ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto letteratura

RELAZIONE DEL LIBRO “L’AVVENTURA DI UN POVERO CRISTIANO” di Ignazio Silone



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

RELAZIONE DEL LIBRO “L’AVVENTURA DI UN POVERO CRISTIANO” di Ignazio Silone


TRAMA CRITICA:

Fra Pietro Angelerio del Morone si fece monaco in età giovanissima e scelse la vita eremitica. Per cinque anni visse da solo in una grotta alle pendici del monte Morone. Ma la fama delle sue virtù e le voci che circolavano sui prodigi da lui compiuti gli attirarono ben presto una grande quantità di seguaci. Essi speravano in lui di imparare il ritorno alla vita di povertà e al rigore morale predicati in tempi molto lontani. In quel periodo infatti la Chiesa era coinvolta in complessi giochi di strategie politiche e il papa non appariva come vicario di Cristo in terra bensì come un sovrano corrotto e corrompibile. Di conseguenza c’erano molti disordini sociali, eresie, lotte tra gli ordini religiosi e tra frazioni nate all’interno dello stesso ordine (soprattutto in quello francescano). Fra Pietro cerca di sfuggire dalla sua crescente popolarità rifugiandosi nei luoghi più selvaggi e irraggiungibili, ma non serve. Il Conclave lo scelse come nuovo papa, ma fra Pietro è del tutto sprovvisto dell’intelligenza politica e della spregiudicatezza necessarie ad un papa in quei tempi difficili; per questo l’incarico datogli è quasi una missione impossibile.



Pietro del Morone ha molti dubbi, però, accetta e diventa Celestino V. Tre mesi dopo il tormento è così forte e i dubbi così angosciosi che decide di rifiutare la carica. Tutti coloro che vedevano in lui la possibilità di un rinnovamento della Chiesa videro le loro speranze crollare miseramente. I suoi seguaci furono spietatamente perseguitati e lui stesso venne imprigionato per ordine del nuovo papa Bonifacio VIII. Verrà poi ucciso e, successivamente, proclamato santo.

AMBIENTE:

Il romanzo è inizialmente ambientato in Abruzzo per la precisione nella cittadina di Sulmona, e siamo nel maggio del 1294. La vicenda si sposta poi all’ Eremo di Sant’Onofrio, cella nella quale dimora fra Pietro, e qui siamo a luglio del medesimo anno. Il periodo di pontificato di Celestino V si ambienta a Napoli nell’ottobre del 1294, ma si ritorna a Sulmona nel gennaio del 1925 per la caccia a Pier Celestino per passare , nel maggio 1295 a Vieste (Gargano). L’ultima scena si svolge ad Agnani, nel palazzo Caetani, con il dialogo tra Bonifacio VIII e fra Pietro.


PERSONAGGI:

Fra Pietro Angelerio (Celestino V, Pier Celestino) – nato a Isernia nel 1215 da una famiglia di poveri contadini, sceglie una vita eremitica e si fa monaco giovane. Vive in solitudine e preghiera. Diventa famoso per i suoi discorsi semplici e profondi, ma soprattutto per i prodigi da lui compiuti. Attira quindi sia persone semplici che persone dotte, i quali desideravano avere una vita pura. Fra Pietro cerca però di scappare dalla fama ed è come se fosse strappato alla sua realtà semplice e contadina, alla contemplazione, alla meditazione per essere trascinato in un mondo in cui le regole vengono dettate dai potenti. Questo frate è una ura silenziosa e mite che si ritrova in una posizione che non ha voluto, con un compito da assolvere che altri gli hanno assegnato. La rinuncia non è una sconfitta, ma una vittoria perché essendosi trovato dubbioso e costretto a compromessi che la sua coscienza non accetta, ha il diritto di prendersi la sua libertà, di fronte a qualsiasi potere.



Il personaggio di fra Pietro è il principale e il più importante, ma troviamo una serie di personaggi, detti minori che occorre citare:

abbiamo Matteo da Pratola e sua lia Concetta, sua lia, che assieme a Don Costantino proteggono e difendono i fraticelli spirituali fra Ludovico, fra Berardo, fra Tommaso fra Clementino da Atri. Questi affiancano fra Pietro assieme ai monaci morronesi fra Bartolomeo da Trasacco, fra Angelo da Caramanico e fra Tommaso da Sulmona; infine non c’è da dimenticare il Cardinale Benedetto Caetani ovvero Bonifacio VIII, che prenderà il posto di Celestino.


Il narratore è esterno, non essendo il protagonista e non avendo vissuto direttamente le vicende. Inoltre il romanzo (tranne i primi quattro moduli) si presenta in forma dialogata, e all’autore non rimane spazio per commenti personali.


GIUDIZIO PERSONALE:

Questo libro mi è piaciuto abbastanza, l’argomento mi incuriosiva ed è stato trattato in maniera piuttosto comprensibile, anche se in alcuni tratti, fin troppo approfondito. Del libro mi è piaciuto lo stile di scrittura sotto forma di dialoghi che ha facilitato la scorrevolezza della lettura e l’ha resa meno pesante. L’uso di termini specifici del campo religioso hanno complicato il linguaggio che non ritengo tuttavia difficile e complesso.








Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta