ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

LA POESIA ELEGIACA - Il genere dell’ elegia, Forma e contenuto dell’ elegia latina



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LA POESIA ELEGIACA

Il genere dell’ elegia

Il genere dell’ elegia è uno dei più antichi della letteratura greca però è fiorito solo in epoca cesariana, con i primi componimenti. Nella seconda metà del I secolo a.C. i maggiori poeti neoterici, Gallo, Tibullo, Properzio e Ovidio, si dedicaronoall’ elegia dando vita ad un’ esperienza poetica innovatova e particolare, persa dopo la morte di Augusto.

L’ innovazione della poesia romana sta nell’ originalità della poesia stessa, nella soggettività, cioè il poeta parla di se stesso utilizzando il topos elegiaco, una serie di elementi che ricorrono frequentemente, e nel riflettere la passionalità e la vivacità giambica ed epigrammatica delle nugae catulliane.

I poeti inoltre parlano dell’ amore, la loro elegia è romantica, l’ amore descritto è stato vissuto veramente. Gli elegiaci, infine, usano la recusatio: questo vuol dire che i poeti si rifiutano di scrivere poesia in tono solenne, ossia impegnata e seria. Poteva averecosì il significato polemico comtro i circoli di poeti a sostegno del programma augusteo, come quello di Mecenate. Essi infatti preferiscono il servitium amoris, ossia si devono essere schiavi meglio dell’ amore piuttosto che dela politica.

Forma e contenuto dell’ elegia latina

FORMA uso del distico elegiaco

componimento da 20 a 200 versi




elegie raccolte in un canzoniere da uno o più libri

uso dei canoni della poesia callimachea con il rifiuto dell’ epos

poesie di notevole eleganza e raffinate grazie all’ utilizzo del labor limae

ricorso della mitologia e allusioni ai modelli greci e latini dell’ elegia, dell’ epigramma, dell’ epica e della tragedia.


CONTENUTO - poesia soggettiva e personale

la vicenda segue un cliché: l’ uomo è follemente innamorato di una donna con cui vorrebbe instaurare un legame nonconvenzionale fondato solo sul reciproco amore, quindi l’ uomo segue l’ obsequium e il servitium amoris e la donna è domina, cioè poteva decidere della felicità o della sofferenza del poeta

la poesia poteva essere dedicata a più donne che spesso erano infedeli e facevano soffrire il poeta

la donna era forte e autoritaria e a tratti crudele e vendicativa, spesso però era anche volubile e lasciva. Inoltre il suo stato sociale era di etera o matrona infedele.

Alcuni poeti, infine, scrivevano, nelle loro elegie, componimenti oggettivi di tipo ellenistico, omettendo l’ argomento amoroso.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta