ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

ENEIDE



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

ENEIDE (I 1-l1)

'Canto le armi e l'uomo, che per primo venne di Troia alle spiaggia Italia profugo per il fato ai lidi di Lavinia, egli molto sbattuto per terra e per l'alto mare per volere degli dei, l'ira della crudele Giunone, e anche dopo molto sofferto in guerra, al fine di costruire la città (Roma) e per introdurre i Penati nel Lazio da dove veniva la stirpe Latina e i PAdri Albani e la superba stirpe di Roma.

Oh musa, ricorda a me la causa, per quale offesa alla sua volontà di che cosa dolendosi la regina degli dei, abbia costreto un uomo famoso per la pietà a subire sventure e ad affrontare tanti travagli. Così grande è l'ira nell'animo degli dei (?)'

ENEIDE (IV 1-l1)

'Ma la regina ferita già da tempo da una profonda ferita alimenta la piaga nelle vene ed è divorata da un fuoco nascosto. I molti uomini e la grande virtù, l'onore della stirpe ritorna alla mente; le rimangono impressi nel cuore e l'affanno non concede alle menbra il tranquillo riposo.



L'aurora dopo rischiarava con la luce Febea le terre e l'umida notte smuoveva (se ne andava) dal cielo, quando confusa, così parla alla concorde (buona, favorevole) sorella: << Anna, sorella quali sogni atterriscono me, già in preda all'angoscia. Che ospite straordinario è questo che è giunto nella nostra reggia, quale mostrandosi nell'aspetto, quali dimostrazioni '>>








Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta