ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

PENE CONTRO I LADRI



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

PENE CONTRO I LADRI


Draco Atheniensis vir bonus multaque esse prudentia existimatus est iurisque divini et humani peritus fuit. II. Is Draco leges, quibus Athenienses uterentur, primus omnium tulit. III. In illis legibus furem cuiusmodicumque furti supplicio capitis poeniendum esse et alia pleraque nimis severe censuit sanxitque. IV. Eius igitur leges, quoniam videbantur impendio acerbiores, non decreto iussoque, set tacito inlitteratoque Atheniensium consensu oblitteratae sunt. V. Postea legibus aliis mitioribus a Solone compositis usi sunt. Is Solo e septem illis inclutis sapientibus fuit. Is sua lege in fures non, ut Draco antea, mortis, sed dupli poena vindicandum existimavit. VI. Decemviri autem nostri, qui post reges exactos leges, quibus populus Romanus uteretur, in XII tabulis scripserunt, neque pari severitate in poeniendis omnium generum furibus neque remissa nimis lenitate usi sunt. VII. Nam furem, qui manifesto furto prensus esset, tum demum occidi permiserunt, si aut, cum faceret furtum, nox esset, aut interdiu telo se, cum prenderetur, defenderet. VIII. Ex ceteris autem manifestis furibus liberos verberari addicique iusserunt ei, cui furtum factum esset, si modo id luci fecissent neque se telo defendissent; servos item furti manifesti prensos verberibus adfici et e saxo praecipitari,

GELLIO


L'ateniese Dracone, uomo probo e considerato assai prudente, fu esperto nel diritto divino e umano. Egli per primo fra tutti diede agli Ateniesi quelle leggi di cui essi si valgono. In quelle leggi stabilì e sancì che il furto, di qualsiasi importanza esso sia, deve essere punito con la pena capitale, e aggiunse altre pene eccessivamente gravi.
Ma le sue leggi, poiché apparivano troppo severe, vennero a decadere, non in base a un decreto o una ordinanza, ma per un tacito verbale consenso degli Ateniesi. Dopo di allora si valsero di leggi più miti, redatte da Solone. Questi fu uno dei famosi Sette Savi. Dalla sua legge i ladri non erano condannati a morte, come da quella di Dracone, ma a are il doppio del valore dell'oggetto rubato.
I nostri decemviri poi, che dopopo l'espulsione dei re dettarono le leggi delle Dodici Tavole, alle quali si attiene il popolo romano nel punire ogni specie di furto, non usarono né una così grave severità, né una così eccessiva remissività. Infatti il ladro colto in flagrante era consentito venisse ucciso se, mentre compiva il furto, era notte o se si era opposto con le armi all'atto dell'arresto. Ma per gli altri furti, pure flagranti, prescrissero che, quanto agli uomini liberi, fossero fustigati e aggiudicati a colui che aveva patito il furto, sempre che fosse avvenuto alla luce del sole e non si fossero opposti con le armi; quanto agli schiavi colti in flagranza di furto, che fossero fustigati e fatti precipitare dalla rupe[Tarpeia];










Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta