ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

Elogio di Scipione l'Emiliano (Cicerone)

ricerca 1
ricerca 2

Elogio di Scipione l'Emiliano (Cicerone)

Certamente Scipione,sebbene sia stato rapito improvvisamente(dalla morte) tuttavia per me vive e vivrà per sempre; infatti ho amato la virtù di quell'uomo, che non si è spenta; non a me solo,che l'ho sempre avuta tra le mani,sta davanti agli occhi,ma anche ai posteri sarà famosa de insigne. Mai nessuno rivolgerà l'animo e la speranza cose maggiori, nessuno che non ritenga la memoria e l'immagine di quello da proporsi a sÚ. Certamente tra tutte le cose che o la fortuna o la natura mi ha concesso, non ho nulla che possa are con l'amicizia di Scipione. Neppure lo ho mai offeso in una minima, almeno deliberatamente, nÚ io stesso ho sentito da lui ciò che non volessi. Una sola era la casa, lo stesso cibo, e comune, non solo io servizio militare ma anche i viaggi e i soggiorni in camna (erano)comuni. Infatti cosa dirò riguardo la passione del conoscere sempre qualcosa e dell'imparare? Abbiamo impiegato in queste cose lontani dagli occhi del popolo tutto il tempo libero. E se il ricordo e la memoria di queste cose fossero morte insieme con lui, in nessun modo potrei sopportare il desiderio dell'uomo molto legato ed affettuosissimo. Ma queste cose non sono svanite e piuttosto sono nutrite e accresciute dal mio pensiero e dalla mia memoria.




Galleria di foto e immagini per: cicerone





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta