ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto latino

TIMOTHEUS



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

TIMOTHEUS

TIMOTEO

1. De Timothei virtutibus.

1. Le doti di Timoteo.

Timotheus, Cononis filius, Atheniensis. Hic a patre acceptam gloriam multis auxit virtutibus. Fuit enim disertus, impiger, laboriosus, rei militaris peritus neque minus civitatis regendae. 2 Multa huius sunt praeclare facta, sed haec maxime illustria. Olynthios et Byzantios bello subegit. Samum cepit; in quo oppugnando superiori bello Athenienses mille et CC talenta consumpserant, id ille sine ulla publica impensa populo restituit; adversus Cotum bella gessit ab eoque mille et CC talenta praedae in publicum rettulit. Cyzicum obsidione liberavit. 3 Ariobarzani simul cum Agesilao auxilio profectus est; a quo cum Laco pecuniam numeratam accepisset, ille civis suos agro atque urbibus augeri maluit quam id sumere, cuius partem domum suam ferre posset.




Timoteo, lio di Conone, ateniese. Costui accrebbe la gloria ricevuta dal padre con molte virtù. Fu infatti eloquente, attivo, operoso, esperto di cosa militare e non meno di governare la città.
Molte sono le illustri imprese di costui, ma soprattutto queste famose. Sottomise Olintiaci e Bizantini. Prese Samo; e nell’assediarla in una guerra precedente gli Ateniesi avevano consumato mille e duecento talenti, egli restituì ciò al popolo senza alcuna spesa pubblica;
condusse guerre contro Coto e da lui riportò mille e duecento talenti di bottino per l’erario. Liberò Cizico dall’assedio. Partì in aiuto ad Ariobazane insieme con Agesilao; e da questi mentre lo spartano aveva ricevuto denaro contante, egli preferì che i suoi concittadini fossero arricchiti di territorio e città che ricevere ciò, di cui poter portare una parte nella propria casa.





2. De Timothei maximis laudibus.

2. Massimi onori di Timoteo.

Itaque accepit Crithoten et Sestum. Idem classi praefectus, circumvehens Peloponnesum

Laconicen populatus, classem eorum fugavit, Corcyram sub imperium Atheniensium redegit,

sociosque idem adiunxit Epirotas, Athamanas, Chaonas omnesque eas gentes, quae mare illud

adiacent. 2 Quo facto Lacedaemonii de diutina contentione destiterunt et sua sponte Atheniensibus imperii maritimi principatum concesserunt pacemque his legibus constituerunt, ut Athenienses mari duces essent. Quae victoria tantae fuit Atticis laetitiae, ut tum primum arae

Paci publice sint factae eique deae pulvinar sit institutum. 3 Cuius laudis ut memoria maneret,

Timotheo publice statuam in foro posuerunt. Qui honos huic uni ante id tempus contigit, ut, cum patri populus statuam posuisset, filio quoque daret. Sic iuxta posita recens filii veterem patris renovavit memoriam.

E così prese Critote e Sesto. Lui stesso capo della flotta, circumnavigando il Peloponneso, dopo aver saccheggiato la Laconia, mise in fuga la loro flotta, ridusse Corcira sotto il potere degli Ateniesi, lui stesso unì come alleati gli Epiroti, gli Stamani, i Caoni e tutte quelle popolazioni, che si affacciano su quel mare.
 Per tale fatto i Lacedemoni desistettero dalla continua lotta e spontaneamente concessero agli ateniesi il primato del potere marittimo e stabilirono la pace con queste leggi, che gli Ateniesi fossero padroni per mare. E tale vittoria fu di così grande gioia per gli Attici, che allora per la prima volta furono fatte a spese pubbliche gli altari per la Pace ed a quella dea fu dedicato un lettisternio. Perché poi rimanesse il ricordo di quella fama, per Timoteo posero a spese pubbliche una statua nel foro. E questo onore capitò a lui solo prima di quel tempo, che, avendo il popolo posto una statua per il padre, lo concedesse pure al lio. Così posta accanto, la (statua) nuova del lio rinnovò l’antica memoria del padre.






3. De ingratae civitatis odio in Timotheum.

3. Odio di una ingrata città contro Timoteo.

Hic cum esset magno natu et magistratus gerere desisset, bello Athenienses undique premi

sunt coepti. Defecerat Samus, descierat Hellespontus, Philippus iam tum valens, Macedo,

multa moliebatur; cui oppositus Chares cum esset, non satis in eo praesidii putabatur. 2 Fit

Menestheus praetor, filius Iphicratis, gener Timothei, et ut ad bellum proficiscatur, decernitur.

Huic in consilium dantur viri duo usu sapientiaque praestantes, pater et socer, quod in his tanta erat auctoritas, ut magna spes esset per eos amissa posse recuperari. 3 Hi cum Samum profecti essent et eodem Chares illorum adventu cognito cum suis copiis proficisceretur, ne quid absente se gestum videretur, accidit, cum ad insulam appropinquarent, ut magna tempestas oriretur; quam evitare duo veteres imperatores utile arbitrati suam classem suppresserunt. 4 At ille temeraria usus ratione non cessit maiorum natu auctoritati, velut in sua manu esset fortuna. Quo contenderat, pervenit, eodemque ut sequerentur, ad Timotheum et Iphicratem nuntium misit. Hinc male re gesta, compluribus amissis navibus eo, unde erat profectus, se recipit litterasque Athenas publice misit, sibi proclive fuisse Samum capere, nisi a Timotheo et Iphicrate desertus esset. 5 Populus ater, suspicax ob eamque rem mobilis,

adversarius, invidus - etiam potentiae in crimen vocabantur - domum revocat: accusantur

proditionis. Hoc iudicio damnatur Timotheus, lisque eius aestimatur centum talentis.

Ille odio ingratae civitatis coactus Chalcidem se contulit.

Essendo costui di età avanzata ed avendo smesso di esercitare le magistrature, gli Ateniesi cominciarono ad essere premuti da ogni parte dalla guerra. Samo si era ribellata, Ellesponto si era staccata, Filippo già allora forte, il macedone, macchinava molte cose; pur essendoli stato opposto Carete, si pensava non esserci in lui abbastanza di sicurezza. Diventa comandante Menesteo, lio di Ificrate, genero di Timoteo, e si decide che parta per la guerra. A costui vengono dati per consiglio due uomini eccellenti per esperienza e saggezza, padre e suocero, poiché in questi c’era così grande autorevolezza che c’era grande speranza  per mezzo di loro che le cose perdute potessero essere recuperate. Essendo questi partiti per Samo e Carete, conosciuto il loro arrivo, essendo partito per lo stesso luogo, perché non sembrasse che si facesse qualcosa, lui assente, mentre si avvicinavano all’isola, accadde che scoppiasse una grande tempesta; pensando i due vecchi comandanti utile evitarla, bloccarono la loro flotta. Ma quello usando una temeraria strategia non cedette alla autorevolezza degli anziani, come se la fortuna fosse nelle sue mani. Giunse dove era diretto e mandò un araldo a Timoteo ed Ificrate perché lo seguissero là. Quindi, condotta male la cosa, perdute parecchie navi, si ritira là donde era partito e mandò pubblicamente ad Atene lettere, che per lui era stato facile prendere Samo, se non fosse stato abbandonato da Timoteo ed Ificrate.
Il popolo terribile, sospettoso e per tale cosa mobile, ostile, invidioso – anche i prestigi erano chiamati in accusa – li chiama in patria: sono accusati di tradimento.

Con questo processo Timoteo è condannato, e la sua multa è valutata in cento talenti. Egli spinto dall’odio di una ingrata città si recò a Calcide.






4. De extrema aetate imperatorum Atheniensium.

4. L’ultima epoca dei generali ateniesi.

Huius post mortem cum populum iudicii sui paeniteret, multae novem partis detraxit et decem talenta Cononem, filium eius, ad muri quandam partem reficiendam iussit dare. In quo fortunae varietas est animadversa. Nam quos avus Conon muros ex hostium praeda patriae restituerat, eosdem nepos cum summa ignominia familiae ex sua re familiari reficere caactus est. 2 Timothei autem moderatae sapientisque vitae cum pleraque possimus proferre testimonia, uno erimus contenti, quod ex eo facile conici poterit, quam carus suis fuerit. Cum Athenis adulescentulus causam diceret, non solum amici privatique hospites ad eum defendendum convenerunt, sed etiam in eis Iason, tyrannus Thessaliae, qui illo tempore fuit omnium potentissimus. 3 Hic cum in patria sine satellitibus se tutum non arbitraretur, Athenas sine ullo praesidio venit tantique hospitem fecit, ut mallet se capitis periculum adire quam Timotheo de fama dimicanti deesse. Hunc adversus tamen Timotheus postea populi iussu bellum gessit,

patriae sanctiora iura quam hospitii esse duxit. 4 Haec extrema fuit aetas imperatorum Atheniensium, Iphicratis, Chabriae, Timothei: neque post illorum obitum quisquam dux in illa

urbe fuit dignus memoria. 5 Venio nunc ad fortissimum virum maximique consilii omnium

barbarorum exceptis duobus Carthaginiensibus, Hamilcare et Hannibale. 6 De quo hoc plura

referemus, quod et obscuriora sunt eius gesta pleraque et ea, quae prospere ei cesserunt, non

magnitudine copiarum, sed consilii, quo tum omnes superabat, acciderunt; quorum nisi ratio

explicata fuerit, res apparere non poterunt.

Dopo la sua morte essendosi il popolo pentito del suo giudizio, tolse nove parti della multa e comandò che Conone, suo lio, desse dieci talenti per rifare una parte del muro. Ed in questo si è vista la mutevolezza della fortuna. Infatti quelle mura che l’avo Conone aveva ricostruito per la patria col bottino dei nemici, le stesse il nipote con sommo disonore della famiglia fu costretto a rifare col proprio patrimonio. Ma poiché possiamo portare avanti parecchie testimonianze della vita modesta e saggia di Timoteo, saremo contenti di una, perché da essa facilmente si potrà dedurre quanto sia stato caro ai suoi. Quando ad Atene si difese da giovane in un processo, non solo giunsero amici e ospiti privati per difenderlo, ma tra essi anche Giasone, il tiranno della Tessaglia, che in quell’epoca fu il più potente di tutti. Costui mentre in patria non si considerava sicuro senza guardie, venne ad Atene senza alcuna scorta e stimò così tanto l’ospite che preferiva affrontare il pericolo della vita piuttosto che mancare a Timoteo che lottava per la fama. Contro costui tuttavia Timoteo poi fece una guerra per ordine del popolo, ritenne essere più sacri i diritti della patria che dell’ospitalità. Questa fu l’ultima epoca dei comandanti ateniesi, Ificrate, Cabria, Timoteo: né dopo la loro morte nessun comandante in quella città fu degno di memoria.
Vengo adesso ad un valorosissimo uomo e della saggezza maggiore di tutti i barbari, eccetto due cartaginesi, Amilcare ed Annibale.
 Ma di questo riferiremo parecchie cose per questo, perché e le sue gesta sono piuttosto oscure e quelle, che gli riuscirono bene, accaddero non per la quantità delle truppe, ma di saggezza, con cui allora superava tutti; ma se non sarà stata spiegata la ragione di queste cose, gli avvenimenti non potranno apparire.











Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta