ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

Inno a Venere



ricerca 1
ricerca 2
Seleziona una categoria

Inno a Venere



Aèneadùm genetrìx, | hominùm divòmque volùptas,

àlma Venùs, | caelì subtèr | labèntia sìgna



quaè mare nàvigerùm, | quae tèrras frugiferèntis

còncelebràs, | per tè quoniàm | genus òmne animàntum

còncipitùr | visìtque exòrtum | lùmina sòlis:

tè, dea, tè fugiùnt | ventì, te nùbila càeli

àdventùmque tuùm, | tibi suàvis daèdala tèllus

sùmmittìt florès, | tibi rìdent aèquora pònti

plàcatùmque nitèt | diffùso lùmine caèlum.

Nàm simul àc speciès | patefàctast vèrna dièi

èt reseràta vigèt | genitàbilis àura favòni,

àëriaè primùm | volucrìs te, dìva, tuùmque

sìgnificànt initùm | percùlsae còrda tuà vi.

Ìnde feraè pecudès | persùltant pàbula laèta

èt rapidòs | tranànt amnìs: | ita càpta lepòre

tè sequitur cupidè | quo quàmque indùcere pèrgis.

Dènique pèr maria àc montìs | fluviòsque rapàcis

fròndiferàsque domòs | aviùm campòsque virèntis

òmnibus ìncutièns | blandùm per pèctora amòrem

èfficis ùt cupidè | generàtim saècla propàgent.

Quaè quoniàm rerùm | natùram sòla gubèrnas

nèc sine tè quicquàm | diàs in lùminis òras

èxoritùr | neque fìt laetùm | neque amàbile quìcquam,

tè sociàm studeò | scribèndis vèrsibus èsse,

quòs ego dè rerùm | natùra pàngere cònor

Mèmmiadaè nostrò, | quem tù, dea, tèmpore in òmni

òmnibus òrnatùm | voluìsti excèllere rèbus.

Quò magis aèternùm | da dìctis, dìva, lepòrem;



èffice ut ìntereà | fera moènera mìlitiài

pèr maria àc terràs | omnìs sopìta quièscant;

nàm tu sòla potès | tranquìlla pàce iuvàre

mòrtalìs, | quoniàm bellì | fera moènera Màvors

àrmipotèns regit, ìn | gremiùm qui saèpe tuùm se

rèiicit aèternò | devìctus vùlnere amòris,

àtque ita sùspicièns | teretì cervìce repòsta

pàscit amòre avidòs | inhiàns in tè, dea, vìsus

èque tuò pendèt | resupìni spìritus òre.

Hùnc tu, dìva, tuò | recubàntem còrpore sàncto

cìrcumfùsa supèr, | suavìs ex òre loquèllas

fùnde petèns placidàm | Romànis, ìncluta, pàcem.

Nàm neque nòs agere hòc | patriài tèmpore inìquo

pòssumus aèquo animò | nec Mèmmi clàra propàgo

tàlibus ìn rebùs | commùni dèsse salùti.

Òmnis enìm per sè | divùm natùra necèssest

ìmmortàli aevò | summà cum pàce fruàtur

sèmota àb nostrìs | rebùs seiùnctaque lònge;

nàm privàta dolòre omnì, | privàta perìclis,

ìpsa suìs | pollèns opibùs, | nihil ìndiga nòstri,

nèc bene pròmeritìs | capitùr nec tàngitur ìra.


Madre degli Enéadi, piacere degli uomini e degli dei, Venere datrice di vita, che sotto gli astri che scorrono riempi di te il mare ricco di navi, le terre che producono messi, dal momento che grazie a te ogni essere vivente nasce e, una volta nato, vede la luce del sole, te, o dea, te fuggono i venti, te e il tuo arrivo le nubi del cielo, per te la terra industriosa fa nascere fiori soavi, per te ridono le distese del mare e il cielo placato risplende di luce diffusa. Infatti non appena si è manifestato l'aspetto del giorno primaverile e il soffio del Favonio ricco di vita, liberato, acquista vigore, dapprima gli uccelli dell'aria annunciano te, o dea, e il tuo arrivo, colpiti nel cuore dalla tua forza. Poi gli animali selvatici saltano nei grassi pascoli e attraversano i fiumi vorticosi: così presi dal tuo fascino ti seguono bramosamente ovunque tu intenda condurli. Infine, per i mari e i monti e i fiumi violenti, e le case degli uccelli e le pianure verdeggianti, infondendo a tutti un dolce amore attraverso il petto, fai in modo che, pieni di desiderio, perpetuino la stirpe specie per specie. E poiché tu sola governi la natura e senza di te nulla nasce nelle luminose regioni della luce né diventa piacevole e amabile, io desidero che tu sia ispiratrice nello scrivere i versi che tento di comporre sulla Natura per il discendente dei Memmi che tu, o dea, in ogni circostanza hai voluto che eccellesse, dotato di tutte le qualità. Tanto più concedi bellezza immortale o dea, ai (miei) versi. Fa' che intanto i crudeli travagli della guerra per mare e per tutte le terre sopiti riposino. Infatti solo tu puoi aiutare i mortali con la pace che dona serenità poiché Marte, potente nelle armi, governa i crudeli travagli della guerra, lui che spesso si abbandona nel tuo grembo, vinto dall' eterna ferita d' amore, e così guardandoti con il collo ben fatto gettato all' indietro si nutre d' amore anelando a te, o dea, gli occhi desiderosi e dalla tua bocca pende il respiro di lui supino. Tu, o dea, abbracciando costui che giace sul tuo santo corpo effondi dolci parole dalla (tua) bocca, chiedendo, o gloriosa, una pace tranquilla per i Romani. Infatti io non posso portare a termine il mio compito con animo tranquillo in questo tempo così difficile per la patria né la gloriosa stirpe di Memmio può in tali circostanze non contribuire alla salvezza comune. (Infatti è necessario che la natura divina goda dell'immortalità insieme a una pace completa, lontana dai nostri affari, e decisamente ben lontana. Infatti, libera da ogni dolore, libera da ogni pericolo, forte per se stessa e per le sue risorse, per nulla bisognosa di noi, non è propiziata dai benefici, né toccata dall' ira).








Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta