ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

LA BATTAGLIA DEL LAGO REGILLO



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LA BATTAGLIA DEL LAGO REGILLO


Tarquinius Superbus, Roma expulsus, omni modo conabatur in regnum restituì. Quare Latinis suasit ut Romanis inferrent. Aulus Postumius dictator magnis copiis peditum equitumque in agro Tusculano agmini hostium occurrit et ad lacum Regillum Romani cum Latinis conflixerunt. Atrox fuit proelium et diu anceps. Tum denum perculsa inclinavit acies. Ibi nullam nec humanam opem dictator praetermisit narrantque eum aedem Castori vovisse ac pronuntiavisse praemia militia, qui primus, qui secundus castra hostium intravisset. Quare tantum fuit ardor militum ut ,agno impetu Latinos fuderint et eorum castris potiti sint. Hoc modo ad Lacum Regillum pugnatum est. Dictator et magister equitum triumphantes ad urbem redierunt.





TRADUZIONE


Tarquinio il Superbo, espulso da Roma, tentava in ogni modo di essere richiamato nel regno. Per questo motivo convinse i Latini di dichiarare guerra contro i Romani. Il dittatore Aulo Postumio con grandi truppe di fanteria e cavalleria nella terra tuscolana s’imbatte’ contro la schiera dei nemici e i Romani combatterono contro i Latini presso il lago Regillo. Allora finalmente colpita la schiera si ritirò. In quel caso il dittatore non trascurò nessun intervento né divino né umano e narrano che lui abbia consacrato il tempio di Castore e abbia promesso ricchezze all’esercito, chi per primo, chi per secondo fosse entrato nell’accampamento dei nemici. Di conseguenza tanto fu l’ardore dei militari che con grande impeto vinsero i Latini e conquistarono il loro accampamento. Il dittatore e il capo della cavalleria trionfanti ritornarono verso la città.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta