ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto ricerche

TEMA ARGOMENTATIVO



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

TEMA ARGOMENTATIVO



A scuola, in classe, abbiamo parlato dell’attuale guerra che vede coinvolte la Serbia e la Nato: reputi che la scuola in generale e la tua in particolare debba occuparsi anche di questi problemi? Argomenta in modo esaustivo la tua posizione, adducendo esempi significativi.


Schema del tema

Problema: il dovere della scuola di occuparsi o no di problemi d’attualità nel mondo.

Tesi: mi reputo totalmente a favore dell’attualità nelle scuole.

Antitesi: a sfavore dell’attualità nelle scuole.

Argomentazioni a favore dell’antitesi più confutazione:

attualità fuori dal programma scolastico; possibili agganci con storia passata o spunti per temi;



perdita di tempo, grande maturazione nel confronto di opinioni.


Argomentazioni a favore della tesi:

importanti l’attualità e i contatti con il mondo esterno;

la possibilità di scambiare riflessioni con comni e professori;

cercare di aiutare chi ne ha bisogno.

Conclusione.

Interlocutore: uno zio = Registro stilistico famigliare


Svolgimento:


“Ciao zio!”

“Ciao Catia! La Tua mamma non è ancora tornata così ho pensato di cucinare io. Ti spiace?”

“No, affatto! Vedo che stai guardando il telegiornale.”

“Eh, si. Sempre quella tragica guerra in Serbia!”

“Già, ne abbiamo proprio parlato oggi a scuola.”

“E da quando in qua si parla di guerra a scuola? Ai miei tempi era già tanto se ci concedevano qualche minuto per la ricreazione, uriamoci se sospendevamo le lezioni per chiacchierare!”



“Ma zio, la guerra è un argomento serio, non abbiamo (come dici tu) chiacchierato, ma discusso!”

“E tu credi che sia una bella cosa che si parli di ciò nelle scuole?”

“Certo che è utile discutere d’attualità anche nelle scuole!”

“Ma non farmi ridere: l’attualità è fuori dai programmi scolastici, ne avete discusso solo per rimandare di qualche tempo la lezione di latino o di storia!”

“Tu stai scherzando! L’attualità, al contrario di quello che tu affermi, potrebbe essere molto utile all’insegnamento: può, infatti, essere di spunto per interessanti titoli di temi o coinvolgenti agganci con la storia dei paesi coinvolti in tali conflitti civili o politici o altro.”

“Io ripeto che tutto ciò è solo una perdita di tempo!”

“E ci risiamo con le tue perdite di tempo prezioso! Ma scusa la funzione principale della scuola non è per caso quella di maturarci per poi introdurci nel mondo degli adulti?”

“Sì, e allora?”

“Bé, io credo che trattare argomenti che ci riguardano direttamente per poi arricchirli con nostre riflessioni sia importantissimo per la maturazione di un individuo. Del resto lo fate anche voi adulti quando vi trovate riuniti a tavola o in altri luoghi o momenti di assemblea o riunione: l’incontro fra persone scaturisce un immediato confronto di idee e pensieri utili sia ad una profonda conoscenza di colui che ci troviamo davanti, sia ad un arricchimento personale.”

“Si, ma . ”

“Zitto, adesso lascia parlare un po’ me! Insomma, oltre ad una maturazione, la consapevolezza dell’attualità rappresenta tutti i possibili contatti con il mondo, necessari ad ognuno per poter condurre una vita normale. In poche parole, è come se tu volessi preparare un sugo ma non sei a conoscenza dell’esistenza dei pomodori. Stessa cosa vale per qualcuno che desidera girare il mondo senza sapere ciò che accade, è come viaggiare senza cartina, si perderebbe subito.

Inoltre un confronto di opinioni con insegnanti e comni è molto produttivo: gli insegnanti, che ne sanno più di noi della vita, potrebbero darci degli utili consigli e informazioni o addirittura descriverci le loro esperienze di infanzia, fatti di cronaca o anche di ricordi di guerre o dopoguerra, così che potremmo capire a fondo ciò che stanno provando quelli in difficoltà come in Serbia; noi giovani, invece, rappresentiamo il futuro ed è quindi importante che ognuno di noi conosca il proprio parere su ciò che accade oggi nel mondo così da non farlo più accadere domani.

Infine chissà che, durante una discussione, se ne esca qualcuno con informazioni molto utili su come aiutare questi paesi in difficoltà con viveri, abiti e altro. D’altronde, è già capitato in scuola di aiutare finanziariamente alcune missioni per i reduci di guerra e si è anche parlato di adottare un bambino a distanza!

Vedi, zio? Allora, ti ho convinto vero?”

“Si, io credo che . .”

“Ciao a tutti!”

“Ciao mamma, sei tornata finalmente! Com’è andata?”

“Bene.. ma, ho interrotto qualcosa?”

“No, mamma. Io e lo zio siamo solo d’accordo su un certo argomento!”







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta