ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia dell arte

SURREALISMO

SURREALISMO
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

SURREALISMO


Il manifesto di questo movimento di avanguardia, scritto da Breton, viene pubblicato nel 1934, i presupposti per la sua nascita c’erano già prima ed è stato Apollinaire a coniare questo nome per descrivere il balletto Parade, le radici letterarie sono Baudelaire, Mallarmè e Lautremond.

Gli intellettuali che ne facevano parte sono:

Artaud

Batali

Eluard



Quenau

Hanno una grande apertura interdisciplinare, credevano nella rivoluzione socialista e i loro modelli erano Freud e Marx, questo movimento occupò la scena fino al secondo dopoguerra. Il filo conduttore fra le varie discipline era la lotta alla logica e l’accettazione di ogni aspetto dell’irrazionale.

Surrealismo: automatismo psichico puro attraverso cui si intende esprimere verbalmente o in altri modi il pensiero della mente e il dettato del pensiero senza il controllo della ragione, è al di là dell’estetica e della morale.

Breton era uno studente di medicina che arruolatosi finì nel centro neuropsichiatrico dove apprese i fondamenti della psicanalisi (arte è un mezzo per rimuovere i traumi), decise di andare a Vienna per conoscere Freud ma quest’ultimo non apprezzava l’arte moderna.

Metodi per garantire il flusso di coscienza:

scrittura automatica e automatismo psichico anche in pittura: scrivere e dipingere senza un progetto, lasciare fluire i pensieri e abbandonarsi al caso;

fotomontaggio

assemblage

frottage: inventato da Max Ernst, significa appoggiare su una superficie ruvida un foglio e passarci sopra il carboncino creando cose strane

manipolazione di pellicole cinematografiche

cadavres esquis: il primo faceva un pezzo di disegno, lo copriva, passava il foglio al secondo che ne faceva un altro pezzo e così via.

Nel 1925 a Parigi c’è la prima mostra surrealista a cui partecipano:

Harp



Ernst

Masson

Man Ray

Ricasso

Dechirico

Mirò

Nel 1942 a una mostra Duchamp costruisce in una sala un’immensa ragnatela di fili e bisognava passarci attraverso per raggiungere le opere, rappresentava la difficoltà del pubblico a leggere l’arte contemporanea.

Oggetto surrealista: non è il readymade dadaista, ha una valenza più emotiva per l’artista, ha un valore artistico per il solo fatto di essere stato scelto dall’artista, l’oggetto viene rielaborato perdendo la sua funzionalità e creando shok (per esempio una tazza ricoperta di pelliccia di Oppenheim o il telefono-aragosta di Dalì). L’artista proietta se stesso nell’oggetto, ma ci sono ance oggetti poetici come le scatole trasparenti con dentro bambole o oggetti importanti di Cornell.

Ernst sposa la miliardaria Peggy Gughenein, e fa opere come:

“La Madonna che sculaccia il bambino”: soggetto sacro che viene dissacrato con tre teste, rappresentanti Ernst, Breton e Eluard, che assistono a questa scena blasfema;

“Vestizione della sposa”: seminudo con mantello di piume e il copricapo di civetta che rappresenta la saggezza, di fianco c’è la verginità che viene cacciata e un uomo con il volto di un uccello fantastico che rappresenta il fallo maschile.

Tutti i surrealisti sono molto legati ai tabù sessuali, ai sogni proibiti e alla psicanalisi, volevano fare uscire le paranoie nel momento di veglia e la donna veniva vista in due modi o in senso ironico o in senso torbido e problematico.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta