ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

L'illusione di Didone, La maledizione di Didone



ricerca 1
ricerca 2
Seleziona una categoria

L'illusione di Didone pg. 597

Avv alliterazione (onomatopeico) nom

Interea magno misceri murmure caelum
pres pres dep p pass abl abl pl (causa eff)

incipit, insequitur commixta grandine nimbus,



acc nom nom nom acc (st in luogo)

Speluncam Dido dux et Troianus eandem

pres agg val predic nom (enum) nom
deveniunt. Prima et Tellus et pronuba Iuno

pres acc (fulserunt)perf nom agg nom
dant signum; fulsere ignes et conscius aether

dat abl (st in l) perf (negativo)abl (st in l) nom
conubiis summoque ulularunt vertice Nymphae.

Nom nom agg gen agg gen
Ille dies primus leti primusque malorum

Abl perf cong cong c. efficente pres p
causa fuit; neque enim specie famave movetur

Cong avv acc nom pre dep acc
nec iam furtivum Dido meditatur amorem:

Abl pres pron abl pres abl acc
coniugium vocat, hoc praetexit nomine culpam.


Intanto il cielo comincia (incipio, is, cepi, ceptum, ere3) ad essere sconvolto da un grande fragore, seguito (insequor, eris, secutus sum, sequi3) da grandine mista a nuvole.



Didone e il capo troiano giungono in una stessa grotta.


Per prima la Terra e la pronuba (che assiste lo sposo) Giunone danno il segnale; brillarono (fulgeo, es, fulgi, ere2) i lampi e l'aria consapevole del matrimonio e le ninfe ulularono (ululo, as , avi, atum , are) in cima al monte.



Quel giorno per primo fu causa di morte e di mali;


infatti Didone non è agitata nell'animo (moveo, es, movi, motum, ere2) da ciò che si vede (species) e da ciò che si dice (fama), nÚ ormai considera (meditor, aris, atus sum, ari) l'amore furtivo:


lo chiama (voco, as, avi, atum, are) matrimonio, con questo nome copre la colpa. (praetexo, is, texui, textum, ere3) (tratta dalla veste abbellita con un orlo color porpora, Praetexta).


(TERRA aiuta l'uomo in qlsiasi momento: accoglie l'uomo dalla nascita alla morte)

(GIUNONE favorevole alle nozze: accompagna Didone all'altare nel tipico matrimonio romano in cui la sposa pura era presentata da un matrona)






La maledizione di Didone pg 602

(Enea annuncia la sua partenza, ma lei non vuole capirne i motivi: elle ha davanti a sÚ un uomo che, a suo parere, non prova sentimenti per lei).




Imp imp acc abl imp acc (m per l) acc

i, sequere Italiam ventis, pete regna per undas.
pres avv abl (st in l) pr int nom nom

Spero equidem mediis, si quid pia numina

pres

possunt,
acc pl inf fut abl (st in l) abl acc

supplicia hausurum scopulis et nomine Dido
avv inf fut inf pres agg abl abl part pres

saepe vocaturum. Sequar atris ignibus absens
temp nom nom abl fut ant acc

et, cum frigida mors anima seduxerit artus,
st in l abl st in l fut sem fut s voc

omnibus umbra locis adero. Dabis, improbe,

acc

poenas

fut sempl nom acc fut semp dat nom prep

Audiam et haec Manis veniet mihi fama sub

agg acc

imos






Va (eo, is, ivi, itum , ire), segui (sequor, eris, secutus sum, sequi3) l'Italia fra i venti, cerca (peto, is, ivi, itum, ere3) un regno pre le onde.

Spero (spero, as, avi, atum, are) davvero che, se gli dei possono qualcosa,



In mezzo agli scogli paghi le tue pene (haurio, is, hausi, haustum, ire4) e spesso invochi (voco, as, avi, atum, are) per nome Didone. Ti inseguirò con luttuosi fuochi, anche se assente, e quando la fredda morte avrà separato (seduco, is, duxi, ductum, ere3) il corpo dall'anima, come ombra sarò presente (adeo, is, ii, itum, ire) in ogni luogo.

herai (do, das, dedi, datum, dare), o malvagio, le pene.




Lo sentirò (audio, is, ivi, itum, ire4) e questa notizia mi giungerà (venio, is, veni, ventum, ire4) nella profondità dell'oltretomba. (Manes, le anime dei morti)







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta