ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia dell arte

Raffaello Sanzio

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Raffaello Sanzio



INTRODUZIONE

Raffaello Sanzio (Urbino 1483 - Roma 1520), pittore e architetto italiano, ura centrale del Rinascimento. lio del pittore Giovanni Santi, esordì nella bottega del padre, da cui si staccò a partire dal 1500. Nel primo periodo di attività dipinse sotto l'influenza dello stile del Perugino e alla maniera della scuola umbra, come testimoniano lo Sposalizio della Vergine (1504, Pinacoteca di Brera, Milano) e la Crocifissione con la Madonna, due angeli e i santi Gerolamo, Maddalena e Giovanni Evangelista (1503 ca., National Gallery, Londra).





IL PERIODO FIORENTINO

Alla fine del 1504 Raffaello si recò a Firenze con l'intento dichiarato di studiare le opere di Leonardo da Vinci, Michelangelo e fra Bartolomeo. La sua evoluzione artistica nel corso del soggiorno fiorentino può essere ripercorsa esaminando i numerosi dipinti sul tema della Madonna con il Bambino. Ancora di ispirazione umbra è la Madonna del Granduca (1504-l505, Palazzo Pitti, Firenze); alcune prove successive mostrano l'influenza di Leonardo nella composizione e nel ricorso alla prospettiva aerea: La belle jardinière (1507, Louvre, Parigi), Madonna del Cardellino (1507 ca., Galleria degli Uffizi, Firenze); mentre lo studio sull'opera di Michelangelo è evidente nella Madonna Bridgewater (1507 ca., National Gallery, Edimburgo). L'ultimo dipinto eseguito a Firenze, la Madonna del baldacchino (1508, Palazzo Pitti), una pala monumentale, rimase incompiuto a causa della partenza dell'artista per Roma.

Fra il 1504 e il 1508 Raffaello lavorò anche per la corte dei Montefeltro a Urbino, dipingendo molte tavole tra cui San Giorgio e il drago (1505 ca., National Gallery of Art, Washington). Ma l'esito più alto di questi anni è rappresentato dal Trasporto di Cristo morto, opera datata e firmata (1507, Galleria Borghese, Roma), una composizione movimentata che risente della lezione di Michelangelo, nella quale le ure mostrano una ricca varietà di attitudini e di espressioni.



IL PERIODO ROMANO

Nel 1508 Raffaello fu chiamato a Roma da papa Giulio II, che gli commissionò la decorazione ad affresco di quattro stanze in Vaticano. Il soffitto del primo ambiente, la Stanza della Segnatura (1509-l511), è decorato da quattro tondi con le allegorie della Teologia, della Filosofia, della Poesia e della Giurisprudenza. Sotto la Teologia è affrescata la scena della Disputa del Sacramento, mentre sulla parete sottostante la Filosofia c'è la celebre Scuola di Atene: all'interno di un'architettura illusionistica, ispirata probabilmente al Bramante e ai suoi progetti per la nuova basilica di San Pietro, e rappresentata con un rigoroso uso della prospettiva, Platone, Aristotele e altri filosofi dell'antichità studiano o discutono. Sotto la Poesia, è dipinto il Parnaso, con il dio greco Apollo circondato dalle Muse e dai grandi poeti.



Nella seconda stanza vaticana, detta Stanza di Eliodoro (1511-l514), Raffaello affrescò sulle pareti, con l'aiuto di allievi, alcuni episodi che testimoniano l'intervento di Dio nella storia della Chiesa: la Cacciata di Eliodoro, la Liberazione di san Pietro, l'Incontro di Attila e Leone Magno e la Messa di Bolsena.

Nel 1514, dopo la morte di Giulio II, il successore Leone X nominò Raffaello 'architetto della fabbrica di San Pietro' e un anno dopo 'conservatore delle antichità romane'. Preso da molteplici impegni e assorbito da varie attività, Raffaello dipinse solo una parte della terza stanza vaticana, nota come la Stanza dell'incendio di Borgo (1514-l517), mentre la quarta, la Stanza di Costantino, fu realizzata dagli allievi dopo la sua morte. Tra il 1514 e il 1517 Raffaello realizzò dieci cartoni rafuranti episodi della vita degli apostoli per gli arazzi della Cappella Sistina, oggi conservati al Victoria and Albert Museum di Londra. Inoltre progettò la Cappella Chigi per la chiesa di Santa Maria del Popolo, terminata dal Bernini, ed eseguì le decorazioni, tra cui il Trionfo di Galatea (1513 ca.), per la Villa Farnesina.

Oltre a queste opere universalmente note, Raffaello dipinse molte tele di analogo pregio. Tra i ritratti, genere in cui eccelleva per l'estremo realismo e la capacità di introspezione psicologica, si ricordano quelli di Giulio II (1511-l2, National Gallery, Londra) e di Leone X con due cardinali (1518-l9, Galleria degli Uffizi). Famosi e interessanti sono pure i ritratti di donne, tra cui la Velata (1516 ca., Palazzo Pitti, Firenze) e la Fornarina (1518-l9, recentemente restaurata, conservata a Palazzo Barberini, Roma), forse entrambi dedicati all'amante dell’artista, la cui immagine è resa con delicatezza di tratto e verità rappresentativa.

Un altro tema prediletto fu la Madonna (Madonna Sistina, 1514 ca., Gemäldegalerie, Dresda; Madonna della seggiola, 1514, Palazzo Pitti). Tra i quadri di soggetto religioso è infine doveroso ricordare la Trasurazione (1517-l520, Pinacoteca Vaticana), rimasta incompiuta alla morte di Raffaello e completata nella parte inferiore dall’allievo Giulio Romano: la tela costituirà un modello importante per i pittori del Seicento, in particolare per Caravaggio e Rubens.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta