ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto ricerche

LA FORMAZIONE DELLE POLIS - ECONOMIA, LE POLIS, CULTURA E RELIGIONE



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LA FORMAZIONE DELLE POLIS


L’VII segna la fine dei secoli bui e l’inizio dell’ETA ARCAICA, in contrapposizione al grande sviluppo artistico e culturale dell’età classica, compresa tra il V e il IV secolo a.C. . In questa età nasce nel VII la cosiddetta POLIS, una nuova forma politico- amministrativa, si diffonde rapidamente in tutta il Mediterraneo e per la prima volta c’è una gestione collettiva al potere . Le condizioni economiche del demos sembrerebbero migliorate; la crescita della determina la funzione di un ceto artigianale che ora trova acquirenti anche tra i piccoli contadini . Molto spesso sono i METECI che esercitano che esercitano questo tipo di attività . Infine ai livelli più bassi di reddito e di considerazione sociale troviamo i TETI .

ECONOMIA

Lo sviluppo delle città della Grecia avvenne a partire dal VIII-VII secolo a.C. e fu determinato dal confluire dalla gran parte della popolazione . Le città greche furono piccole, come del resto poco vasto era il loro territorio da loro controllato . I contadini si trasferiscono in città, gli artigiani e i commercianti vi trovano i loro acquirenti e gli aristocratici trovano un luogo per la discussione e l’azione politica; così la crescita dell’urbanizzazione influisce sulla crescita economica . In questa epoca si viene a verificare una ripresa dei traffici commerciali, soprattutto della schiavitù .

LE POLIS




La funzione della polis rappresenta una radicale novità nel panorama mediterraneo . Il termine polis è generalmente tradotto con l’espressione città- stato . Per comprendere cosa è una polis occorre riflettere sul fatto che il termine polis deriva dal nostro termine politica; il termine polies corrisponde al termine cittadino (membro di uno Stato) e polieta corrisponde a corpo civico e Costituzione . Dunque la polis è un fenomeno politico che riguarda l’origine e l’

organizzazione del potere . I greci non identificarono mai l’idea di polis con quella di città; la polis era invece identificata con la comunità dei cittadini . I greci svilupparono questa nuova forma di potere avendo presente, come ovvio, il modello monarchico, la forma di potere tradizionale delle società mediterranee e mediorientali, ma modificandolo nella sostanza:

1-Ripartizione- divisione del potere

2-Sull’avvicindamento delle cariche

3-Sul controllo delle cariche

Se molti nobili desideravano esercitare il potere, allora il potere del re poteva essere diviso in una serie di poteri specifici e limitati. Ossia in MAGISTRATURE . Nessuna magistratura era a vita, e potevano essere “collegiali” dove un certo potere era gestito da più persone . L’insieme di tutte le magistrature, viene a costituire il centro di riferimento collettivo, il potere pubblico, che era venuto meno con la ssa delle monarchie . La polis è l’entità politica con cui un gruppo di euguali governa se stesso fondando e accettando un potere comune, dandosi leggi che tutti sono costretti a rispettare . Non esistono sudditi, ma cittadini uguali; la polis è autonoma e non può tollerare un potere che provenga dal suo esterno . Noi moderni siamo abituati a una concezione universalistica della cittadinanza: tutti coloro che per nascita fanno parte di una comunità sono cittadini e godono dei diritti civili e politici . Per i greci è diverso; si può nascere e vivere dentro le mura della città o al suo esterno senza essere cittadini della polis o essere cittadini senza diritti; la polis poteva escludere alcuni gruppi di cittadini dal potere politico .



CULTURA E RELIGIONE

Organizzata sulla base della polis, la vita politica greca fu sempre caratterizzata da un’accentuata frammentazione .

I greci ebbero però tuttavia ben viva la coscienza di appartenere a una medesima comunità; la lingua è unica, al di là dei dialetti greci . Ciò consente ai greci di comprendersi e riconoscersi tra loro, distinguendosi dai popoli che si esprimono in altre lingue . Alla comunanza della lingua fa riscontro la comune scrittura di derivazione fenicia .

La lingua e la scrittura rappresentano elementi comuni di una civiltà culturalmente omogenea .Tutti i greci si scontravano in un comune universo religioso . Il pantheon comune della polis greca è costituito da dodici divinità :

Zeus, Posidone, Afrodite, Apollo, Artemide, Ares, Athena, Ermes, Efesto, Era, Estia, Demetra, Ade . Nel pantheon, secondo alcuni interpreti, sarebbero essenzialmente confluite due tradizioni, quella uranica (da ouranos, il cielo) e quella ctonia (da khton, terra) . Nella prima le divinità sono collegati a elementi aerei, mentre nelle seconda le divinità sono collegate a elementi terrestri . Oltre al pantheon, altri luoghi religiosi erano i santuari e gli oracoli .







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta