ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia dell arte

STORIA DELL’ARTE: ALTO MEDIOEVO - ALTO MEDIOEVO, BASSO MEDIOEVO, GOTICO

STORIA DELL’ARTE: ALTO MEDIOEVO - ALTO MEDIOEVO, BASSO MEDIOEVO, GOTICO
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

STORIA DELL’ARTE :

ALTO MEDIOEVO


Il medioevo inizia nel 476 con la fine dell’impero d’Occidente, ma L’ARTE MEDIOEVALE inizia nel 568 a causa DELL’INVASIONE DEI LONGOBARDI.

L’arte medievale viene divisa in 2 DATAZIONI che però possono variare da zona a zona:

ALTO MEDIOEVO che va dal 568 al 1000

BASSO MEDIOEVO che va dal 1000 ai primi del 1400 e riguarda 2 periodi in particolare: il ROMANICO e il GOTICO


Per la differenza di datazione, in Francia per esempio il GOTICO è cominciato dal 1140 con la costruzione del coro di S. Denis, mentre in Italia inizia nel tardo 1200.


ALTO MEDIOEVO

L’arte di questo periodo è di tipo BARBARICO perché si sviluppa prima con i LONGOBARDI e successivamente con i FRANCHI.




CARATTERISTICHE:

si ha un ALLONTANAMENTO DALLA TENDENZA BIZANTINA, cioè alla annullazione della corporeità, dello spazio, della materia usando l’opus latericium all’esterno, della smaterializzazione con l’uso dei mosaici che fanno perdere il senso dello spazio e innalzano verso il divino, e SI RITORNA A UNA RAPPRESENTAZIONE PIÙ REALISTICA

è MENO ELEGANTE DI QUELLA BIZANTINA


ESEMPI ARTE ALTO MEDIOEVO:

L’ALTARE DEL DUCA RATCHIS: ci sono ancora elementi dell’arte bizantina, cioè il CHIARO SCURO LINEARE, la TIPIZZAZIONE, BIDIMENSIONALITÀ, RILIEVO PIATTO, MA sono presenti NUOVI ELEMENTI cioè il RECUPERO DEL MOVIMENTO, FORZA ESPRESSIVA, RECUPERO REALTA’ degli angeli nel riquadro maggiore o in quello più piccolo nell’adorazione dei magi

ALTARE DI SANT’AMBROGIO: anche qui ci sono legami con la realtà, dinamismo, LE URE HANNO MAGGIORE VOLUME E SONO INSERITE IN AMBIENTAZIONE DOVE DEFINISCE LA PROFONDITA’, LO SPAZIO, VOLUME, MOVIMENTO


BASSO MEDIOEVO


ROMANICO

Lo SPAZIO e la MATERIA vengono rivalutati, i MOSAICI quasi ANNULLATI, CHIARO- SCURI diventano importanti perché accentuano la materialità della struttura sia all’interno sia all’esterno.

Infatti si usano di più i PILASTRI rispetto le colonne, perché accentuano i chiari-scuri che mettono in rilievo la materia, mentre le colonne fanno scivolare la luce sulla superficie e donano un effetto smaterializzazione.

C’E’ STATO QUESTO CAMBIAMENTO DI TENDENZA PERCHE’ SI PENSAVA CHE BISOGNASSE ONORARE DIO E QUINDI COSTRUIRE COSE BELLE.





ESEMPI CHIESE ROMANICHE


BASILICA DI SANT AMBROGIO a MILANO: costruita su una antica chiesa, ricorda la antica struttura paleocristiana, infatti a differenza delle chiese medievali possiede ancora il QUADRIPORTICO la cui funzione però è nulla. Ha una FACCIATA A CAPANNA divisa in 2 ZONE, quella sotto che è la fine del nartece, e quella sopra che è un loggiato. Davanti al loggiato ci sono degli archi che seguono l’andamento degli spioventi la profondità cui crea una penombra perché il loggiato smorza la luce che filtra dentro. L’interno è formato da 3 ZONE ABSIDALI CIRCOLARI sia internamente che esternamente, ci sono 3 NAVATE che sono formate da quadrati detti CAMPATE. L’interno presenta in maniera RIDOTTA i MOSAICI perché si vuole mettere in evidenza la massa (quindi non deve essere ricoperta), i MATERIALI usati sono il COTTO e per le decorazioni il MARMO



BASILICA DI SAN GEMINIANO o DUOMO DI MODENA è diviso in TRE PARTI, ha LOGGETTE INQUADRATE DA ARCHI che arrivano fino a terra, ha un PROTIRO dove le autorità andavano per parlare, ha un grande ROSONE che però è stato aggiunto successivamente, e sulla FACCIATA A SALIENTI ci sono terminanti 2 TORRETTE aggiunte nel 900. la pianta è BASILICALE con 3 NAATE, 3 ABSIDI SEMICIRCOLARI, VOLTE A CROCERA. All’interno sono presenti delle soggette che hanno funzione solo STATICA E VISIVA. Il protiro è l’unico segno che ci rimane dell’antico nartece. (dopo pochi anni dalla sua costruzione bruciò perché le navate erano a CAPRIATA cioè in legno)



BISILICA DI SAN MARCO a Venezia che mantiene elementi bizantini (infatti è tappezzato di mosaici) poiché avevano contatti con Bisanzio. È a forma LONGITUDINALE anche se sembrerebbe a croce latina, 3 NAVATE, ANCHE IL TRANSETTO E’ DIVISO IN 3 PARTI, esternamente è formato da 5 CUPOLE MAGGIORI, ARCHI INFLESSI TIPICI DELLA CULTURA ISLAMICA. Anche questo ha subito cambiamenti infatti alcune decorazioni sono GOTICHE del XII e XIII



DUOMO DI PISA si trova nella piazza dei Miracoli, pianta a CROCE LATINA IMMISA, 5 NAVATE, 3 PARTI IL TRANSETTO, 1 ADSIDE SEMICIRCOLARE INT ED EST, copertura soffitto a LACUNARI. Per il lungo tempo di costruzione fu costruita POSTERIORMENTE DA BUSCHETO, e ANTERIORMENTE DA RAINALDO. Infatti ci sono differenze perché la parte posteriore ha soggette più strette e più alte di quella anteriore. FACCIATA A SALIENTI divisa in 5 parte, quella bassa è formata da ARCHI CECHI alternati con le porte, le altre 4 hanno tutti loggette simmetriche per abbellire e alleggerire.



Nella piazza dei Miracoli ci sono diversi edifici anche se sono stati costruiti in momenti diversi hanno tutti un collegamento, IL CICLO DELLA VITA infatti c’è il battistero che rappresenta la nascita, il duomo la vita, il campanile lo scorrere del tempo e il campo santo la morte.



SCULTURA ROMANICA

Maggiori esponenti:

WILIGELMO con i panelli nel DUOMO DI MODENA rappresentanti la GENESI, che hanno il senso della realtà, gli elementi sono volumetrici e narrativi accentuati per raccontare al meglio la storia

BENEDETTO ANTELAMI con la DEPOSIZIONE nel transetto del DUOMO DI PARMA




DESCRIZIONE DEPOSIZIONE 1178

A sinistra i CRISTIANI più alti che non sono accalcati, sono sotto il sole che è circondato da una ghirlanda, e CRISTO E PROTESO VERSO DI LORO.

A destra i ANI bassi, accalcati, sotto la luna con ghirlanda

MARIA tocca il suo braccio ed è alla sinistra

Ci sono due persone, Giuseppe da Ribatera e Nicodemo che cercano di toglierlo dalla croce.

TUTTI HANNO LA TESTA ABBASSSATA.


GOTICO

Grazie all’abate SUGER nella chiesa di Saint Denis viene ricostruito il coro sono suo suggerimento nel 1140 e da questi suggerimenti nacque il GOTICO.


INTERNO

FANTASMAGORIA ILLUMINISTICA, tende a esaltare gli aspetti irrazionali, con MOLTEPLICI APERTURE E FINESTRE ISTORIATE colorate con la tecnica del CLOISSONNE

ARCHI A SESTO ACUTO per aumentare il senso dell’altezza e per scaricare il peso su tutte e due i lati, VOLTE A CROCIERA

LA SCOPERTO DEL POSTO IN CUI CI SI TROVA MANO A MANO CHE SI AVANZA


IN ITALIA .

e verso il 1200, ci sono le vetrate colorate, gli archi a sesto acuto, ma gli SPAZI SONO PIU’ A MISURA D’UOMO, solo verso il XIV sec. si hanno gli aspetti più veraci del gotico.


ESEMPI CHIESE GOTICHE ITALIANE


BASILICA DI SAN FRANCESCO ad Assisi fatta nel 1228,a forma di CROCE LATINA, descrive un cammino che va dal buio alla luce,dal terreno al divino, dalla morte alla vita eterna. È formato da più parti: LA CRIPTA che è cupa e piccola, la NAVATA INFERIORE con volte a crociera, archi a sesto acuto, luce soffusa, basso, contrasti del chiaro-scuro, spazialità quasi romanica, la NAVATA SUPERIORE, ampia, luminosa, archi a sesto acuto alti, volte a crociera, finestre.

Ma rispetto al GOTICO FRANCESE E’ MENO DECORATO E PIU’ A MISURA D’UOMO.


BASILICA DI SANTA MARIA NOVELLA dei Domenicani, aspetti gotici francesi, volte a crociera, alta,finestre, ABSIDE RETTILINEO dove ora c’è il coro, CROCE LATINA COMMISSA (ALLA FINE) a Firenze, 3 NAVATE, PROSPETTIVA


BASILICA DI SANTA CROCE dei Francescani, CROCE LATINA COMMISSA, spazio misurabile, luminoso, a Firenze, ABSIDE POLIGONALE, COPERTURA A CAPRIATE, archi sesto acuto, finestre istoriate


CATTEDRALE SANTA MARIA DEL FIORE fatta da Arnolfo di Campio, e Francesco Talenti la INGRANDISCE con la sovrapposizione della croce greca sul corpo longitudinale ampliando zona posteriore specialmente il coro e il transetto


Galleria di foto e immagini per: medioevo


imagine cu medioevoimagine cu medioevo immagini medioevoimmagini/poza medioevo





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta