ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

Risoluto intervento di P. Cornelio Scipione



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Risoluto intervento di P. Cornelio Scipione


Dopo la sconfitta di Canne, che fu gravissima per i Romani, perché in questa vi morirono entrambi i consoli e la miglior parte dell’esercito, il senato affidò a P. Cornelio Scipione, assai giovane, il potere consolare, affinché egli provvedesse alla ristabilizzazione della repubblica. Un giorno egli, che presiedeva una riunione del senato, venne annunciato da alcuni giovani novili Romani, che temevano la caduta della repubblica, vollero abbandonare la città e trasferirsi in Asia. Allora Scipio, sciolta la riunione, immobile nella sua casa, che era l’autore della cospirazione, si accostò e cercando il luogo del concilio dei giovani, che aveva sentito prima, stretta la spada al di sopra del loro capo esclamò: “Come io nelle cose avverso non abbandono e mai abbandonerò la repubblica Romana, così non la lascerò abbandonare da voi. Giuratemi, allora, che mai abbandonerete la vostra Patria!”. Essi giurarono e furono per sempre fedeli a Roma e a Scipione.












Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta