ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto letteratura

Dal 'Canzoniere' di francesco Petrarca Sonetto CCCX



ricerca 1
ricerca 2
Seleziona una categoria

Dal 'Canzoniere' di francesco Petrarca Sonetto CCCX


Zefiro torna, e'l bel tempo rimena


Torna Zefiro, e riportami il bel tempo††† _ Un venticello primaverile.


E i fiori e l'erba e tutti le altre brezze primaverili,


e riporta il garrire delle rondini e ilcanto lamentoso degli usignoli, _Secondo un mito antico due fanciulle di nome Progne e

e la primavera chiara, luminosa e colorata; ††† Filomena erano state trasfoemate

dagli dei in rondine e usignolo.

si riempono di fiori i prati e il cielo si rasserena,


Giove sembra contento di poter contemplare la luminosità di Venere _Sua lia secondo la

mitologia classica.

L'aria, l'acqua e la terra sembrano essere piene d'amore,


ogni essere vivente e portato ad amare a sua volta.


Ma per me, infelice, si fanno sentire nuovamente i tristi


desideri d'amore che fa emergere nel mio cuore


colei che ora ha portato in cielo con sť le chiavi del mio cuore, _Preclude così al cuore del poeta



di poter godere di altre bellezze

e per questo il canto degli uccelletti e le camne in fiore††† e di innamorarsi di un'altra.


e gli atteggiamenti soavi e leggiadri delle belle e nobili donne


sono per me un deserto e belve crudeli e selvagge.




Galleria di foto e immagini per: petrarca







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta