutri parcerent, celeriter sunt concisi.

7 Reliquos Pisidas resistentis Datames invadit; primo impetu pellit, fugientis persequitur, multos interficit, castra hostium capit.

8 Tali consilio uno tempore et proditores perculit et hostis profligavit et, quod ad perniciem suam fuerat cogitatum, id ad salutem convertit. Quo neque acutius ullius imperatoris cogitatum neque celerius factum usquam legimus.



Ma queste cose procedevano meno felicemente per il tempo invernale. Sente che i Pissidi preparavano alcune truppe contro di lui. Manda là il lio Arsideo con l’esercito: il giovane cade in combattimento. Si dirige là il padre così non con una grande truppa, celando, quale grande ferita avesse ricevuto, perché desiderava giungere dal nemico prima che ai suoi giungesse la notizia della realtà andata male, perché saputa la morte del lio gli animi dei soldati non fossero abbattuti. Dove era diretto, giunge e pone in quei luoghi gli accampamenti perché non potesse essere circondato dalla moltitudine degli avversari ed impedito ad avere un truppa spedita per combattere. C’era con lui Mitrobarzane, suo suocero, comandante dei cavalieri. Egli, essendo disperate le cose del genero, fuggì presso i nemici. Come Datame udì ciò, capì, che se fosse trapelato nella massa che era stato abbandonato da un uomo così imparentato, sarebbe accaduto che gli altri avrebbero seguito la sua decisione. Fa dire al volgo: che per suo ordine Mitrobazane era partito come disertore, perché, più facilmente accolto uccidesse i nemici. Perciò non era bene che li fosse abbandonato ma che tutti subito lo seguissero. Che se l’avessero fatto con animo valoroso, sarebbe accaduto che gli avversari non potevano resistere, essendo massacrati sia dentro la trincea che fuori. Approvata questa cosa guida l’esercito segue soltanto Mitrobarzane; ma come questi era giunto presso i nemici, Datame ordina che si portino avanti le insegne. I Pissidi spaventati dalla cosa strana sono indotti nell’idea che avessero fatto i disertori in mala fede e di proposito, perché accolti fossero di maggiore rovina. Prima li assalgono. Essi ignorando cosa capitasse o perché accadesse, furono costretti a combattere contro coloro, presso cui erano passati e a stare dalla parte di coloro che avevano abbandonato; ma poiché né gli uni né gli altri li risparmiavano, velocemente furono massacrati. Datame assale gli altri Pissidi che resistono; col primo assalto li respinge, insegue i fuggitivi, molti li uccide, occupa gli accampamenti dei nemici. Con tale piano in un solo tempo sia abbattè i traditori sia sconfisse i nemici sia, quello che era stato escogitato per la sua rovina, lo trasformò in propria salvezza. E non abbiamo letto di nessun comandante una strategia più sottile né un fatto più veloce di questo.




7. De Defectione filii Datamis.

7. Defezione del lio di Datame.

Ab hoc tamen viro Sysinas, maximo natu filius, desciit ad regemque transiit et de defectione

patris detulit. Quo nuntio Artaxerxes commotus, quod intellegebat sibi cum viro forti ac strenuo

negotium esse, qui, cum cogitasset, facere auderet et prius cogitare quam conari consuesset,

Autophrodatem in Cappadociam mittit. 2 Hic ne intrare posset, saltum, in quo Ciliciae portae sunt sitae, Datames praeoccupare studuit. 3 Sed tam subito copias contrahere non potuit. A qua re depulsus cum ea manu, quam contraxerat, locum deligit talem, ut neque circumiretur ab hostibus neque praeteriret adversarius, quin ancipitibus locis premeretur, et, si dimicare eo vellet, non multum obesse multitudo hostium suae paucitati posset.

Tuttavia da questo uomo si staccò Sisina, il lio maggiore e passò presso il re e riferì della defezione del padre: Artaserse colpito da tale notizia, poiché capiva che aveva un impegno con un uomo forte e valoroso, che avendo pensato, osava fare ed era solito pensare prima che tentare, manda Autofrodate in Capapdocia. Perché costui non potesse entrare, studiò di occupare prima il passo, in cui sono situate le porte della Cilicia.
Ma non potè tanto presto raccogliere le truppe. Distolto da tale cosa con quel manipolo che aveva raccolto, sceglie un luogo tale, che né fosse circondato dai nemici né il nemico passasse, senza essere incalzato da due postazioni e se volesse combattere, la moltitudine dei nemici non avesse potuto nuocere molto al piccolo numero.



8. De Datamis victoria contra regem.

8. Vittoria di Datame contro il re.

Haec etsi Autophrodates videbat, tamen statuit congredi quam cum tantis copiis refugere aut

tam diu uno loco sedere. 2 Habebat barbarorum equitum XX, peditum centum milia, quos illi

Cardacas appellant, eiusdemque generis III milia funditorum; praeterea Cappadocum VIII milia,

Armeniorum X milia, Paphlagonum V milia, Phrygum X milia, Lydorum V milia, Aspendiorum et Pisidarum circiter III milia, Cilicum II, Captianorum totidem, ex Graecia conductorum III, levis armaturae maximum numerum. 3 Has adversus copias spes omnis consistebat Datami in se locique natura: namque huius partem non habebat vicesimam militum. Quibus fretus conflixit adversariorumque multa milia concidit, cum de ipsius exercitu non amplius hominum mille cecidisset; quam ob causam postero die tropaeum posuit, quo loco pridie pugnatum erat. 4 Hinc cum castra movisset semperque inferior copiis superior omnibus proeliis discederet, quod numquam manum consereret, nisi cum adversarios locorum angustiis clausisset, quod perito regionum callideque cogitanti saepe accidebat, 5 Autophrodates, cum bellum duci maiore regis calamitate quam adversariorum videret, pacem amicitiamque hortatus est, ut cum rege in gratiam rediret. 6 Quam ille etsi fidam non fore putabat, tamen condicionem accepit seque ad Artaxerxen legatos missurum dixit. Sic bellum, quod rex adversus Datamen susceperat, sedatum est. Autophrodates in Phrygiam se recepit.

Anche se Autofrodate vedeva queste cose, tuttavia stabilì scontrarsi (piuttosto) che fuggire con così grandi truppe o fermarsi troppo a lungo in uno stesso luogo. Aveva venti migliaia di cavalieri barbari, cento migliaia di fanti, che essi chiamano Cardaci, tre migliaia di frombolieri della stessa stirpe; inoltre otto migliaia di Capapdoci, dieci migliaia di Armeni, cinque migliaia di Paflagoni, dieci migliaia di Frigi, cinque migliaia di Lidi, circa tre migliaia di Aspendi, due di Cilici, altrettanti di Capziani, tre di mercenari dalla Grecia, un grandissimo numero di armatura leggera.
Contro queste truppe tutta la speranza per Datame consisteva in sé e nella natura del luogo: infatti non aveva la ventesima parte del soldati di costui.
Confidando su queste cose attaccò e massacrò molte migliaia di avversari, essendo caduti non più di mille uomini del proprio esercito; per tale  motivo il giorno dopo pose il trofeo, nel luogo dove il giorno prima si era combattuto. Di qui avendo mosso gli accampamenti e sempre inferiore di truppe riuscendo superiore in tutti gli scontri, perché mai veniva alle mani, se non dopo aver chiuso gli avversari nelle strettoie dei luoghi, cosa che spesso accadeva ad uno esperto delle regioni e che rifletteva astutamente, Autofrodate, vedendo che la guerra era condotta con maggiore perdita del re che degli avversari, esortò alla pace ed alla amicizia, perché ritornasse nel favore del re. Ma egli anche se pensava che non sarebbe stata leale, tuttavia accolse la condizione e disse che avrebbe mandato delegati presso Artaserse. Così la guerra, che il re aveva intrapreso contro Datame, si placò.

Autofrodate si ritirò in Frigia.



9. De insidiis contra Datamen.

9. Agguato contro Datame.



At rex quod implacabile odium in Datamen susceperat, postquam bello eum opprimi non

posse animadvertit, insidiis interficere studuit; quas ille plerasque vitavit. 2 Sicut, cum ei

nuntiatum esset quosdam sibi insidiari, qui in amicorum erant numero, de quibus quod inimici

detulerant, neque credendum neque neglegendam putavit: experiri voluit, verum falsumne sibi

esset relatum. 3 Itaque eo profectus est, in quo itinere futuras insidias dixerant. Sed elegit

corpore ac statura simillimum sui eique vestitum suum dedit atque eo loco ire, quo ipse consuerat, iussit. Ipse autem ornatu vestituque militari inter corporis custodes iter facere coepit. 4 At insidiatores, postquam in eum locum agmen pervenit, decepti ordine atque vestitu impetum

in eum faciunt, qui suppositus erat. Praedixerat autem iis Datames, cum quibus iter faciebat, ut

parati essent facere, quod ipsum vidissent. 5 Ipse, ut concurrentis insidiatores animum advertit,

tela in eos coniecit. Hoc idem cum universi fecissent, priusquam pervenirent ad eum, quem

aggredi volebant, confixi conciderunt.

Ma il re poiché aveva concepito un odio implacabile contro Datame, dopo che capì che quello non poteva essere oppresso con una guerra, studiò di ucciderlo con insidie. Così come, essendogli stato annunciato che gli tendevano insidie alcuni, che erano nel numero degli amici, ma su di essi, quello che i nemici avevano riportato, non ritenne né dover credere né trascurare: volle sperimentare, se fosse stato riferito il vero o il falso. E così si recò là, dove avevano detto ci sarebbero state le insidie. Ma scelse uno molto simile a sé di corporatura e statura e gli diede il suo vestito ed ordinò di andare, dove lui stesso era solito. Lui però con abbigliamento e vestiario militare cominciò a marciare tra le guardie del corpo.
Ma gli attentatori, dopo che la schiera giunse in quel luogo, ingannati dall’ordine e dal vestiario fanno un assalto contro quello che era stato messo al suo posto. Datame però aveva prima ordinato a quelli con cui faceva la marcia che fossero pronti a fare quello che avessero visto che lui ( faceva). Egli, come si accorse degli attentatori che accorrevano, scagliò giavellotti contro di essi. Avendo tutti fatta la stessa cosa, prima che giungessero da colui che volevano aggredire, caddero trafitti.



10. De Mitridatis dolo erga Datamen parato.

10. Inganno di Mitridate preparato contro Datame.

Hic tamen tam callidus vir extremo tempore captus est Mithridatis, Ariobarzanis filii, dolo.

Namque is pollicitus est regi se eum interfecturum, si ei rex permitteret, ut, quodcumque vellet, liceret impune facere, fidemque de ea re more Persarum dextra dedisset. 2 Hanc ut accepit a rege missam, copias parat et absens amicitiam cum Datame facit; regis provincias vexat, castella expugnat, magnas praedas capit, quarum partim suis dispertit, partim ad Datamen mittit; pari modo complura castella ei tradit. 3 Haec diu faciendo persuasit homini se infinitum adversus regem suscepisse bellum, cum nihilo magis, ne quam suspicionem illi praeberet

insidiarum, neque colloquium eius petivit neque in conspectum venire studuit. Sic absens amicitiam gerebat, ut non beneficiis mutuis, sed communi odio, quod erga regem susceperant, contineri viderentur.

Costui tuttavia uomo così astuto in un ultimo momento fu sorpreso dall’inganno di Mitridate, lio di Ariobazane. Infatti egli promise al re che l’avrebbe ucciso, se il re gli permettesse gli fosse lecito fare qualunque cosa volesse, e di quella cosa avesse data assicurazione con la destra, secondo il costume dei Persiani. Come ricevette dal re questa garanzia, prepara truppe e da lontano fa alleanza con Datame; assale province, espugna fortezze, prende molte prede, di cui, in parte, spartisce coi suoi, in parte manda a Datame; allo stesso modo gli consegna parecchie fortezze. Facendo a lungo queste cose persuade l’uomo che lui aveva intrapreso una indefinita guerra contro il re, non offrendo nondimeno a lui alcun sospetto né chiese il suo incontro né studiò di venire al suo cospetto. Da lontano gestiva l’alleanza così, che sembrassero essere legati non da mutui benefici, ma dal comune odio, che avevano concepito contro il re.




11. De Datamis morte.

11. Morte di Datame.

Id cum satis se confirmasse arbitratus est, certiorem facit Datamen tempus esse maiores

exercitus parari et bellum cum ipso rege suscipi, deque ea re, si ei videretur, quo loco vellet, in

colloquium veniret. Probata re colloquendi tempus sumitur locusque, quo conveniretur. 2 Huc

Mithridates cum uno, cui maxime habebat fidem, ante aliquot dies venit compluribusque locis

separatim gladios obruit eaque loca diligenter notat. Ipso autem colloquii die utrique, locum qui

explorarent atque ipsos scrutarentur, mittunt; deinde ipsi sunt congressi. 3 Hic cum aliquamdiu

in colloquio fuissent et diverse discessissent iamque procul Datames abesset, Mithridates,

priusquam ad suos perveniret, ne quam suspicionem pareret, in eundem locum revertitur atque ibi, ubi telum erat infossum, resedit, ut si lassitudine cuperet acquiescere, Datamenque

revocavit, simulans se quiddam in colloquio esse oblitum. 4 Interim telum, quod latebat, protulit

nudatumque vagina veste texit ac Datami venienti ait: digredientem se animadvertisse locum

quendam, qui erat in conspectu, ad castra ponenda esse idoneum. 5 Quem cum digito demonstraret et ille respiceret, aversum ferro transfixit priusque, quam quisquam posset succurrere, interfecit. Ita ille vir, qui multos consilio, neminem perfidia ceperat, simulata captus est amicitia.

Avendo ritenuto di avere abbastanza sicurezza, informa Datame che era tempo che si preparassero eserciti maggiori e si intraprendesse la guerra contro lo steso re,

e su quella cosa, se gli sembrava bene, in quel luogo che volesse, venisse a colloquio. Approvata la cosa si decide il tempo di incontrarsi ed il luogo, dove riunirsi. Qui Mitridate con uno, di cui aveva la massima fiducia, giunge alcuni giorni prima ed in parecchi luoghi separatamente sotterra spade e segnala attentamente quei luoghi. Poi nello stesso giorno del colloquio entrambi mandano alcuni ad esplorare il luogo e li perquisissero; poi loro stessi si incontrarono. Qui essendo stati alquanto a colloquio e si fossero allontanati in diverse direzioni ed essendo già Datame lontano, Mitridate, prima di arrivare dai suoi, per non generare alcun sospetto, ritorna nello stesso luogo e lì, dove era stato sepolto l’arma, si sedette, come se desiderasse riposarsi per la stanchezza, e richiamò Datame, fingendo di essersi dimenticato qualcosa nel colloquio. Intanto disseppellì l’arma, che era nascosta, toltola dal fodero, la coprì con la veste e a Datame che arrivava disse: di aver visto partendo un luogo, che era di fronte, adatto per porre l’accampamento. E mentre lo mostrava col dito e lui guardava, lo trafisse di fronte colla spada e prima che qualcuno potesse accorrere, lo uccise. Così quell’uomo, che aveva catturato molti con l’intelligenza, nessuno con la slealtà, fu catturato da una finta amicizia.










Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta