ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia dell arte

LA PIETA’: “UN SADDO DA PRINCIPIO SENZA FORMA NESSUNA, ADESSO RIDOTTO A QUELLA PERFEZIONE, CHE LA NATURA A FATICA SUOL FORMAR NELLA CARNE”

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LA PIETA’:  “UN SADDO DA PRINCIPIO SENZA FORMA NESSUNA, ADESSO RIDOTTO A QUELLA PERFEZIONE, CHE LA NATURA A FATICA SUOL FORMAR NELLA CARNE”


La pietà è un gruppo marmoreo commissionata nel 1498 da un cardinale romano a Michelangelo, conclusa in un solo anno.                                                                                        L’iconografia dell’epoca de tema della Pietà consisteva nel rappresentare la Vergine Maria che tiene fra le braccia il corpo senza viga del lio deposto dalla croce. Tale composizione ebbe forse origine come riduzione della scena del compianto sul “Cristo morto”. Ma il particolare della pietà michelangesca è la Vergine Maria, rappresentata come una fanciulla dal volto appena velato di tristezza che sorregge amorevolmente il corpo del lio, invitando chi guarda a provare per lui il suo identico dolore, e questo perché appunto lo scopo di Michelangelo in quel periodo della sua vita era soltanto rappresentare la perfezione e l’armonia, due elementi che sono presenti ed evidenti in questo gruppo marmoreo. L’ampio panneggio con le sue ombre profonde, è il mezzo di cui l’artista si serve affinché, per contrasto, il corpo nudo, liscio e perfetto del Cristo abbia maggior risalto. È così che Michelangelo propone di contemplare degli esseri giovani e senza imperfezioni nei quali si riflette la bellezza di Dio.

La composizione ha uno schema piramidale, accentuato dall’ampio panneggio della veste di Maria. Ripiegandosi appena all’indietro, ella si oppone con grazia al peso del lio, riportando l’insieme ad uno schema compositivo unitario.

La Pietà 1498 -l499 Città del Vaticano Basilica di San Pietro







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta