ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto ricerche

saggio breve

ricerca 1
ricerca 2




TESTO



La cultura dell' "homo sapiens"è un prodotto di "coltivazione "della sua natura.

Vincenzo Polizzi



La cultura può essere considerata come opposta e distinta dalla natura?

E' vero che l'attività culturale dell'uomo produce un mondo molto differente da quello che si origina spontaneamente nell'ambito della vita vegetale e animale infra-umana;ma è anche vero che non bisogna esagerare con questa distinzione per non ridurre la natura umana al solo aspetto biologico. Quindi le attività intellettuali , razionali, matematiche, fantastiche, sono attività specifiche della natura umana.Il prodotto di essa è quella parte dell'ambiente costruita dall'uomo, come afferma Montagu.Quale significato si potrebbe dunque attribuire alla parola cultura? Prodotti condivisi dalla società umana in risposta ad esperienze ambientali, in cui essa è inserita e ad istinti naturali presenti nell'uomo.La cultura, dunque, racchiude tutti gli aspetti materiali(oggetti prodotti dagli esseri umani ai quali viene attribuito un significato , come scuole, edifici, manufatti, vestiti, veicoli . ..)e quelli non materiali, più astratti, tra cui, il linguaggio, le credenze , idee, valori, norme, usi, costumi, istituzioni .



La cultura è stata oggetto di numerosi studi e approcci divario tipo.L'approccio funzionalista analizza le componenti culturali e stabilisce qual è la funzione svolta per mantenere ordine nel sistema.L' approccio ambientale o ecologico, prende in considerazione gli elementi culturali nel contesto complessivo ambientale. L'approccio innato considera la cultura in risposta ad esigenze innate dell'uomo.Si può , quindi, vedere come cultura, società , ambiente e natura, siano strettamente collegate fra di loro.Sono d'accordo , quindi, a dire che esiste un rapporto tra cultura e natura,

anche se allo stesso modo è proprio essa che differenzia l'uomo dall'animale infra-umano.Cultura di per sť equivale a coltivazione , come afferma Vincenzo Polizzi, nel testo, quindi l'uomo ha il compito di coltivare, trasmettere, , le proprie capacità, di dare degli indirizzi, ampliando così la dimensione culturale , di assegnare dei significati e di assumersi delle responsabilità.E' necessario guardare la cultura , anche in rapporto allo sviluppo individuale e al progresso dell'umanità.Da ciò ne consegue chelo sviluppo individuale dell'uomo , può comportare un cambiamento nella società , modificando idee, valori, pensieri, metodi , tecniche , quindi aspetti della cultura.Tale sviluppo genera , un conflitto all'interno dell'ordine sociale.Esso può



essere positivoe costruttivo, se avvenuto come risposta ad un disagio, favorendo il progresso dell'umanità, senza andar contro alla stessa natura.In caso contrario, può rilevarsi negativo e comportare un rischio per l'umanità.In tal caso la cultura non sarebbe più sinonimo di "coltura" ovvero coltivazione, ma piuttosto di "distruzione".E' bene , quindi , che l'uomo non smarrisca il senso e la responsabilità del suo produrre ed inventare, essendo portavoce e punto centrale sia del progresso che del disfacimento dell'umanità.




Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta