ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto letteratura

Relazione del libro “La Morte della Pizia” Friedrich Dürrenmatt



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Relazione del libro “La Morte della Pizia


Autore Friedrich Dürrenmatt

Anno di pubblicazione

Edizione del libro Piccola Biblioteca Adelphi


Il libro narra alcune vicende relative a Pannychis XI, Pizia, ovvero sacerdotessa, di Apollo al santuario di Delphi; il suo compito e’ quello di fare oracoli e fornire previsioni inventando tutto di sana pianta, in un vero e proprio bussiness gestito dal gran sacerdote del tempio.

La storia e’ completamente ambientata nel complesso di templi di Delphi, nei tempi antichi e seguendo un ordine cronologico naturale, anche se durante la narrazione vengono richiamati altri luoghi relativi alla vicenda.

Appaiono nel libro sono moltissimi personaggi, ma quelli principali sono : l’indovino Tiresia, la Pizia, la Sfinge ed Edipo, attorno al quale ruota tutta la faccenda. La descrizione dei personaggi è prevalentemente fisica, anche se l’autore si sofferma spesso a commentare la loro condizione e il loro operato; non esiste un vero e proprio protagonista, ma solo un fulcro della storia, per l’appunto Edipo, che è comunque una ura incerta che cambia identità con ogni nuova rivelazione.

Il racconto è una dissacrazione del mito di Edipo che ripropone le vicende già note tramite la tragedia scritta da Sofocle sotto una luce diversa e con continui colpi di scena. La Pizia, sacerdotessa di Apollo che si occupa degli oracoli di Delphi (che vengono regolarmente ati dai fruitori e registrati dal gran sacerdote), inventa tutte le profezie, come le Pizie che l’hanno preceduta e quelle che la seguiranno, a seconda del suo umore, e quando si trova davanti il giovane Edipo che vuole sapere la verità sui suoi genitori, gli fa l’oracolo che ben conosciamo; quando Edipo torna ormai vecchio e cieco al santuario e rivela alla Pizia che la sua profezia si è avverata, lei scoppia a ridere senza freno e continua anche quando il povero vecchio se ne è andato. Una sera, sentendosi vicina alla morte, si va a sedere sul suo tripode all’interno del tempio ed incominciano ad apparirle delle ombre che le si presentano come persone coinvolte nella storia di Edipo; anche Tiresia, potente indovino, le e d’innanzi e incomincia a parlare con lei della vicenda.



Da questo momento in poi la storia è tutta un intrecciarsi di colloqui, rivelazioni, scoperte e constatazioni, che porteranno a far crollare ogni certezza nel lettore che vedrà sire a poco a poco ogni convinzione nei meandri di ogni nuovo enigma che si presenta.

Il narratore racconta la storia da un punto di vista esterno, e molto spazio è lasciato ai dialoghi e ai commenti.





Commento


E’ un libro che mi ha appassionato, a differenza (anche se potrebbe sembrare strano) di gialli dello stesso autore (come “Il giudice e il suo boia” e “Il Sospetto”).

Mi è piaciuta molto l’idea di una rielaborazione di un mito classico in modo non convenzionale, e il sarcastico lavoro di analisi condotto da Dürrenmatt sulla vicenda, che porta a creare supposizioni, teorie e convinzioni che vengono puntualmente deluse per poi crearne di nuove in un continuo “e se” o “ma allora” lasciando comunque l’incertezza alla fine del libro, è stata una cosa che ho trovato fantastica ed estremamente interessante.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta